xm zero
FinanzaeDiritto sui social network
21 Luglio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




La morte di Chavez e il suo impatto sul mercato del petrolio

7 Marzo 2013 - Autore: Redazione


La morte del presidente Hugo Chavez, dopo 14 anni alla guida del paese, ha fatto sorgere molte domande circa l’impatto sul mercato globale del petrolio, considerando le enormi riserve detenute dal paese.

 

Diamo un’occhiata a questi numeri: il Venezuela, alla fine del 2011, possedeva il 17.9% delle riserve di petrolio conosciute, paragonate al 16.1% dell’Arabia Saudita e all’11% del Canada. Al contrario, rappresentava solo il 3.2% della produzione rispetto al 13.2% dell’Arabia Saudita.

 

Un decennio che ha creato un ambiente ostile per le aziende petrolifere straniere e che ha portato alcune di loro ad essere respinte, ha avuto come conseguenza un crollo della produzione di quasi un milione di barili al giorno. La compagnia petrolifera statale PDVSA ha continuamente devoluto i suoi guadagni al finanziamento dei programmi di governo, restando con un cash flow negativo per i cinque anni successivi, secondo Reuters. Il risultato è stato una mancanza di investimenti, dal momento che i pozzi vecchi diventavano maturi e a questo non seguiva un’esplorazione di nuove località, e quindi un calo nella produzione.

 

Non ci aspettiamo che le ingenti riserve di petrolio del Venezuela siano liberate a breve e nel breve periodo l’impatto sui prezzi sarà limitato. Per il futuro immediato, infatti, non è previsto alcun cambiamento rispetto all’attuale situazione politica. Le prossime elezioni poteranno probabilmente una vittoria del Partito Socialista Unito, ma, con la fine di Chavez e del suo carisma, le riforme del mercato del petrolio potrebbero cominciare, con l’opposizione pronta ad assumere il controllo.

 

Le riforme e la reintroduzione degli investimenti esteri non avverranno da un giorno all’altro, ma quando succederà, si allevieranno i timori sull’incapacità dell’offerta futura di stare al passo con la domanda crescente, specialmente da parte dei mercati emergenti.

Il petrolio del venezuela è della varietà “heavy crude”, la stessa che il Canada produce nella zona di Alberta. Le aziende che operano ad Alberta potranno esportare il proprio know-how, cosa positiva per loro, ma meno per l’economia dell’area intorno alla città, dal momento che il petrolio venezuelano ha costi di estrazione molto inferiori.    




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades