directa
FinanzaeDiritto sui social network
29 Gennaio 2020  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Emissione obbligazionaria Eni

12 Giugno 2009 - Autore: Studio Piergiovanni


www.studiopiergiovanni.com

Partira' il 15 Giugno, per concludersi il 3 Luglio, l'offerta pubblica di obbligazioni Eni da 1 miliardo di euro, che in caso di forte domanda, diventeranno 2 miliardi.

Verranno quotate sul MOT massime n. 1.000.000 di obbligazioni, del valore nominale di 1000 Euro ciscuna.

L'operazione arriva in un momento in cui si registra una forte domanda di bond che ha fatto salire di molto i prezzi e depresso i rendimenti.

L'amministratore delegato Paolo Scaroni ha ricordato che l'ultima emissione destinata al mercato retail risale al 1995.

Le Obbligazioni sono offerte al pubblico mediante emissione del Prestito a Tasso Fisso e del Prestito a Tasso Variabile, secondo la seguente ripartizione:

  • l’ammontare minimo delle Obbligazioni del Prestito a Tasso Fisso e' costituito da minime 150.000 Obbligazioni da nominali Euro 1.000 ciascuna;

  • l’ammontare minimo delle Obbligazioni del Prestito a Tasso Variabile e' costituito da minime 150.000 Obbligazioni da nominali Euro 1.000 ciascuna.

Il Prestito a Tasso Fisso avra' durata di 6 anni e paghera' cedole annuali e il capitale verra' rimborsato a scadenza. Il tasso di rendimento effettivo a scadenza si otterra' sommando uno spread compreso tra 85 e 135 basis point al tasso mid swap a 6 anni.

Il tasso di interesse nominale annuo lordo cosi' determinato sara' comunicato al pubblico con apposito avviso pubblicato sul quotidiano “Il Sole 24 ORE” e/o “Milano Finanza” o su altro quotidiano economico a diffusione nazionale entro 5 Giorni Lavorativi dalla conclusione dell’offerta delle Obbligazioni del Prestito a Tasso Fisso, nonche' mediante specifico avviso diffuso da Borsa Italiana.

Il Prestito a Tasso Variabile avra' durata di 6 anni e e paghera' cedole semestrali e il capitale verra' rimborsato a scadenza. Il tasso variabile sara' indicizzato Euribor a 6 mesi piu' uno spread, il quale sara' determinato a conclusione dell’offerta delle Obbligazioni del Prestito a Tasso Variabile e comunicato al pubblico con apposito avviso pubblicato sul quotidiano “Il Sole 24 ORE” e/o “Milano Finanza” o su altro quotidiano economico a diffusione nazionale entro 5 Giorni Lavorativi dalla conclusione dell’offerta delle Obbligazioni del Prestito a Tasso Variabile, nonche' mediante specifico avviso diffuso da Borsa Italiana. Lo spread sara' compreso tra 85 e 135 punti base .

 

Che fare?

Non sembra il caso (mai dire mai) di un'obbligazione che non appena quotata diminuisce immediatamente di valore ma ad oggi non conoscendo l'entita' dello spread non e' possibile stabilire il rendimento dell'investimento.

Infatti molto diverso sara' il rendimento del prestito (a tasso fisso) qualora lo spread si posizionasse nella parte bassa o alta della forchetta, divenendo poco interessante qualora si andasse a posizionare nella parte piu' bassa, col problema pero' che la sottoscrizione non e' piu' revocabile.




            

Altri articoli scritti da Studio Piergiovanni

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento











Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades