FinanzaeDiritto sui social network
18 Ottobre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




QLIK SI UNISCE ALLA CLINTON GLOBAL INITIATIVE PER AIUTARE A RISOLVERE LE DIFFICOLTA' CONNESSE ALLA SCARSITA' DELLE RISORSE IDRICHE A LIVELLO MONDIALE

30 Settembre 2015 - Autore: Redazione


In occasione della sessione plenaria sul clima e la resilienza del Meeting annuale della Clinton Global Initiative (CGI) del 2015, Qlik® (NASDAQ: QLIK), leader nella Visual Analytics e il suo CEO Lars Björk, hanno annunciato un nuovo impegno all’azione (Committment to Action) di durata pluriennale da parte della CGI dedicato ad affrontare le questioni relative alla scarsità e alla qualità delle risorse idriche. Con lo scopo di fornire le informazioni necessarie a chi prende decisioni in materia di gestione dell’acqua, quali la distribuzione, i cambiamenti delle politiche, la gestione di crisi, il miglioramento delle infrastrutture, Qlik e i suoi partner realizzeranno insieme uno strumento di visualizzazione completo e innovativo sfruttando la piattaforma di analisi di Qlik, in modo da far confluire in un'unica interfaccia lo storico dei big-data, le informazioni in tempo reale, i reportage sul campo e l’impegno pubblico.
 
La richiesta di acqua potabile a livello mondiale è in continua crescita, mentre la scarsità di questa risorsa si riversa sulla produzione di energia, innescando una serie di conseguenze come l’insufficienza di derrate alimentari, il ribaltamento dello sviluppo economico e la minaccia alla stabilità politica. Gli Stati Uniti sono molto sensibili in materia, visto che nel 2012 hanno registrato una perdita dell’1% del PIL a causa dell’alternanza - ancora in corso - di siccità e inondazioni che ha portato devastazione e disordini politici in Asia, Medio-Oriente e America del Sud. 
L’impegno di Qlik, “Falde acquifere: i dati a servizio della sostenibilità”, è stato scelto come un approccio esemplare per raccogliere i dati in una piattaforma aperta e visiva, che influirà su decisioni mondiali cruciali dalle quali dipenderanno la disponibilità o la scarsità di cibo, la produzione più o meno intensa di energia, la pace o i contrasti tra i popoli. Secondo il World Economic Forum Global Risks Report 2015, i problemi idrici si classificano tra i principali rischi a livello mondiale e rappresentano una seria minaccia per i popoli, le aziende, l’ambiente e la stabilità politica del mondo. Qlik si è impegnata in questo progetto perché riconosce l’importanza degli interventi della CGI, organizzazione che stimola i membri a proporre piani concreti per vincere le sfide globali.
 
“Qlik è orgogliosa di essere uno dei membri della CGI e di collaborare con i partner per portare avanti questa iniziativa che mira a supportare alcune tra le decisioni più importanti per il nostro pianeta e che determineranno la disponibilità o l’assenza di acqua potabile”, ha dichiarato Lars Björk, CEO di Qlik. “Per agire nel migliore dei modi è necessario indagare nel profondo delle connessioni, utilizzare le migliori funzioni di raccolta dei dati e reporting per comprendere al massimo tutti gli aspetti delle sfide e delle possibili risposte. Dobbiamo studiare le idee migliori, le più creative, per comprendere e reagire. Siamo molto lieti di contribuire a individuare le opportunità da cogliere e scegliere le soluzioni più idonee per il benessere del nostro pianeta”.
Partecipa a questa iniziativa anche Circle of Blue, il team di giornalisti premiati e di ricercatori che stilano report inerenti all’acqua e alle altre risorse, che per cinque anni è stato cliente pro-bono di Qlik nel programma benefico “Change Our World”. L’anno scorso, Circle of Blue e Qlik hanno collaborato allo sviluppo di un dashboard di dati per visualizzare il livello attuale e passato delle riserve idriche della California, con lo scopo di sostenere la Climate Data Initiative della Casa Bianca. 
“Stiamo vivendo un periodo storico in cui i cambiamenti climatici hanno un forte impatto su acqua, cibo e fonti di energia, causando danni di miliardi di dollari e mettendo a dura prova la resistenza del genere umano e dell’ambiente”, ha affermato J. Carl Ganter, managing director di Circle of Blue e membro del World Economic Forum Global Agenda Council on Water. “In quest’epoca caratterizzata da flussi di dati senza precedenti, non possiamo permetterci di affidare la gestione delle sfide ambientali a documenti statici e informazioni contenute in silos”. Gartner ha ottenuto il premio del Centennial Innovation da parte della Rockefeller Foundation per aver unito dati strategici e storie avvincenti.
I partner che affiancano Qlik nella CGI sono Circle of Blue, Columbia Water Center, University of California Irvine, Pacific Institute e Twitter, per i dati inerenti ai social media.  Qlik fornirà strumenti di visualizzazione dati attraverso Qlik® Sense, un’infrastruttura di utilizzo pubblico basata su Qlik® Cloud e Qlik® Data Market, per l’acquisizione e la gestione di dati su larga scala. Per la prima volta, i responsabili politici, le aziende e il pubblico avranno accesso a informazioni scientifiche e tecniche tramite uno strumento di raccolta che supporta l’analisi per favorire un processo decisionale chiaro ed equilibrato.
Il progetto partirà con un’applicazione pilota di visualizzazione dei dati relativa alla situazione delle falde acquifere e dei conseguenti flussi idrici in California e nella zona Ovest del continente. La portata dell’impegno si estenderà poi alle falde acquifere americane e poi mondiali, fornendo uno strumento visivo, affidabile, riassuntivo e collaborativo per chi deve prendere decisioni, per i ricercatori, i media e il pubblico. Le ricerche costanti e il monitoraggio dettagliato si svolgeranno nell’arco di tre anni, in modo da garantire la validità, il valore e l’impatto di questo strumento sull’azione in difesa delle falde acquifere.

Durante la sua partecipazione al Meeting Annuale della CGI Lars Bjork è intervenuto anche al panel “Hacking the Solution: Connecting Experts from Technology and International Development”, relativo alle opportunità di adattare le tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni ai contesti dei paesi in via di sviluppo. 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades