CREDEMFACTOR (GRUPPO CREDEM) CHIUDE IL 2011 CON UTILE NETTO A 4,9 MILIONI (+80,5%) e IMPIEGHI + 22,9%.

stampa | chiudi

19 Aprile 2012  Scritto da: Redazione


<p>- Utile netto +80,5% a 4,9 milioni di euro rispetto a 2,7 milioni di euro a fine 2010;</p> <div>- Impieghi a 457 milioni, +22,9% a/a;</div> <div>- Crediti per factoring (outstanding) a quota 591 milioni, +20,9% a/a;</div> <div>- Turnover crediti ceduti + 6,4% a/a, pari a 1.366 milioni.</div> <div>Il consiglio di amministrazione di Credemfactor, societ&agrave; del Gruppo Credem specializzata nel&nbsp;factoring, guidata dall&rsquo;amministratore delegato Luciano Braglia ha approvato nelle</div> <div>settimane scorse il bilancio d&rsquo;esercizio 2011 che evidenzia un utile netto di 4,95 milioni di</div> <div>euro in crescita dell&rsquo;80,5% rispetto ai 2,75 milioni del 2010 influenzato positivamente dallo</div> <div>sviluppo commerciale, dall&rsquo;incremento del fatturato e del margine di intermediazione.</div> <div>Nel dettaglio gli impieghi ammontano a 457 milioni di euro, +22,9% a/a ed il turnover dei</div> <div>crediti ceduti &egrave; salito a 1.366 milioni di euro, +6,4%. In crescita del 20,9% a/a anche</div> <div>l&rsquo;outstanding che &egrave; pari a 591 milioni di euro. In particolare, il prodotto che pi&ugrave; ha trainato lo</div> <div>sviluppo dell&rsquo;attivit&agrave; &egrave; stato il factoring pro-soluto, che ha raggiunto a fine 2011 i 674 milioni</div> <div>di euro di turnover, con un incremento a/a del 31%. Il factoring pro-soluto rappresenta il</div> <div>49,3% dei volumi globali (nel 2010 era il 40%).</div> <div>&ldquo;Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla forte sinergia e collaborazione con le reti di</div> <div>vendita del gruppo Credem&rdquo;, ha commentato Luciano Braglia, amministratore delegato di</div> <div>Credemfactor. &ldquo;Per il futuro punteremo a migliorare i prodotti affinch&egrave;, in momenti di difficolt&agrave;&nbsp;economica come questi, le imprese possano contare su un&rsquo;ulteriore forma di sostegno del&nbsp;factoring. Trasformare i crediti in cassa&rdquo;, ha continuato Braglia, &ldquo;significa, da una parte,&nbsp;trasformare il tempo in liquidit&agrave; immediata, e dall&rsquo;altra, utilizzare servizi specializzati di&nbsp;gestione dei crediti stessi, siano essi verso societ&agrave; o enti pubblici. Questo costituisce&nbsp;un&rsquo;opportunit&agrave;, o forse oggi anche una necessit&agrave;, da valutare con grande attenzione. Oltre ad&nbsp;una gestione pi&ugrave; efficace del circolante, Credemfactor pu&ograve; mettere a disposizione anche&nbsp;strumenti a sostegno dei fornitori strategici. Il nostro obiettivo&rdquo;, ha concluso Braglia, &ldquo;&egrave;&nbsp;portare soluzioni alla nostra clientela che siano complementari all&rsquo;offerta del Gruppo Credem&rdquo;.</div> <div>Credemfactor opera su tutto il territorio nazionale con 11 filiali dirette a Reggio Emilia,</div> <div>Bologna, Milano, Roma, Torino, Vicenza, Modena, Prato, Bari, Catania, Palermo e attraverso la&nbsp;rete la rete distributiva del Gruppo Credem costituita da 560 filiali, 43 centri imprese, 50</div> <div>negozi finanziari, circa 800 promotori finanziari ed oltre 270 agenti finanziari Creacasa.</div> <div>&nbsp;</div>