Cofide: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2010

30 Aprile 2010 - Autore: Redazione


Cofide: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2010

Risultati consolidati del Q1 2010


• Utile netto: € 0,9 milioni (€ 9,7 milioni nel Q1 2009)
• Indebitamento finanziario netto COFIDE: € 28,6 milioni (€ 28,5 milioni al 31/12/2009)
• Indebitamento finanziario netto consolidato: € 2.081,1 milioni (€ 1.824,7 milioni al 31/12/2009)
• Patrimonio netto totale: € 2.390,7 milioni (€ 2.363 milioni al 31/12/2009)
• Patrimonio netto di pertinenza del gruppo: € 711,8 milioni (€ 704,2 milioni al 31/12/2009)

Torino, 30 aprile 2010 - Il Consiglio di Amministrazione di COFIDE-Compagnia Finanziaria De Benedetti SpA, riunitosi oggi a Torino sotto la presidenza di Francesco Guasti, ha esaminato il resoconto intermedio di gestione del gruppo al 31 marzo 2010.

Andamento della gestione
Nel primo trimestre del 2010 COFIDE ha ottenuto un utile netto consolidato di quasi 1 milione di euro, rispetto a 9,7 milioni di euro del corrispondente periodo dello scorso esercizio. Il risultato è stato principalmente determinato dal contributo della controllata CIR (1,6 milioni di euro contro 9,5 milioni di euro nel primo trimestre del 2009).

COFIDE è l’azionista di controllo di CIR-Compagnie Industriali Riunite SpA, società a capo di un gruppo industriale attivo nei settori energia, media, componenti auto, sanità e servizi finanziari. Del gruppo COFIDE fa parte anche Euvis, società partecipata da J.P Morgan che opera in Italia dal 2005 nel business dei prestiti vitalizi ipotecari agli anziani. Al 31 marzo 2010 i prestiti vitalizi gestiti da Euvis ammontavano a 66 milioni di euro, di cui 8,5 milioni di euro erogati nel corso del primo trimestre.

Risultati consolidati
I ricavi consolidati di COFIDE nel primo trimestre del 2010 sono ammontati a 1.139,5 milioni di euro, rispetto a 1.138,3 milioni nel primo trimestre del 2009 (+0,1%).

Il margine operativo lordo (EBITDA) consolidato nel primo trimestre del 2010 è stato pari a 66 milioni di euro, in crescita del 14,6% rispetto al dato del primo trimestre del 2009 (57,6 milioni di euro). L’incremento rispetto allo scorso anno è riconducibile soprattutto alla crescita dell’EBITDA della controllata CIR. Il margine operativo (EBIT) consolidato è stato pari a 26,2 milioni di euro, in lieve crescita rispetto a 25,6 milioni di euro nel primo trimestre 2009.

Il risultato della gestione finanziaria è negativo per 13,8 milioni di euro (positivo per 5,9 milioni di euro nel primo trimestre del 2009) per effetto di oneri finanziari netti per 23,9 milioni di euro, in parte compensati da dividendi e proventi netti da negoziazione titoli per 3,4 milioni di euro e da rettifiche positive di valore di attività finanziarie per 6,7 milioni di euro.

L’utile netto consolidato del primo trimestre del 2010 è stato pari a 0,9 milioni di euro, rispetto a 9,7 milioni di euro nel corrispondente periodo del 2009.

L’indebitamento finanziario netto della holding COFIDE al 31 marzo 2010 era pari a 28,6 milioni di euro, sostanzialmente invariato rispetto a fine 2009 (28,5 milioni di euro).

L’indebitamento finanziario netto consolidato del gruppo COFIDE al 31 marzo 2010 ammontava a 2.081,1 milioni di euro, rispetto a 1.824,7 milioni di euro al 31 dicembre 2009.

Il patrimonio netto consolidato totale 31 marzo 2010 si è attestato a 2.390,7 milioni di euro rispetto a 2.363 milioni al 31 dicembre 2009. Il patrimonio netto consolidato di pertinenza del gruppo è aumentato da 704,2 milioni di euro al 31 dicembre 2009 a 711,8 milioni di euro al 31 marzo 2010.

Evoluzione prevedibile dell’esercizio in corso
Nei prossimi trimestri il gruppo COFIDE proseguirà gli investimenti finalizzati allo sviluppo in tutti i settori di attività e le azioni di riduzione dei costi. Si conferma che per la controllata CIR non sono previsti al momento i proventi non ricorrenti che hanno caratterizzato gli ultimi due esercizi. L’utile netto consolidato del gruppo COFIDE nel 2010, pertanto, sarà inferiore a quello del 2009.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Giuseppe Gianoglio dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.
 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades