Discorso riassuntivo di Mario Draghi del 19 giugno

stampa | chiudi

20 Giugno 2018  Scritto da: Redazione


L’economia dell’area euro continua su un sentiero di crescita e l’inflazione sta gradualmente tornando al obiettivo prefissato della BCE. La considerazione è contenuto nel discorso fatto nel simposium di Sintra. Per quanto riguarda la politica monetaria della BCE, i progressi verso un aggiustamento sostenuto dell’inflazione sono stati finora notevoli. Sul mercato del lavoro invece, questa è stata una ripresa ricca di nuovi occupati. Rispetto alle precedenti fasi di crescita a partire dal 1975, il contributo del lavoro alla crescita è stato il più alto mai registrato, rappresentando quasi la metà della crescita media annua. Le imprese dovrebbero rafforzarsi patrimonialmente per innalzare la capacità, un proccesso che è gia iniziato con l’aumento degli investimenti della imprese e che ora si trova al di sopra del livello pre-crisi.

In linea di massima, la domanda interna è robusta e il motore principale dell’espansione, il circolo virtuoso tra occupazione e consumo è ancora in vigore. La domanda esterna è stata meno positiva, ma ciò può in parte riflettere un rallentamento derivante dalla forte performance delle esportazioni dell’anno scorso, nonché fattori temporanei nei nostri principali partner commerciali.

Guardando la curva di Philips della retribuzione standard per l’area dell’euro si sta gradualmente riducendo e la crescita dei salari sta iniziando a salire. La retribuzione per dipendente è aumentata dalla sua depressione a metà 2016 e ora sta crescendo all’1,9%. Una maggiore crescita dei salari non si traduce meccanicamente in un’inflazione più elevata. La chiave è che le aspettative di inflazione rimangono ben ancorate.

Infine, i tassi di interesse rimarrano ai livelli attuali fino al’estate 2019. Resteremo pazienti nel determinare i tempi del primo aumento dei tassi e avremo un approcio graduale all’adeguamento della politica in seguito.