FinanzaeDiritto sui social network
21 Settembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Piemonte - Bando MANUNET 2012

13 Marzo 2012 - Autore: ERREVI CONSULENZE di Roberto Varagnolo


Con Determinazione Dirigenziale n. 59 del 16.2.2012 del Responsabile della Direzione Regionale Attività Produttiveè stato approvato il bando anno 2012  "Agevolazioni a favore di piccole e medie imprese a sostegno di progetti transnazionali  di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nell’ambito manifatturiero - azione comunitaria di coordinamento MANUNET II” (L.r. 34/2004 Interventi per lo sviluppo delle attività produttive -Asse I- Ricerca e Innovazione;  P.O.R. F.E.S.R. 2007/2013 Asse I -Innovazione e transizione Produttiva).

Soggetti beneficiari e principali obblighi
Piccole e medie imprese (P.M.I.) che, al momento della presentazione della pre-proposal,  siano iscritte al registro delle imprese della competente Camera di commercio ed aventi i parametri dimensionali di cui al Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18 aprile 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 del 12.10.2005.
Detti soggetti sono ammissibili a condizione che siano raggruppati in consorzi, associazioni temporanee di imprese o altre forme contrattuali in uso nei Paesi di provenienza delle imprese.
I suddetti raggruppamenti devono essere costituiti da almeno due P.M.I. di cui almeno una ubicata in Piemonte ed almeno una ubicata in una delle Regioni non italiane o in uno dei Paesi stranieri aderenti al bando 2012 (l’elenco relativo è pubblicato sul sito internet di Manunet www.manunet.net  nella pagina dedicata alla call 2012).
La quota del progetto transnazionale di ricerca realizzata dall’impresa piemontese non può essere inferiore al 20%; in caso di presenza di due o più imprese piemontesi nel medesimo progetto, il requisito del 20% dev’essere rispettato da almeno una impresa piemontese, fermo restando che sarà ammessa a beneficiare dell’agevolazione prevista nell’ambito del presente bando esclusivamente la componente regionale di progetto realizzata da imprese piemontesi.
La componente regionale di progetto realizzata da imprese piemontesi dev’essere di importo non inferiore a € 50.000 (calcolato con riferimento alle spese ammissibili).
Nessuna impresa dello Stato membro che concede l'aiuto può sostenere da sola più del 70% dei costi ammissibili del progetto transnazionale di ricerca.

Ambito territoriale
I soggetti proponenti  devono avere almeno un' unità produttiva ubicata nel territorio della Regione Piemonte.

Iniziative ammissibili
Progetti di ricerca industriale e/o di sviluppo sperimentale nel campo manifatturiero, riferibili ai seguenti ambiti tecnologici:
1) Information and communication technologies for manufacturing, including industrial robotics
2) Environmental and energy technologies
3) Knowledge-based engineering technologies (computer-aided engineering and design, automated manufacturing, product lifetime management, etc.)
4) Adaptive manufacturing technologies: Processes for removing, joining, adding, forming, consolidating, assembling
5) Other technologies/products related to the manufacturing field.

Gli interventi dovranno essere realizzati entro 24 mesi dalla data di concessione del contributo. In ogni caso il progetto dovrà essere concluso e rendicontato inderogabilmente entro il 31 marzo 2015

Misura dell’agevolazione
Contributo a fondo perduto fino al 40% dei costi ammessi a finanziamento per i progetti regolarmente conclusi.
Il contributo a fondo perduto non potrà in ogni caso superare € 450.000 per progetto.

Domanda di ammissione all’agevolazione e fasi del bando
Le domande di ammissione all’agevolazione devono essere redatte utilizzando esclusivamente la modulistica disponibile sul sito internet della rete Manunet www.manunet.net  nella pagina dedicata alla call 2012.

Il procedimento si articola in 2 fasi:

a) una prima fase in cui le imprese interessate devono presentare la "pre-proposta”(pre-proposal). La pre-proposal dev’essere presentata esclusivamente in lingua inglese dal coordinatore del progetto tramite l’applicativo web di Manunet (www.manunet.net), collegamento alla pagina dedicata alla call 2012).
La pre-proposal viene valutata, nel merito, a livello regionale e a livello transnazionale da un Comitato transnazionale costituito da valutatori delle Regioni e dei Paesi di appartenenza delle imprese coinvolte nel progetto (Transnational Coordination Team, "TCT”). Se la pre-proposal è valutata positivamente, il raggruppamento di imprese è invitato a presentare la proposta finale.

b) una seconda fase in cui le imprese che hanno superato positivamente la prima fase sono invitate a presentare la proposta progettuale definitiva e dettagliata ("proposta finale”, "full-proposal). Lafull-proposal dev’essere presentata in lingua inglese dal solo coordinatore di progetto tramite l’applicativo web di Manunet, sopra citato. Inoltre. ogni impresa piemontese, sia essa coordinatrice o partner del progetto, è invitata apresentare a Finpiemonte, entro l'11/07/2012, una serie di documenti dettagliati nel bando.

Istruttoria delle domande e valutazione
La pre-proposal e la full-proposal sono valutate prima a livello regionale e successivamente a livello transnazionale.
Le pre-proposals per l’accesso all’agevolazione possono essere presentate entrole ore 17 del 14 marzo 2012.
Le imprese la cui pre-proposal avrà superato favorevolmente anche la valutazione del TCT saranno invitate a presentare, entro le ore 17 dell' 11 luglio 2012, la full-proposal, che sarà valutata a livello regionale ed a livello transnazionale da parte del TCT entro la fine di novembre 2012

 http://www.erreviconsulenze.it/1/piemonte_bando_manunet_2012_6789246.html




            

Altri articoli scritti da ERREVI CONSULENZE di Roberto Varagnolo

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades