ActivTraderApp
FinanzaeDiritto sui social network
19 Novembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Processo tributario. Le novità della Circolare 11 settembre 2009 n. 41/E sul processo tributario - post sisma Abruzzo

15 Settembre 2009 - Autore: Studio Legale e Tributario Giommi


In sintesi la Circolare emessa dall'Agenzia delle Entrate 11/09/2009, n. 41/E enuncia e chiarisce i seguenti argomenti:

 


•sono sospesi fino al 31 luglio 2009 i processi tributari che erano pendenti - alla data del 6 aprile 2009 - innanzi alla CTP di L'Aquila, alla CTR dell'Abruzzo con sede a L'Aquila e alla Commissione tributaria centrale, sezione regionale Abruzzo, a prescindere dalla residenza, dal domicilio o dalla sede delle parti;

•fanno eccezione i procedimenti cautelari, per i quali non opera la sospensione;


•sono sospesi i termini per il compimento di qualsiasi atto del procedimento da svolgersi presso gli uffici giudiziari aventi sede nei comuni colpiti dal sisma.Nel caso in cui i termini per il ricorso o per l'appello erano pendenti alla data del 6 aprile 2009, la disciplina dei termini processuali cambia a seconda della residenza o della sede operativa delle parti


•per i soggetti residenti opera la sospensione dei termini processuali fino al 31 luglio 2009, a beneficio anche di tutte le altre parti del processo. Si segnala, a tal proposito, la proroga dei termini al 31 dicembre 2010, prevista dall'O.P.C.M. in favore degli uffici delle Entrate, con sede nei Comuni interessati dal terremoto e degli altri uffici fiscali che operano nei confronti di contribuenti con domicilio negli stessi comuni colpiti dal sisma: come sottolineato dalla circolare n. 41/E/2009, tale proroga assorbe il più delle volte gli effetti delle sospensioni previste precedentemente;


•per i soggetti non residenti che, alla data del 5 aprile 2009, non avevano sede operativa, né esercitavano attività lavorativa nei comuni indicati, non opera alcuna sospensione. Né trova applicazione la proroga al 31 dicembre 2010 prevista dall'O.P.C.M. n. 3780/2009, salvo che ricorrano specifiche condizioni (quali la presenza, nel procedimento, di persone fisiche domiciliate fiscalmente o la cui attività aveva sede in uno dei Comuni non compresi nell'elenco ufficiale delle zone colpite dal sisma, ma le cui abitazioni o immobili, sede di attività produttive, sono stati oggetto di ordinanze sindacali di sgombero per inagibilità totale o parziale, attestato mediante perizia giurata).

Studio Legale Giommi
www.studiolegalegiommi.it

 




            

Altri articoli scritti da Studio Legale e Tributario Giommi

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades