Islanda, crescono i prezzi a giugno

stampa | chiudi

27 Giugno 2018  Scritto da: Redazione


Il tasso di inflazione in Islanda è aumentato al 2,6% a giugno del 2018. Il dato risulta maggiore rispetto al mese precedente (2%). I prezzi sono saliti velocemente per i diversi settori: cibo e bevande non alcoliche (3% dall'1,4% di maggio); ristoranti e alberghi (2,8% rispetto al 2,4%); salute (2,7% rispetto al 2,1%) e bevande alcoliche e tabacco (2,7% rispetto al 2,6%). D'altra parte, il costo è rallentato per beni e servizi vari (1,1% rispetto al 2,2%). Inoltre, l'inflazione è rimasta stabile per l'edilizia abitativa e le utilities (5,8%, lo stesso di maggio) e l'istruzione (2,1%). Nel frattempo, i prezzi hanno continuato a diminuire per ricreazione e cultura (-0,1% rispetto al -1,3%); mobili e attrezzature per la casa (-0,8% rispetto al -1,7%); abbigliamento e calzature (-5,3% rispetto al -4,1%) e comunicazione (-7,3% rispetto a -8,3%). Su base mensile, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,6%, rimbalzando da un -0,1% a maggio.

Passando ai dati storici, negli ultimi 5 anni l’indice di inflazione massimo annuale in Islanda di 4,34% è stato raggiunto a settembre del 2013, invece il minimo di 0,8% risale a febbraio del 2015. Su base mensile il massimo dell’1% è stato toccato a marzo del 2015, invece il minimo di -0,72% risale a febbraio del 2014.