fxdemo
FinanzaeDiritto sui social network
7 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Seat Pagine Gialle: approvati dal Consiglio di Amministrazione i Risultati dell'esercizio 2009. Ricavi consolidati a Euro 1.209,8 milioni in calo dell'11,1%

18 Marzo 2010 - Autore: Redazione


Seat Pagine Gialle: approvati dal Consiglio di Amministrazione i Risultati dell'esercizio 2009

EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA' GRAZIE ALL'EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO DEI COSTI OPERATIVI E NONOSTANTE IL CALO DEI RICAVI A CAUSA DEL DIFFICILE CONTESTO ECONOMICO.

RICAVI consolidati a Euro 1.209,8 milioni in calo dell'11,1% con il core business in Italia che mostra performance migliori a quelle del mercato di riferimento, limitando la decrescita al 7,7% grazie principalmente al forte sviluppo del business online.
In Italia RICAVI online in crescita del 20%, con una performance superiore di circa due volte a quella del mercato, e traffico su PAGINEGIALLE.it® a +25,6%.
EBITDA consolidato a Euro 527,6 milioni, in linea con la guidance e marginalità stabile (43,6%) grazie alla strategia che ha portato al raggiungimento di cost saving operativi e industriali a livello di Gruppo di oltre Euro 40 milioni, di cui oltre Euro 20 milioni in Italia.
EBIT in miglioramento a Euro 245,7 milioni (+7,6%) per effetto della riduzione degli ammortamenti e svalutazioni extra-operative.
UTILE ANTE IMPOSTE positivo a Euro 31,2 milioni (negativo di 19,9 milioni nell'esercizio 2008) beneficiando della forte riduzione degli oneri finanziari netti (-13,5%).
INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO a Euro 2.762,8 milioni, in linea con la guidance escludendo l'impatto di Euro 12 milioni circa per la chiusura anticipata di derivati su tassi divenuti eccedenti in seguito all'emissione del bond, in diminuzione di Euro 319,2 milioni rispetto all'esercizio 2008, grazie all'aumento di capitale, ai minori interessi passivi e all'elevata generazione di cassa operativa.

OUTLOOK 2010

In Italia RICAVI print e online del primo trimestre 2010 attesi fra +7% e +9%, sostenuti da una crescita dell'online prevista superiore al 30% (obiettivo di circa 15 mila pacchetti venduti nel primo trimestre).
Nel primo semestre i RICAVI dell'offerta core saranno influenzati dalla pubblicazione dei volumi delle grandi città (Milano e Torino, in gran parte venduti nel 2009), ma sostenuti dalla forte crescita dell'online.
In Italia i RICAVI 2010 dell'offerta online sono previsti in crescita e con performance superiori a quelle del mercato, grazie all'innovazione di prodotto e alla strategia multimediale (obiettivo di 80 mila pacchetti venduti nel 2010).
A livello di Gruppo sono tuttora in corso una riorganizzazione delle principali attività e una profonda revisione della struttura dei costi, con un obiettivo di riduzione di costi operativi e industriali di oltre Euro 40 milioni.
Sulla base delle iniziative poste in essere l'EBITDA di Gruppo è atteso fra Euro 480 milioni e 510 milioni.
Più dettagliate GUIDANCE su RICAVI, EBITDA e INDEBITAMENTO saranno comunicate nel corso dei prossimi mesi, quando sarà possibile valutare pienamente il successo dell'offerta di pacchetti multimediali e sarà possibile avere maggiore visibilità sugli effetti potenziali di una ripresa dell'economia.


Milano, 16 marzo 2010 – Il Consiglio d'Amministrazione di Seat Pagine Gialle S.p.A. – sotto la presidenza di Enrico Giliberti – ha approvato oggi, su proposta dell'Amministratore Delegato Alberto Cappellini, il progetto di bilancio relativo all'esercizio 2009.


RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2009

Andamento dei ricavi

Ricavi consolidati a Euro 1.209,8 milioni in calo del 11,1% rispetto all'esercizio 2008.
Al lordo delle elisioni tra Aree di Business, la composizione dei ricavi è la seguente:

"Directories Italia" (SEAT Pagine Gialle S.p.A.): i ricavi nel 2009 si sono attestati a Euro 952,2 milioni, in diminuzione del 10,1% rispetto all'esercizio 2008. La performance dell'offerta core (carta-internet-telefono), sebbene in diminuzione del 7,7% ha presentato un andamento migliore rispetto agli altri prodotti, grazie in particolare all'elevata crescita delle attività internet.
"Directories UK" (gruppo Thomson Directories): i ricavi nel 2009 si sono attestati a Euro 81,4 milioni, in calo del 31,1% rispetto al 2008. La contrazione dei ricavi è da attribuirsi principalmente ad una situazione di mercato particolarmente difficile e complessa nel Regno Unito che ha influenzato tutti gli operatori media.
"Directory Assistance" (gruppo Telegate e Prontoseat S.r.l.): i ricavi sono stati pari a Euro 165,4 milioni nel 2009, in diminuzione del 5,9% rispetto al 2008. In particolare, il Gruppo Telegate ha registrato una riduzione dei ricavi del 6,2%, a Euro 153,9 milioni; imputabile principalmente all'andamento del business in Germania, a seguito della contrazione sul numero delle chiamate. Nel corso del 2009, il Gruppo ha proseguito nel processo di trasformazione del proprio business attraverso la focalizzazione delle proprie attività sul mercato "Local Search", con l'offerta di una gamma di prodotti sempre più varia, in particolare per la piattaforma mobile. Grazie a tali azioni, i ricavi pubblicitari internet si sono attestati a Euro 24,3 milioni (in crescita del 31,4% rispetto al 2008) e rappresentano circa il 20% dei ricavi complessivi del mercato tedesco.
 "Altre attività" (Europages, Cipi e Consodata): i ricavi si sono attestati a Euro 63,9 milioni nell'esercizio 2009, in calo del 9,1% rispetto all'esercizio precedente, a causa principalmente del difficile contesto economico, sia in Italia sia all'estero, in cui le partecipate hanno operato.

Andamento del MOL

Il margine operativo lordo (MOL) si è attestato a Euro 588,6 milioni nell'esercizio 2009, con una diminuzione di Euro 69,0 milioni rispetto al 2008. La sua incidenza sui ricavi è salita al 48,7% (48,3% nel 2008). Tale risultato è stato raggiunto grazie alle mirate azioni di contenimento dei costi operativi, che hanno permesso di contrastare in misura più che proporzionale la riduzione registrata a livello di ricavi.

Andamento dell'EBITDA

Il risultato operativo prima degli ammortamenti, degli oneri netti non ricorrenti e di ristrutturazione (EBITDA) è stato pari a Euro 527,6 milioni nell'esercizio 2009, in diminuzione del 12,5% rispetto al 2008 (Euro 602,7 milioni), con un'incidenza sui ricavi del 43,6% sostanzialmente stabile rispetto all'esercizio precedente.

Andamento del risultato operativo (EBIT)

Il risultato operativo (EBIT) si è attestato a Euro 245,7 milioni nel 2009, in crescita del 7,6% rispetto all'esercizio precedente (Euro 228,3 milioni). Il risultato beneficia soprattutto di minori ammortamenti extra-operativi e presenta un'incidenza sui ricavi pari al 20,3% (16,8% nel 2008).

Risultato dell'esercizio

L'utile ante imposte è positivo a Euro 31,2 milioni, mentre il risultato del periodo, negativo per Euro 37,7 milioni nel 2009 (negativo per Euro 179,7 nell'esercizio 2008) è migliorato di Euro 142,0 milioni rispetto all'esercizio precedente. Senza considerare la svalutazione di Euro 91,3 milioni del goodwill riferito a Thomson il risultato dell'esercizio sarebbe stato positivo per Euro 53,5 milioni.

Andamento del flusso di cassa operativo

Il free cash flow operativo, generato nel 2009 (Euro 456,3 milioni) è risultato inferiore di Euro 91,1 milioni rispetto a quello generato nel 2008 (Euro 547,4 milioni). La diminuzione è dovuta al peggioramento dell'EBITDA e ad una riduzione del capitale circolante operativo. Sul free cash flow operativo hanno inciso anche gli investimenti industriali, in aumento di Euro 5,1 milioni rispetto al 2008.

Andamento dell'indebitamento finanziario netto

L'indebitamento finanziario netto ammonta a Euro 2.762,8 milioni al 31 dicembre 2009, in diminuzione di Euro 319,2 milioni rispetto al 31 dicembre 2008 e in linea con la guidance se si escludono costi per Euro 12 milioni circa per la chiusura anticipata di derivati su tassi divenuti eccedenti in seguito all'emissione del Senior Secured Bond. 

PRINCIPALI SOCIETA' DEL GRUPPO
SEAT PAGINE GIALLE

SEAT PG S.p.A.

I ricavi della Capogruppo SEAT Pagine Gialle S.p.A. nel 2009 hanno raggiunto Euro 952,2 milioni, in calo del 10,1% rispetto all'esercizio precedente.
Il risultato ha beneficiato di una performance dell'offerta core (carta-internet-telefono) che, sebbene in diminuzione del 7,7% rispetto all'esercizio 2008, ha presentato un andamento migliore rispetto agli altri prodotti, grazie in particolare alla forte crescita delle attività online (+20,0% rispetto al 2008) sostenuta dall'innovazione di prodotto. La crescita dell'online ha consentito di accelerare il processo di evoluzione del mix dei ricavi, con un'incidenza crescente dei ricavi internet (in aumento al 23% dal 17% dell'esercizio precedente) rispetto a quella dei prodotti cartacei (in diminuzione al 72% dal 77% dell'esercizio precedente).
In uno sfavorevole contesto economico, i ricavi della Capogruppo hanno evidenziato una maggiore tenuta rispetto agli altri media (-13,4% gli investimenti pubblicitari in Italia, secondo i dati Nielsen), grazie anche ad una base clienti costituita in prevalenza da PMI, la cui presenza sui mezzi di SEAT PG risulta necessaria soprattutto in un mercato ancor più competitivo.

I ricavi dell'offerta core sono stati pari a Euro 859,8 milioni nell'esercizio 2009, in diminuzione del 7,7% rispetto all'esercizio precedente e risultano così composti:
Carta: nel 2009, i ricavi dei prodotti cartacei, pari a Euro 619,1 milioni, sono diminuiti del 14,1% rispetto all'esercizio precedente a causa principalmente del progressivo deterioramento del contesto economico e di mercato. I risultati ottenuti hanno riflesso ricavi in calo sia su PAGINEGIALLE® che su PAGINEBIANCHE®. La crisi economica ha, peraltro, contribuito ad accelerare il trasferimento dei budget promo-pubblicitari dei clienti inserzionisti dai prodotti cartacei ai più innovativi servizi internet. SEAT PG, a partire dalla fine di settembre 2009, ha messo in atto azioni strategiche con l'obiettivo da un lato di innovare il prodotto e di sostenere la diffusione territoriale degli elenchi, e dall'altro di gestire in maniera graduale ed efficace il processo di migrazione dei ricavi dai prodotti cartacei a quelli online. Per quanto riguarda la gestione del processo di migrazione dei ricavi dai prodotti cartacei a quelli online, si segnala il lancio di pacchetti multimediali (carta-internet-telefono), con la vendita a fine dicembre di circa 5.500 pezzi, di cui più del 50% a nuovi clienti. Tali pacchetti, che comportano un ribilanciamento implicito del prezzo di vendita dei prodotti cartacei a favore di quelli internet, hanno l'obiettivo di favorire il passaggio degli investimenti pubblicitari degli inserzionisti ad un'offerta di tipo multi-prodotto.
Internet: nel 2009, i prodotti online hanno raggiunto Euro 194,7 milioni di ricavi, in aumento del 20,0% rispetto al 2008. In particolare, tale aumento è stato quasi interamente sostenuto dall'offerta dei nuovi prodotti e dei servizi di marketing online, lanciati sul mercato a partire dal secondo semestre 2008, che rappresentano già circa il 30% dei ricavi online. L'offerta dei servizi di marketing online ha consentito di aumentare sia il numero dei clienti internet del 13%, grazie soprattutto all'acquisizione di nuovi clienti, che di  incrementare del 6% il valore di spesa medio per cliente rispetto all'esercizio 2008, nonostante la presenza di pacchetti e offerte online con un prezzo di ingresso inferiore rispetto al prezzo medio degli altri prodotti. In crescita il traffico di PAGINEGIALLE.it®, che ha consuntivato nel 2009 circa 128,5 milioni di visite (+25,6% rispetto all'esercizio precedente).
Telefono: i ricavi pubblicitari di 89.24.24 Pronto PAGINEGIALLE® e di 12.40 Pronto PAGINEBIANCHETM si sono attestati a Euro 46,0 milioni in calo di Euro 2,5 milioni rispetto al 2008. Tale performance riflette un rallentamento dei ricavi nel quarto trimestre 2009, anche per effetto delle strategie commerciali focalizzate sulla vendita delle nuove offerte internet.
Business to Business: i prodotti specializzati BtoB hanno raggiunto ricavi per Euro 2,6 milioni. Tale risultato è stato influenzato dal focus della forza vendita sull'offerta core e riflette la revisione strategica dell'offerta commerciale che ha consentito una semplificazione dei diversi brand.
Altri prodotti: ricavi a Euro 88,1 milioni in flessione rispetto al 2008.

Il MOL nel 2009 si è attestato a Euro 521,3 milioni con una diminuzione del 9,5% rispetto all'esercizio precedente e con un'incidenza sui ricavi del 54,7% (54,4% nel 2008).

L'EBITDA, nell'esercizio 2009, ha raggiunto Euro 470,7 milioni, in diminuzione di Euro 54,4 milioni rispetto all'esercizio precedente, e con un'incidenza sui ricavi del 49,4% (49,6% nell'esercizio 2008).

THOMSON

Nel 2009 i ricavi si sono attestati a Euro 81,4 milioni (72,5 milioni di sterline), in diminuzione del 31,1 % rispetto al 2008. Tale riduzione, a parità di elenchi pubblicati e di tasso di cambio, è risultata contenuta al 22,7%. La contrazione dei ricavi è da attribuirsi principalmente una situazione di mercato particolarmente complessa che ha influenzato tutti gli operatori media a livello nazionale.

Per fronteggiare la contrazione delle vendite, il gruppo Thomson ha posto in atto diverse azioni di contenimento dei costi operativi. Da segnalare, in particolare, il ridimensionamento dell'organico, attuato attraverso una significativa attività di revisione della struttura organizzativa, già iniziata nel 2008 e proseguita nel 2009, che ha consentito una sensibile riduzione del costo del lavoro.

Il MOL, pari a Euro 17,8 milioni nel 2009, è diminuito di Euro 10,3 milioni rispetto al 2008. Tale calo è risultato più contenuto rispetto a quello registrato a livello dei ricavi, grazie alle efficienze ottenute a livello di costi operativi di produzione, alla riduzione delle spese di pubblicità e soprattutto alla diminuzione del costo del lavoro.

L'EBITDA si è attestato a Euro 13,8 milioni, in diminuzione di Euro 10,4 milioni rispetto all'esercizio precedente.

TELEGATE

Nel 2009 i ricavi sono stati pari a Euro 153,9 milioni, in calo del 6,2% rispetto al 2008.
In particolare, in Germania, i ricavi si sono attestati a Euro 121,7 milioni con una diminuzione del 2,1% rispetto al 2008 (Euro 124,3 milioni nell'esercizio 2008). E' continuato il calo strutturale del mercato della Directory Assistance, che si è riflesso in una riduzione del numero delle chiamate al servizio 11880, solo parzialmente compensato dal continuo sviluppo dei servizi a valore aggiunto. Nel corso del 2009, il Gruppo ha proseguito nel processo di trasformazione del proprio business attraverso la focalizzazione delle proprie attività sul mercato "Local Search", con l'offerta di una gamma di prodotti sempre più varia, in particolare per la piattaforma mobile. Grazie a tali azioni, i ricavi pubblicitari internet si sono attestati a Euro 24,3 milioni (in crescita del 31,4% rispetto al 2008) e rappresentano circa il 20% dei ricavi complessivi del mercato tedesco.

Il MOL ha raggiunto Euro 40,4 milioni, in peggioramento di Euro 3,9 milioni rispetto all'esercizio 2008. Il calo dei ricavi è stato parzialmente assorbito dalla diminuzione del 21,5% dei costi per servizi rispetto all'esercizio precedente, in conseguenza in particolare delle minori spese pubblicitarie sostenute in tutti i Paesi in cui il Gruppo opera.

Nel 2009 l'EBITDA si è attestato a Euro 35,2 milioni, in diminuzione di Euro 10,1 milioni rispetto al 2008 che però aveva beneficiato di Euro 5,5 milioni di proventi incassati al termine di uno dei giudizi pendenti con Deutsche Telekom.

**************

Con riferimento alla verifica fiscale avviata nel febbraio 2009 da parte della Guardia di Finanza di Milano - di cui è già stata data notizia in sede di documentazione pubblicata in occasione dell'operazione di aumento di capitale, conclusa nell'aprile 2009 - la Società comunica che, in data 15 marzo 2010, la Guardia di Finanza ha notificato un processo verbale di constatazione, sollevando rilievi, relativi alla deduzione degli interessi passivi afferenti l'indebitamento assunto nel 2004 dalla Società nonché degli ammortamenti del Customer Database, conseguenti alle operazioni effettuate nel corso del 2003-2004, in connessione con l'acquisizione della Società,  avvenuta nel 2003.

La Società è convinta di avere sempre rispettato la normativa di riferimento per quanto riguarda  le citate operazioni e ritiene quindi infondate le contestazioni, in ciò confortata dalle valutazioni dei propri consulenti, già incaricati di esaminare i citati rilievi in relazione al recente evolversi della fase istruttoria dell'emarginata verifica.

/Inoltre, alla luce del contenuto del verbale, la Società non ritiene, , effettivamente determinabile l'entità della passività fiscale, che potrebbe eventualmente emergere ad esito del procedimento. 

Conseguentemente, la Società non ha effettuato accantonamenti per rischi ed oneri nel bilancio 2009, valutando che, in relazione a  quanto sopra descritto, non ne ricorrano i presupposti secondo i principi contabili di riferimento.

*************

EVOLUZIONE DELLA GESTIONE

In un contesto economico sfavorevole, che solo a partire dalla seconda metà del 2009 ha iniziato a manifestare alcuni segnali di ripresa, SEAT Pagine Gialle ha continuato ad operare coerentemente con la propria scelta strategica di focalizzare le risorse sul business italiano. La Società ha accelerato sul fronte degli investimenti volti a sostenere lo sviluppo delle attività internet mediante il lancio di nuovi prodotti e servizi di marketing, la gestione della clientela nell'ambito dell'offerta commerciale multimediale carta-telefono-internet e il rafforzamento della rete di vendita. In particolare è stato creato un network di circa 180 Web Point in grado di fornire, attraverso dei consulenti internet dedicati, un'assistenza completa alle piccole e medie imprese nella definizione e nello sviluppo delle attività di web marketing e advertising on-line per promuovere il loro business.
Contemporaneamente, SEAT Pagine Gialle ha cercato di contenere gli effetti sull'EBITDA derivanti dalla pressione sui ricavi, attraverso azioni strutturali di riduzione dei costi operativi, basate sul contenimento delle spese correnti e sul ridisegno dei principali processi operativi. In Italia, in particolare, il gruppo SEAT PAGINE GIALLE ha dimostrato maggiore solidità in termini di ricavi e EBITDA rispetto alle società concorrenti, grazie alla sua tradizionale elevata esposizione nei confronti delle piccole e medie imprese ed al suo forte posizionamento nel mercato pubblicitario online.
Sostenuta da questi risultati positivi, nel 2010 SEAT Pagine Gialle intende proseguire lungo le direttrici chiave che hanno caratterizzato la strategia intrapresa lo scorso anno a sostegno del business, con particolare focus sul miglioramento del trend della base clienti, che sarà possibile attraverso un continuo rafforzamento delle offerte e dei servizi di marketing online. La Società, infatti, ritiene che quello dei servizi di marketing online, possa rappresentare un'opportunità a sostegno del trend di fatturato, funzionale ad una accelerazione del passaggio della base clienti ad un'offerta multimediale. In tale contesto, in linea a quanto già fatto nel 2009, SEAT Pagine Gialle S.p.A. continuerà nel suo programma di contenimento dei costi operativi finalizzato a mantenere un adeguato livello di costi e investimenti per lo sviluppo del business.
All'estero, ferma restando la natura non core delle attività, la Capogruppo ha continuato, nell'ambito della realizzazione dei business plan delle diverse partecipate, a garantire un presidio sempre più stretto e sistematico delle singole partecipate.

In Italia i ricavi print e online del primo trimestre 2010 sono attesi crescere fra +7% e +9%, sostenuti da una crescita dell'online prevista superiore al 30%. Nel primo semestre i ricavi dell'offerta core saranno influenzati dalla pubblicazione dei volumi delle grandi città (Milano e Torino, in gran parte venduti nel 2009), ma sostenuti dalla forte crescita dell'online.

I ricavi dell'offerta online sono previsti nel 2010 in crescita e con performance superiori a quelle del mercato, grazie all'innovazione di prodotto e alla strategia multimediale (obiettivo di 80 mila pacchetti venduti nel 2010).

Sulla base delle iniziative poste in essere l'EBITDA di Gruppo è atteso fra Euro 480 milioni e 510 milioni. Più dettagliate guidance su ricavi, EBITDA e indebitamento saranno comunicate nel corso dei prossimi mesi, quando sarà possibile avere maggiore visibilità sugli effetti potenziali di una ripresa dell'economia e anche in seguito ad eventuali cambiamenti nei criteri di  contabilizzazione in seguito al successo dell'offerta di pacchetti multimediali ed alla possibile  mensilizzazione dei ricavi online.  

*************

Il Consiglio d'Amministrazione ha dato mandato al Presidente per convocare l'Assemblea per i prossimi 20 aprile 2010 e 21 aprile 2010 – rispettivamente in prima e seconda convocazione – per deliberare in merito: (i) all'approvazione del Bilancio d'esercizio chiuso al 31 dicembre 2009; (ii)  alla nomina di due Amministratori (in quanto Alberto Cappellini e Marco Tugnolo sono stati cooptati dal Consiglio di Amministrazione, rispettivamente in data 29 aprile 2009 e 5 agosto 2009, in sostituzione dei dimissionari Luca Majocchi e Marco Lucchini); (iii) alla proposta di integrazione del corrispettivo relativo all'incarico di revisione contabile per gli esercizi 2006-2011 della società di revisione.
Il Consiglio ha altresì dato mandato al Presidente per la convocazione dell'Assemblea Speciale degli azionisti possessori delle azioni di risparmio per i giorni 19, 20, 21 aprile 2010 - rispettivamente in prima, seconda e terza convocazione - per deliberare in ordine alla nomina del Rappresentante comune.
 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades