FinanzaeDiritto sui social network
6 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




L'ORIENTAMENTO NORMATIVO IN AMBITO INTERNAZIONALE, UNA POSSIBILITÀ DI BUSINESS INTEGRATO. Intervista alla Dott.ssa Claudia Nicolò, CEO di Impresa Formazione Worldwide Company

3 Settembre 2013 - Autore: Redazione


Finanzaediritto.it intervista la Dott.ssa Claudia Nicolò, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Impresa Formazione Worldwide Company e Segretario Generale della Nuova Organizzazione di Imprese per lo Sviluppo dell’Imprenditoria Italiana.

 

Dottoressa Nicolò, Lei dirige una società di orientamento normativo in ambito internazionale. Cosa vi ha spinto ad offrire un servizio così complesso come la consulenza e la formazione nella sicurezza sul lavoro al di fuori dell’ambito normativo italiano?

Sicuramente ci siamo scelti un mestiere non facile, ma abbiamo intercettato una forte esigenza, soprattutto in questo momento in cui è presente un crescente flusso migratorio delle imprese italiane verso l’estero o al contrario dall’estero, in entrata verso l’Italia per alcuni settori, ed abbiamo deciso di farvi fronte perché riconoscevamo che poteva esserci un’ipotesi di lavoro.

Ed inoltre assecondando questa intuizione, ci siamo trovati imprevedibilmente a rispondere anche ad un’altra esigenza, quella delle grandi multinazionali, che avevano bisogno di governare a livello worldwide le varie normative specifiche in ambito tecnico, senza che i loro processi aziendali ne perdessero in efficienza ed efficacia ma facendoli integrare.

 

 

Altre aziende italiane potrebbero offrire lo stesso servizio eppure stentano ad abbracciare il vostro medesimo tentativo imprenditoriale. Qual è il vostro valore aggiunto?

Per noi, prima di tutto è una questione di metodo. Non abbiamo puntato come sembrerebbe ragionevole fare, sulla logica di mercato bisogno/servizio o domanda/offerta come linea diretta di principio, ma abbiamo provato ad introdurre una politica di condivisione dei bisogni tra la nostra azienda, i nostri professionisti, i fornitori e la nostra stessa clientela. Valorizziamo tutte le risorse interne ed esterne presenti in questa filiera di rapporti.

Ad esempio, accompagnando il mio cliente nella propria avventura imprenditoriale, utilizzando tutti gli strumenti e i contatti presenti nel nostro network relazionale, abbiamo, non solo erogato i nostri servizi in maniera sempre più compiuta, ma li abbiamo, in qualche modo sostenuti economicamente supportando il nostro cliente nel proprio business. Devo dire che questo ci è permesso grazie al nostro folto impegno associativo all’interno della Nuova Organizzazione di Imprese in cui ricopro il ruolo di Segretario Generale e che appunto, mi permette di costruire una griglia di relazioni non indifferente.

 

In un paese dove già è difficile governare il servizio di consulenza sulla normativa locale, ed anche proporlo con una certa qualità, su quali basi avete fondato la vostra azione che sembra impossibile a molti?

Un primo passaggio fondamentale è la nostra esperienza pluriennale in AiFOS, Associazione Italiana dei Formatori e Operatori della Sicurezza sui Luoghi di Lavoro, la mia in qualità di direttrice di un Centro di Formazione e quella del mio socio Giancarlo Restivo in qualità di consigliere nazionale, dalla quale abbiamo appreso che la qualità in questo campo è possibile.

Come secondo passaggio ci tengo a sottolineare che non ci definiamo un’azienda di consulenza sulla sicurezza sul lavoro ma di orientamento normativo, questo perché per noi, la parola consulenza è troppo circoscritta ad un ambito temporale ristretto, legato proprio a quella logica domanda/offerta a cui accennavo prima. Mentre con la definizione “orientamento normativo” io affermo una sequela e una cura nel tempo, indipendentemente dal posizionamento geografico e di mercato, delle esigenze di gestione degli obblighi legislativi non a partire dagli obblighi in se stessi, ma utilizzando come punto di partenza la funzionalità imprenditoriale della risposta che poi porterà ad ottemperare, anche in ultimo, all’obbligo.

 

Comprendo che siete stati capaci di creare una relazione solidale cliente/fornitore. Ma ad oggi quali sono gli obiettivi di Impresa Formazione Worldwide Company?

Sicuramente vogliamo mantenere e consolidare il rapporto con le multinazionali che serviamo, ma la vera sfida adesso è ampliare il nostro mercato fra le piccole e medie imprese che in questo momento storico economico fanno la scelta di emigrare in territori a primo impatto restii e sconosciuti.

 

Oltre a credere di poter uniformare il servizio di “consulenza”, credete che lo stesso obbiettivo possa essere raggiunto anche nell’ambito della formazione?

Lo crediamo fortemente e già pensiamo di averne verificato i primi risultati. Per noi la formazione così detta “aziendale” e la formazione “tecnico/obbligatoria” sono da approcciare in maniera unitaria a partire da una comune base di significanza. Il processo formativo e di sviluppo delle risorse umane è ontologicamente un processo “educativo” che mira a sviluppare conoscenze e competenze unitarie e trasversali nella persona. Sarebbe infatti, inimmaginabile scindere il “sapere” all’interno dell’animo umano. Si pensa di farlo per semplicità di approccio, ma in realtà si complica la questione introducendo una dualità innaturale. Pertanto, non perseguiamo obbiettivi di miglioramento delle facoltà del personale, con tecnicismi didattici per una mera conoscenza normativa o per introdurre sterili automatismi comportamentali, ma abbiamo ragione di credere che una possibilità di crescita aziendale della forza lavoro, possa passare attraverso una proposta formativa che consegni una visione unitaria degli obbiettivi aziendali e che tenga conto di tutti gli aspetti di sviluppo in cui l’impresa si trova impegnata.




            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Nicoḷ, Claudia iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades