Condominio: apposizione di targhe e insegne sul muro comune

21 Febbraio 2011 - Autore: BlogCondominio.com - Consulenza Legale Condominio

 

Avv. Giuseppe D.Nuzzo

 
L’apposizione di targhe, insegne o cartelli sui muri perimetrali del condominio per dare risalto pubblicitario all’attività professionale o commerciale svolta, costituisce normale esercizio del diritto di usare la cosa comune spettante a ciascun condomino.

Ne consegue che tale utilizzazione del muro comune incontra i limiti generali stabiliti per l’uso della cosa comune, stabiliti dall’art. 1102 c.c.: l’affissione è consentita purché non alteri la naturale e specifica destinazione del muro quale sostegno dell’edificio condominiale e non impedisca agli altri condomini di fare uguale uso del bene comune.

Limiti ulteriori all’apposizione di targhe e insegne, tuttavia, possono derivare dal regolamento di condominio che, ad esempio, potrebbe impedire qualsiasi mutamento dei muri perimetrali e dell’aspetto estetico generale dell’edificio, a tutela del decoro architettonico.

Anche l’assemblea di condominio può predisporre dei limiti, vietando l’apposizione di targhe, insegne, cartelli e simili sui muri perimetrali, negli androni e sui muri interni comuni, oppure individuando la tipologia di insegne ammesse o, ancora, subordinando l’utilizzo delle stesse ad una apposita autorizzazione dell’amministratore. In un caso o nell’altro, siamo di fronte a limitazioni del normale uso della cosa comune, con la conseguenza che tali divieti potranno essere inserite nel regolamento o deliberati dall’assemblea solo con il consenso unanime di tutti i condomini (c.d. clausole contrattuali).

 
 



            

Altri articoli scritti da BlogCondominio.com - Consulenza Legale Condominio

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades