FinanzaeDiritto sui social network
11 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Gibelli: 131 milioni di euro ad aziende lombarde

21 Luglio 2011 - Autore: ERREVI CONSULENZE di Roberto Varagnolo


"Con le tre delibere approvate il 13 luglio in Giunta, Regione Lombardia dimostra la volontà di migliorare costantemente i propri strumenti a sostegno del sistema produttivo lombardo." Lo ha detto Andrea Gibelli, Vice Presidente della Regione Lombardia e Assessore all'Industria e all'Artigianato al termine della Giunta regionale che ha dato il parere positivo all'approvazione di tre importanti provvedimenti a favore dell'industria e dell'artigianato lombardo per 131 milioni di euro. "Nello specifico, - ha continuato Gibelli - attraverso l'ultima fase del "Programma Driade", verranno promossi a livello internazionale i sistemi produttivi emersi nelle fasi precedenti di aggregazione. Con il "Programma Ergon" inoltre, viene introdotto uno strumento innovativo per la creazione di reti d'impresa, avente la finalità di favorire il consolidamento e lo sviluppo in forme stabili giuridicamente riconoscibili di aggregazioni. Infine, - ha concluso il Vicepresidente - grazie al "provvedimento di armonizzazione delle misure dei fondi rotativi regionali", gli interventi di Regione Lombardia a favore delle imprese saranno inseriti in un unico fondo generale. Con questa occasione, verranno inoltre semplificati i processi e migliorate le condizioni del sostegno regionali a favore delle imprese". Di seguito le schede dei tre programmi approvati nella giunta di questa mattina su proposta di Andrea Gibelli, Vice Presidente della Regione Lombardia e Assessore all'Industria e all'Artigianato. PROGRAMMA DRIADE Il primo dei provvedimenti è il programma Driade che vede un'erogazione risorse pari a 2.180.00,00 di euro, attraverso Cestec spa, e che andrà a supportare il posizionamento internazionale dei sette sistemi produttivi e delle imprese riconosciuti nell'ambito dell'azione Dafne. A goderne saranno imprese e associazioni che partecipano all'iniziativa del sistema produttivo e che sono i beneficiari del contributo. PROGRAMMA ERGON Il secondo provvedimento fa riferimento al programma Ergon, ed è a sua volta diviso in due specifiche azioni. La prima con un contributo di 12.500.000,00 euro di Regione Lombardia e di 6.000.000,00 euro delle Camere di Commercio lombarde, riguarda la creazione di aggregazioni di imprese e il loro sviluppo per la realizzazione di nuovi prodotti servizi di nuovi business, di nuovi prodotti e di servizi. Ed è rivolto: all'artigianato, industria e cooperazione, terziario avanzato, raggruppamenti di piccole e medie imprese costituiti con forma giuridica di "contratto di rete", alle associazioni temporanee di imprese (ATI) e ai consorzi e società consortili. La seconda con 2.000.000,00 a carico del Bilancio di Regione Lombardia vede la promozione e animazione delle aggregazioni di imprese avente la finalità di sollecitare soggetti intermedi alla cultura del "fare rete" e la capacità aggregativa tra imprese come fattori di competitività. Questa è rivolta alle associazioni imprenditoriali, rappresentative dei settori dell'industria, dell'artigianato, della cooperazione e del terziario, promotrici o aderenti al "Patto per lo Sviluppo dell'economia, del lavoro, della qualità e della coesione sociale in Lombardia" e le relative articolazioni territoriali in Lombardia, in partenariato con uno dei seguenti soggetti: le università e i relativi dipartimenti gli uffici per il trasferimento delle conoscenze tra università e imprese, i centri di ricerca costituiti ed operanti nell'ambito del sistema universitario lombardo. Possono inoltre partecipare al partenariato anche le associazioni di imprese, di livello almeno regionale, rappresentative di specifiche tematiche tecnologiche e produttive all'interno dei settori dell'industria, dell'artigianato, della cooperazione e del terziario; i centri di ricerca e studi di politica industriale ed, infine, i parchi scientifici e tecnologici. ARMONIZZAZIONE STRUMENTI FINANZIARI PER PMI Il terzo e ultimo provvedimento riguarda l'armonizzazione degli strumenti finanziari regionali a favore delle PMI. Viene così creato un unico fondo finanziario che conterrà tutti gli strumenti rotativi a favore delle imprese lombarde, suddivisi per tipologie di investimento supportato. Lo scopo principale di tale iniziativa è quello della semplificazione delle procedure amministrative, anche in un'ottica di "Small Business Act", che si concretizzerà anche in una completa informatizzazione del processo. La creazione di un unico fondo rende gli strumenti più flessibili e modulabili rispetto alle nuove politiche industriali. Tutte le agevolazioni finanziarie di Regione Lombardia vengono inoltre rese più convenienti per le imprese: sarà ampliata notevolmente la copertura regionale delle spese ammissibili dei progetti e contestualmente miglioreranno i tassi di interesse medi a carico delle aziende. http://www.erreviconsulenze.it/1/gibelli_131_milioni_di_euro_ad_aziende_lombarde_6169021.html


            

Altri articoli scritti da ERREVI CONSULENZE di Roberto Varagnolo

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades