corporatecounsel
FinanzaeDiritto sui social network
19 Luglio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




UBI BANCA OTTIENE L'AUTORIZZAZIONE ALL'UTILIZZO DEI MODELLI INTERNI DI MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO “CORPORATE” E DEI RISCHI OPERATIVI

22 Maggio 2012 - Autore: Redazione


Bergamo, 22 maggio 2012 - Si comunica che UBI Banca ha ricevuto da Banca d’Italia le autorizzazioni necessarie per l’utilizzo dei modelli interni al fine della misurazione del rischio di credito verso le imprese (di seguito “Corporate”) e dei rischi operativi, già a partire dalle segnalazioni riferite al 30 giugno 2012.

Tali autorizzazioni rappresentano un passo fondamentale nell’ambito del processo per il rafforzamento patrimoniale del Gruppo previsto nell’ambito del piano inviato all’EBA per il tramite dell’Autorità di Vigilanza nazionale.

Grazie alla riduzione delle attività ponderate per il rischio consentita dall’utilizzo dei modelli interni, il Core Tier 1 del Gruppo, che si attestava già al 9,01% al 31 marzo 2012, risulterebbe, in base alle prime stime alla stessa data e pro-forma, pari al 9,86%, registrando un miglioramento di circa 85 punti base.

Si rammenta che l’autorizzazione all’utilizzo dei modelli interni rimane per il momento circoscritta al perimetro “Corporate” delle 9 Banche Rete e di Centrobanca, che rappresenta il 45% circa dei rischi di credito del Gruppo.

L’autorizzazione non include, per quanto riguarda i rischi di credito, i portafogli di UBI Leasing e di UBI Factor, nonché tutto il segmento retail (imprese e privati) sia nelle Banche Rete che in Banca 24/7 e nelle altre entità giuridiche del Gruppo, e non include inoltre i rischi controparte e di mercato.

L’utilizzo dei modelli interni per la determinazione dei rischi non inclusi nell’autorizzazione ricevuta saranno oggetto di un piano progressivo di implementazione, concordato con l’Autorità di Vigilanza.

Si precisa infine che la stima di cui sopra non comprende ancora le ulteriori azioni di razionalizzazione delle attività ponderate per il rischio già svolte o in corso di esecuzione a partire da fine marzo 2012 (ad esempio passaggio di riserve di rivalutazione a patrimonio, ecc…) che ci si attende porteranno benefici aggiuntivi sui coefficienti patrimoniali calcolati al 30 giugno 2012.

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades