fxdemo
FinanzaeDiritto sui social network
19 Luglio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Raymond Ma (Fidelity), interessanti equity Cina e bond asiatici

4 Dicembre 2018 - Autore: Redazione


Ravvisiamo un crescendo di opportunità sul mercato azionario cinese e riteniamo che ci sia un buon valore da cogliere nell'obbligazionario investment grade asiatico.  La conclusione è di Raymond Ma, Gestore di Portafoglio di Fidelity.

I motivi. Ma quali sono le ragioni di questa scelta? Per quanto riguarda l'azionario cinese i consumi diventano sempre più un volano per l'economia e le imprese concentrano maggiormente l'attenzione sui rendimenti per gli azionisti.  Passando al reddito fisso, invece, gli spread si attestano su massimi pluriennali e i rendimenti hanno raggiunto livelli senza precedenti dal 2009.

L'attenzione su questi temi è caduta dopo l'accordo Cina-Usa sui dazi di sabato sera a Buenos Aires. Gli Stati Uniti hanno deciso di sospendere l'innalzamento dei dazi su 200 miliardi di dollari di prodotti cinesi, rendendo più probabile il raggiungimento di un accordo, che finirebbe per avvantaggiare entrambi i paesi. La Cina ha dato il suo contributo ai colloqui fra Trump e il presidente cinese Xi Jinping a Buenos Aires, impegnandosi ad acquistare "volumi importanti" di prodotti agricoli, energetici, industriali e di altra natura dagli Stati Uniti. I due Paesi terranno inoltre nuovi negoziati su temi quali il trasferimento di tecnologie, la proprietà intellettuale, le barriere non tariffarie, il crimine informatico e l'agricoltura.

Le tensioni commerciali avevano innescato una correzione dell'azionario cinese nei mesi scorsi. Una temporanea cessazione delle ostilità arginerà eventuali ulteriori perdite dovute alla disputa sui dazi.

Tuttavia, se non venisse raggiunto un accordo nei 90 giorni di tempo concordati, Trump darebbe seguito alla minaccia di innalzare il prelievo doganale dal 10% al 25% compromettendo probabilmente lo 0,7% della crescita del pil cinese nel 2019.

Fidelity ritiene che a far cambiare idea agli americani sui dazi probabilmente sono state 3 cose: le aspettative di una politica monetaria restrittiva da parte della Fed, la volatilità del mercato azionario e i dazi cinesi sulla soia americana.




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades