fxdemo
FinanzaeDiritto sui social network
31 Marzo 2020  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




COMUNICATO STAMPA - Fispmed

13 Luglio 2009 - Autore: Fispmed Onlus


LA FISPMED ONLUS la più ampia piattaforma civile del Mediterraneo e del Mar Nero in concomitanza con la prima riunione dei Ministri dell’ambiente dell’Unione per il Mediterraneo (svoltasi a Parigi il 25 giugno 2009), ha trasmesso una lettera-appello per lo sviluppo sostenibile e la lotta alla povertà.

La Fispmed ha inviato ai capi di governo dell’UPM una lettera-appello per sottolineare la necessità urgente  dell’avvio di uno strumento di lavoro, concreto e fattivo che possa dare alle popolazioni del Mar Nero e del Mediterraneo un futuro stabile, pacificato, prospero e felice.

Lo strumento individuato e sancito nella riunione solenne di Marsiglia del 3 e 4 novembre 2008, che prende il nome di Unione per il Mediterraneo, ad avviso della Fispmed può rappresentare la soluzione ideale per affrontare i problemi e definire le strategie di questo bacino per il futuro.

La Fispmed ha anche richiamato nella lettera-appello le conclusioni della Presidenza  del Consiglio dell’Unione del 18 e 19 giugno 2009. Tali conclusioni di fatto hanno portato l’accento sullo sviluppo sostenibile, sul processo di pace in Medio Oriente, sul partenariato orientale.
 
In particolare per quanto riguarda lo sviluppo sostenibile, il Consiglio afferma che resta uno degli obiettivi fondamentali dell’Unione Europea, che si articola nelle dimensioni economica, sociale e ambientale.

Il Consiglio ha ribadito la necessità di sostenere il partenariato orientale e il processo di pace in Medio Oriente.

Infine c’è stato il richiamo al Consiglio dei Paesi del Mar Baltico, la cui strutturazione logistica ci pare essenziale anche per la buona gestione delle attività dell’Unione per il Mediterraneo, in particolare per la sensibilità e l’attenzione posta formalmente alla partecipazione, informazione e condivisione dei cittadini sui problemi e sulla pianificazione delle soluzioni e la realizzazione delle necessarie opere infrastrutturali a nord come a sud ed est dell’Europa.

La Fispmed infine, sulla base delle conclusioni della Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea crede sia ancor più urgente superare gli ostacoli e le indecisioni che ancora frenano l’operatività dell’Unione per il Mediterraneo.

Riteniamo inoltre che l’Unione per il Mediterraneo dovrà dialogare con l’area del Mar Nero fin dai suoi “primi passi” a partire da un confronto tra i Parlamenti del Mediterraneo, del Mar Nero e del Parlamento EuroMediterraneo perché solo il confronto tra la società civile, i rappresentanti eletti e i Governi potrà dar slancio, linfa e forza al progetto: Unione per il Mediterraneo.

Venezia, 26 giugno 2009
 




            

Altri articoli scritti da Fispmed Onlus

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento











Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades