directa
FinanzaeDiritto sui social network
6 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Contribuzione unica per gli amministratori soci di società commerciali

5 Marzo 2010 - Autore: Tortelotti Dott.Fabrizio


Con la sentenza n. 3240/10 le Sezioni Unite della Cassazione boccianole pretese dell'INPS che richiedeva la doppia iscrizione, IVS Commercianti e Gestione Separata, per soci di Società Commerciale (nella forma di S.r.l) che oltre a svolgere personalmente la propria attività in azienda con carattere di abitualità, fossero anche amministratori della medesima società, percependo apposito compenso. La questione concerneva l'interpretazione dell'art. 1 commi 203 e 208 della legge n. 662/1996.
La tesi avanzata dall'Ente pubblico sosteneva che fosse possibile la contestuale iscrizione del socio di società commerciale, alla gestione commercianti quale coadiutore della azienda commerciale, contestualmente alla iscrizione gestione separata per i compensi percepiti come amministratore della società. Da ciò derivava l'obbligo, per il socio, di versamento contributivo alla gestione commercianti, legato ai compensi calcolati sul reddito di impresa, proporzionato alla quota di partecipazione, nonché il versamento alla gestione separata per i compensi percepiti come amministratore della società.
Il Supremo Collegio ha disatteso l'interpretazione fornita dall'Ente evidenziando che il criterio dettato dal comma 208 sulla attività prevalente opera in tutti i casi in cui i soggetti che devono essere iscritti alla gestione commercianti esercitino contemporaneamente varie attività autonome assoggettabili a diverse forme di assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti, quale anche l'iscrizione alla gestione separata come amministratori.
Il socio d'opera che presta attività all'interno dell'impresa non sarà, quindi, tenuto a corrispondere i contributi sia alla gestione commercianti (calcolati sul reddito di impresa proporzionato alla sua quota di partecipazione) che alla gestione speciale, questi calcolati sui proventi ricavati dai terzi per l'opera professionale resa, ma dovrà esclusivamente assoggettarsi al regime contributivo relativo alla attività lavorativa svolta con carattere di prevalenza




            

Altri articoli scritti da Tortelotti Dott.Fabrizio

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades