fxdemo
FinanzaeDiritto sui social network
6 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Finlabo SIM: FAMILY OFFICE E ASSET MANAGER ALTERNATIVO. L'intervista ad Alessandro Guzzini, CEO di FinLabo SIM

22 Luglio 2013 - Autore: Redazione


 Finlabo SIM, la boutique marchigiana di gestione fondata da Alessandro Guzzini e Anselmo Pallotta, premiata all’ultima edizione del Premio Internazionale Le Fonti come Eccellenza negli Investimenti Alternativi, è un soggetto unico nel panorama nazionale ed europeo. Nata nel 2005 come Family Office della famiglia Guzzini, negli anni è cresciuta fino a diventare un importante player nel settore dei fondi UCITS alternativi, grazie alle competenze e alle tecnologie sviluppate negli anni dai giovani fondatori. Una storia recente che si unisce però a progetti di crescita significativi e a risultati ai vertici delle classifiche europee di settore. Di questo e molto altro ci ha parlato Alessandro Guzzini, CEO di Finlabo SIM.

 

Ingegner Guzzini, ci racconta come è nata l’idea di Finlabo?

Finlabo è nata da un’idea mia e del mio socio Anselmo Pallotta, entrambi ingegneri appassionati di mercati finanziari: già durante gli anni dell’università abbiamo iniziato a sviluppare dei software e degli algoritmi di analisi sui mercati, con l’obiettivo di portare in Italia l’approccio di gestione quantitativo che avevamo visto utilizzato con successo sui mercati Americani. L’ispirazione è venuta da sistemi come Value Line, e da libri come quello di Benjamin Graham, che già negli anni ’30, a seguito della grande depressione americana, aveva sviluppato i primi criteri quantitativi di analisi fondamentale.

Da lì abbiamo iniziato a lavorare, sperimentando modelli ispirati a teorie di analisi tecnica e fondamentale, con un approccio rigoroso, ma anche con una grande attenzione ai risultati e alla possibilità di automatizzare i processi. Dopo un paio di anni di lavoro abbiamo deciso di iniziare ad utilizzare i sistemi ed i software realizzati per la gestione di un piccolo patrimonio di famiglia. Gli ottimi risultati conseguiti ci hanno convinto ad avviare la Finlabo e ad aprire a terzi le strategie di investimento che avevamo sviluppato.

 

A quali traguardi vi ha portato la vostra iniziativa?

Dal 2005, anno in cui è stata fondata la nostra prima società, siamo cresciuti tantissimo, nonostante le difficoltà legate ad uno scenario macroeconomico che è stato caratterizzata a partire dal 2007 dalla crisi americana prima e successivamente da quella europea. La società è diventata SIM di consulenza e di gestione, ed abbiamo avviato una SICAV di cui la SIM è investment manager. Finlabo SICAV ad oggi offre 3 comparti di investimento, specializzati su diversi segmenti di mercato: il fondo Finlabo Dynamic Equity, azionario eruopeo long/short, è stato più volte premiato per le performance conseguite e vanta un rendimento di oltre il 40% dalla partenza a fronte di un mercato azionario che nello stesso periodo ha registrato una variazione negativa di quasi il 30%. La SIM inoltre offre un servizio di Family Office e ha avviato una società di consulenza finanziaria dedicata alle imprese, con l’obiettivo di affiancare le famiglie imprenditoriali marchigiane in tutte le loro esigenze finanziarie sia a livello personale che aziendale.

 

Qual è il punto di forza di Finlabo e come siete riusciti ad ottenere risultati così positivi nonostante il difficile contesto di mercato?

Il punto di forza di Finlabo è la piattaforma tecnologica proprietaria sviluppata in oltre 8 anni di lavoro; una piattaforma unica in Italia ed in Europa che ci consente di analizzare in maniera quasi completamente automatica oltre 5.000 società quotate nei principali mercati internazionali, e di formulare delle indicazioni di investimento su tutte le società coperte: tali indicazioni sono l’input principale per la nostra attività di gestione.

L’altro punto distintivo è l’attività di copertura del rischio di mercato: abbiamo sviluppato dei modelli che ci aiutano a gestire in maniera dinamica l’esposizione ai mercati, con l’obiettivo di sfruttare i rialzi e di limitare il più possibile i danni durante le fasi negative di mercato.

 

Quali altri servizi offre Finlabo agli investitori privati ed istituzionali?

Da circa un paio di anni Finlabo ha avviato un servizio di gestione patrimoniale personalizzato, che si va ad affiancare al servizio di consulenza finanziaria già offerto a importanti clienti privati ed istituzionali. La logica della nostra attività è quella di sfruttare le nostre competenze di analisi per offrire un’assistenza su misura a clienti che hanno esigenze sofisticate e che desiderano avere un servizio altamente qualificato.

La nostra specializzazione è soprattutto sul comparto azionario, ma abbiamo sviluppato anche un database di oltre 8.000 titoli obbligazionari, e siamo in grado di coprire attraverso l’utilizzo dei migliori fondi di terzi eventuali asset class non gestite direttamente.

Inoltre offriamo attraverso il nostro sito web e attraverso alcuni partner editoriali le nostre analisi quantitative sui principali titoli azionari europei. Pensi che da quest’anno la nostra ricerca è disponibile a pagamento anche sul sito web del Financial Times.

 

Quali sono i progetti di Finlabo per il futuro?

Siamo in procinto di avviare un nuovo comparto che investirà su azioni americane con lo stesso approccio di investimento di tipo long/short che abbiamo già sperimentato con successo con il fondo Dynamic Equity.

Puntiamo a crescere dimensionalmente, tramite l’ampliamento dell’attività di Wealth Management, e soprattutto con la crescita dei fondi Finlabo Sicav che sono sempre più apprezzati da investitori istituzionali e  Family Office, sia in Italia che in Europa.

 

Possiamo dire che Finlabo sarà la nuova Carmignac Italiana?

Più che a Carmignac guardiamo ad alcuni player di nicchia che sono attivi come noi nel segmento delle strategie azionarie alternative in formato UCITS. Ci interessa crescere ma allo stesso tempo non vogliamo compromessi sulla qualità dei servizi e dei prodotti offerti: vogliamo essere una boutique al servizio di una clientela di alto livello.

 

a cura della Redazione

 




            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Guzzini, Alessandro iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades