xm zero
FinanzaeDiritto sui social network
15 Novembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Nuovo bando “Il sole a scuola”

25 Marzo 2012 - Autore: ERREVI CONSULENZE di Roberto Varagnolo


Al via la seconda edizione de “Il sole a scuola”, il bando del ministero dell’Ambiente rivolto a Comuni e Province per promuovere la diffusione degli impianti fotovoltaici sugli edifici scolastici italiani e sensibilizzare le nuove generazioni sul risparmio energetico.

 

Questo nuovo bando de ‘Il sole a scuola’ – afferma il ministro dell’Ambiente Corrado Clini - vuole essere un esempio concreto di promozione e diffusione delle fonti di energia pulita nel nostro Paese, educando al tempo stesso i più giovani all’uso sostenibile dell’energia. E’ importante creare oggi consapevolezza e conoscenza per costruire un futuro più verde. Del resto, i dati sulle rinnovabili sono confortanti: basti pensare che nel nostro Paese abbiamo avuto nell’ultimo anno un incremento di oltre il 50% degli investimenti sulle rinnovabili rispetto all’anno precedente. Cifre che non possono non incoraggiarci a proseguire su questa strada ambientalmente virtuosa”.

Il primo bando de “Il sole a scuola”, che aveva una copertura economica di 9 milioni e 700 mila euro, ha visto la partecipazione di oltre 1.300 scuole. Circa 800 gli interventi approvati, 500 dei quali completati. Una massiccia adesione è stata registrata in Sicilia, Lazio, Abruzzo, Calabria e Campania. E’ di prossima assegnazione il premio “Il sole a scuola” agli studenti vincitori della prima edizione del bando, per i migliori elaborati sull’analisi e il risparmio energetico.

 

Il bando 2012, pubblicato ieri in Gazzetta ufficiale, è finanziato con tre milioni di euro. Insieme con il primo bando, si prevede di coinvolgere circa 1000 scuole pubbliche italiane. Il contributo concesso dal ministero è pari al 100% del costo ammissibile con un limite massimo di 40 mila euro per edificio scolastico. Non è previsto, quindi, nessun onere a carico dell’ente locale.

 

Possono essere ammessi al contributo esclusivamente gli interventi d’installazione di impianti fotovoltaici, di potenza nominale non inferiore a 1 kW e non superiore a 20 kW, realizzati esclusivamente su edifici scolastici di proprietà pubblica. Non saranno in alcun caso finanziati impianti fotovoltaici a terra. Non verranno finanziati impianti già realizzati ovvero in fase di realizzazione.

 

Ciascun soggetto beneficiario può presentare domande di finanziamento relativamente ad altrettanti edifici scolastici distinti, con il seguente numero massimo:

- Comuni con più di 100.000 abitanti e Province: 20 progetti

- Comuni con più di 50.000 abitanti e meno di 50.000 abitanti: 10 progetti

- Comuni con meno di 50.000 abitanti: 5 progetti

 

Le spese ammissibili, costituenti il costo ammissibile d'investimento, sono riferibili esclusivamente alle seguenti voci:

  • progettazione, direzione lavori, collaudo degli impianti;
  • fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione degli impianti;
  • installazione e posa in opera degli impianti;
  • eventuali opere edili strettamente necessarie e connesse all'installazione degli impianti;
  • spese sostenute dalla scuola per supportare l’attività didattica di realizzazione delle analisi energetiche e degli interventi di razionalizzazione e risparmio energetico. Tale voce di spesa sarà ritenuta ammissibile in una misura massima pari a 1.000,00 euro al lordo di IVA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scarica il bando "Il sole a scuola 2012" [0,38 MB]

A seguito dell’ammissione a finanziamento, il soggetto beneficiario, dovrà impegnarsi a dare inizio ai lavori relativi all’intervento ammesso a finanziamento con il decreto di cui all’articolo 6, comma 10, entro 120 (centoventi) giorni solari dalla data di ricevimento della notifica del decreto medesimo, e dovrà impegnarsi a completare le opere entro il termine di 240 (duecentoquaranta) giorni solari a decorrere dalla stessa data.

 

L'importo assegnato a titolo di cofinanziamento è trasferito dalla Direzione del Ministero ai soggetti beneficiari del contributo con le seguenti modalità:

  • una prima quota, di importo pari al 60% dell’importo ammesso a cofinanziamento, a seguito del ricevimento della comunicazione di inizio lavori
  • il saldo sarà erogato al termine dei lavori, a seguito della verifica da parte della Direzione del Ministero della conformità e idoneità della documentazione inviata a corredo dell'intervento realizzato

 

Fra i progetti presentati e approvati, il Ministero individuerà i migliori 20 elaborati prodotti dalle scuole. Le scuole individuate saranno quindi premiate nel corso di un evento appositamente organizzato e a cui potranno prendere parte gli studenti e il personale delle suddette scuole.




            

Altri articoli scritti da ERREVI CONSULENZE di Roberto Varagnolo

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades