FinanzaeDiritto sui social network
17 Settembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




SUCCESSO PER ENI NEL GOLFO DEL MESSICO

20 Aprile 2012 - Autore: Redazione


Campagna di delineazione della scoperta di Heidelberg eseguita con successo per Eni nel Golfo del Messico e, più precisamente, sono stati delineati due pozzi nel Blocco Green Canyon 903 per provare l’estensione della scoperta effettuata  nel 2009.
 
I due pozzi, che hanno individuato la presenza di olio 213 metri piu' in profondità rispetto al pozzo di scoperta, sono stati perforati in 1.603 metri di profondita' d'acqua e hanno raggiunto una profondità misurata complessiva di 9.460 e 9.278 metri rispettivamente.
 
Cosa significa questo? L’estensione dell’area del giacimento è aumentata considerevolmente, tanto da valutare risorse recuperabili fino a 200 milioni di barili. Oltre ad Eni, che detiene in Heidelberg la quota del 12,5%, i partner della Joint Venture sono Anadarko Petroleum Corporation (Operatore, 44,25%), Apache Corporation (12,5%), Statoil (12%), Cobalt International Energy, L.P. (9,375%) ed ExxonMobil (9,375%). 
 
Ma le partecipazioni di Eni nel Golfo del Messico non si fermano qui: ammontano ben a 305 con una produzione netta giornaliera di circa 90 mila barili di olio, dei quali circa il 60% in qualità di Operatore. E ancora in Alaska dove le partecipazioni sono a quota 117 fra permessi onshore e offshore. 
 



            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades