ActivTraderApp
FinanzaeDiritto sui social network
13 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari

1 Gennaio 2007 - Autore: Redazione


Delibera n. 16190

 

Adozione del regolamento recante norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari

 

 

LIBRO I
FONTI NORMATIVE E DEFINIZIONI

 

Art. 1
(Fonti normative)

 

1. Il presente regolamento è adottato ai sensi degli articoli 6, commi 2, 2-quater e 2-quinquies, 19, comma 3, 23, comma 1, 25-bis, comma 2, 27, commi 3 e 4, 28, comma 3, 30, commi 2 e 5, 31, comma 6, 32, comma 2, 33, comma 2, lettera e- bis), 117-ter e 201, comma 8, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58.

 

Art. 2
(Definizioni)

 

1. Nel presente regolamento si intendono per:

a) «Testo Unico»: il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58;

b) «gruppo»: l´insieme dei soggetti determinato ai sensi dell’articolo 11, comma 1, del Testo Unico;

c) «servizi e attività di investimento»: i servizi e le attività di cui all´articolo 1, comma 5, del Testo Unico, e di cui alla sezione A della tabella allegata allo stesso Testo Unico;

d) «servizi accessori»: i servizi di cui all´articolo 1, comma 6, del Testo Unico, nonché i servizi di cui alla sezione B della tabella allegata allo stesso Testo Unico;

e) «sede di esecuzione»: un mercato regolamentato, un sistema multilaterale di negoziazione (MTF), un internalizzatore sistematico, un market maker o altro negoziatore per conto proprio, nonché una sede equivalente di un paese extracomunitario;

f) «supporto duraturo»: qualsiasi strumento che permetta al cliente di conservare informazioni a lui personalmente dirette, in modo che possano essere agevolmente recuperate per un periodo di tempo adeguato, e che consenta la riproduzione immutata delle informazioni;

g) «sede» o «dipendenza»: una sede, diversa dalla sede legale dell´intermediario autorizzato, costituita da una stabile organizzazione di mezzi e di persone, aperta al pubblico, dotata di autonomia tecnica e decisionale, che presta in via continuativa servizi o attività di investimento.

 

LIBRO II
AUTORIZZAZIONE DELLE SIM E INGRESSO IN ITALIA
DELLE IMPRESE DI INVESTIMENTO COMUNITARIE ED EXTRACOMUNITARIE

 

PARTE I
DISPOSIZIONI PRELIMINARI

 

Art. 3
(Definizioni)

 

1. Nel presente Libro si intendono per:

a) «albo»: l´albo di cui all´articolo 20, comma 1, del Testo Unico;

b) «sezione speciale»: la sezione dell´albo prevista dall´articolo 60, comma 4, del decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415;

c) «sezione imprese extracomunitarie»: la sezione dell´albo nella quale sono iscritte le imprese di investimento extracomunitarie autorizzate ai sensi dell´articolo 28, commi 1 e 2, del Testo Unico operanti con o senza stabilimento di succursali nel territorio della Repubblica;

d) «elenco»: l´elenco delle imprese d´investimento comunitarie allegato all´albo istituito dall´articolo 20, comma 1, del Testo Unico;

e) «succursale»: una sede che costituisce parte, sprovvista di personalità giuridica, di un´impresa di investimento e che fornisce servizi e/o attività di investimento e servizi accessori dell´impresa stessa;

f) «Stato comunitario»: lo Stato appartenente all´Unione Europea;

g) «Stato extracomunitario»: lo Stato non appartenente all´Unione Europea;

h) «Stato membro d´origine»: lo Stato comunitario come definito dall´articolo 4, paragrafo 1, n. 20 della Direttiva 2004/39/CE del 21 aprile 2004;

i) «Stato d´origine»: lo Stato extracomunitario in cui l´impresa di investimento ha la propria sede legale;

l) «servizi e attività di investimento»: i servizi e le attività come definiti dall´articolo 1, comma 5, del Testo Unico;

m) «servizi accessori»: i servizi come definiti dall´articolo 1, comma 6, del Testo Unico;

n) «servizi ammessi al mutuo riconoscimento»: i servizi e le attività come definiti dall´articolo 1, comma 1, lettera s), del Testo Unico;

o) «partecipazione qualificata»: quella determinata in via generale dalla Banca d´Italia ai sensi dell’articolo 15, comma 5, del Testo Unico;

p) «partecipazione rilevante»: quella determinata dal Ministro dell´economia e delle finanze ai sensi dell’articolo 14, comma 2, del Testo Unico.

 

 

Per visionare il testo completo della normativa:
http://www.finanzaediritto.it/promotori_doc02.pdf

 

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento











Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades