FinanzaeDiritto sui social network
19 Luglio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Rallenta l'industria italiana ad aprile

2 Maggio 2018 - Autore: Redazione


L’indice Pmi manifatturiero è sceso a 53,5 ad’aprile. Il dato risulta inferiore sia al valore del mese precendete di 55,1, sia alle aspettative di mercato di 54,4. L’indice risulta condizionato dalle più deboli tendenze del mercato interno. Dopo il massimo di febbraio degli ultimi 5 anni l’indice dei direttori degli acquisti si è indebolito fino ad arrivare al minimo di questo mese di 53,5. Ciononostante, i produttori hanno continuato ad aumentare il proprio numero di dipendenti, consentendo una prima riduzione dei ritardi di lavoro per un anno. I tassi di inflazione per entrambi i prezzi di entrata e di uscita hanno continuato ad attenuarsi durante il mese. Il rallentamento è stato incentrato sul settore dei beni intermedi, che ha sofferto una stagnazione della produzione e diminuizione sia in termini di ordini totali sia di vendite dall'estero. In contrasto, le vendite all'esportazione hanno tenuto relativamente bene (nonostante la crescita si sia ridotta al livello più basso da novembre 2016), ciò è avvenuto soprattutto nel settore dei beni di investimento, dove le vendite all'esportazione sono aumentate al massimo fino al 2018. Il guadagno in posti di lavoro è stato il più basso dalla fine del 2016, il tasso di crescita è stato tuttavia solido e ha aiutato le imprese a tagliare i ritardi di lavoro. In linea con le tendenze per la produzione e il nuovo lavoro, le aziende hanno aumentato la loro attività di acquisto ad un ritmo più lento ad aprile, anche se questo ha fatto poco per rivivere le pressioni sui fornitori. Le prestazioni medie dei venditori hanno continuato a deteriorarsi in seguito a segnalazioni di scarsità di scorte. Passando alla serie storica, negli ultimi 5 anni, il valore massimo del PMI di 59,0 è stato raggiunto a febbraio di quest’anno, invece il minimo di 47,3 risale a giugno del 2013. 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento




Tag

finanza 









Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades