“Il Governo non ascolta le Regioni sul Quinto Conto Energia e le altre Rinnovabili Elettriche: duro colpo alle prospettive di tutte le rinnovabili - la dichiarazione del Presidente di ISES ITALIA, G.B. Zorzoli”

stampa | chiudi

9 Luglio 2012  Scritto da: Redazione


<p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><i><span style="mso-bidi-font-size:11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;">Roma, 9 luglio 2012</span></i><span style="mso-bidi-font-size:11.0pt;font-family: &quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;"> &ndash; &ldquo;</span><span style="mso-bidi-font-size:11.0pt; font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">Il rifiuto del Governo di accogliere la quasi totalit&agrave; dei miglioramenti al V Conto Energia e al Decreto sulle altre rinnovabili elettriche, proposti dalle Regioni e dalle associazioni di categoria, non si giustifica con la conclamata volont&agrave; di dare priorit&agrave; alla promozione delle rinnovabili termiche e dell&rsquo;efficienza energetica. <o:p></o:p></span></p> <p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><span style="mso-bidi-font-size: 11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">&nbsp;</span></p> <p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><span style="mso-bidi-font-size: 11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">Se questo fosse l&rsquo;obiettivo, perch&eacute; i relativi provvedimenti che, ai sensi del Decreto 28/2011, dovevano essere varati entro settembre dello scorso anno, ancora non sono pronti e supereranno quindi il gi&agrave; inqualificabile ritardo con cui &egrave; stato emanato il decreto sulle altre rinnovabili elettriche? Perch&eacute; non si &egrave; dato vita nemmeno al fondo di garanzia, essenziale per lo sviluppo del teleriscaldamento a biomasse? <o:p></o:p></span></p> <p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><span style="mso-bidi-font-size: 11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">&nbsp;</span></p> <p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><span style="mso-bidi-font-size: 11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">Anche l&rsquo;affermazione di voler lasciare maggiori margini di incentivazione all&rsquo;efficienza energetica e alla produzione di calore &egrave; contraddetta non solo dall&rsquo;esiguit&agrave; degli incentivi specifici e del loro ammontare complessivo, che si ritrovano nelle bozze di decreto attualmente in circolazione, ma anche dal rifiuto di accettare le proposte di modifica ai decreti appena emanati che &ndash; ed erano la maggior parte &ndash; riguardavano esclusivamente la riduzione/eliminazione di ostacoli burocratici, al fine di ridurre i costi indiretti e di privilegiare le reali scelte imprenditoriali rispetto a manovre meramente speculative. Invece di un diniego, un Governo realmente interessato ad aumentare gli incentivi alle rinnovabili termiche e all&rsquo;efficienza energetica a tali richieste avrebbe potuto contrapporre lo scambio fra la riduzione dei costi indiretti, prodotta dalle semplificazioni burocratiche, e una riduzione di pari entit&agrave; agli incentivi per il fotovoltaico e le altre rinnovabili elettriche.<o:p></o:p></span></p> <p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><span style="mso-bidi-font-size: 11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">&nbsp;</span></p> <p class="MsoNormal" style="text-align:justify"><span style="mso-bidi-font-size: 11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;;mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;">Da questa vicenda ricevono un duro colpo non solo le prospettive di tutte le rinnovabili, ma, deprimendo un settore che negli ultimi anno ha svolto una funzione anticiclica, anche quelle di rilancio dell&rsquo;economia italiana </span><span style="mso-bidi-font-size:11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;">&ndash; lo dichiara il presidente di ISES ITALIA, <i>G.B. Zorzoli</i>.&rdquo;&nbsp;</span><span style="mso-bidi-font-size:11.0pt;font-family:&quot;Verdana&quot;,&quot;sans-serif&quot;; mso-bidi-font-family:&quot;Times New Roman&quot;"><o:p></o:p></span></p>