ActivTraderApp
FinanzaeDiritto sui social network
18 Ottobre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Centro Studi Immobiliari ASPESI presenta "Ripresa del settore immobiliare-costruttivo: crescita dell'occupazione e integrazione sociale. Il caso italiano".

16 Giugno 2010 - Autore: Redazione


E’ stata presentata all’EIRE la ricerca a cura del Centro Studi Immobiliari ASPESI su “RIPRESA DEL SETTORE IMMOBILIARE-COSTRUTTIVO: CRESCITA DELL’ OCCUPAZIONE E INTEGRAZIONE SOCIALE. IL CASO ITALIANO”. I dati emersi confermano ancora una volta come quella immobiliare sia una realtà fondamentale per l’economia italiana.
 

Già nella scorsa edizione del salone immobiliare l’Aspesi aveva presentato una ricerca che evidenziava il forte contributo del settore immobiliare-costruttivo sul Pil. Quest’anno il Centro Studi ha focalizzato la ricerca sull’occupazione, dimostrando che quello immobiliare è il settore con la maggiore capacità di assorbimento di manodopera. “A partire dal 1996 – ha dichiarato il Presidente Nazionale Federico Filippo Oriana sintetizzando i dati emersi -  considerando i 14 periodi sino al 2009, l’occupazione del settore è salita del 39,9% contro il 16,5% dell’occupazione generale, ad un ritmo medio del 2,6% annuo contro l’1,1% della crescita generale. Così facendo ha registrato un picco di quasi 2 milioni di occupati diretti pari all’8% dell’occupazione totale italiana, ritornando ai valori del 1971. Solo con la gravissima crisi in corso l’occupazione immobiliare-edilizia ha iniziato a scendere, ma in misura molto minore rispetto a quella dell’occupazione totale.  Il motivo di questo fenomeno non può che essere il boom del mercato immobiliare intervenuto proprio all’interno di quei 14 anni che ha trainato l’edilizia”.

La ricerca è stata illustrata nel dettaglio dal Professor Giuseppe Boari, Ordinario di Statistica dell’Università Cattolica di Milano, che ha analizzato gli effetti sul PIL dell’andamento degli investimenti in costruzioni e la relazione tra l’occupazione totale e quella nel settore costruzioni, e dal Professor Carlo A. Ricciardi, Ordinario di Economia Politica dell’Università IULM di Milano, che si è soffermato sull’analisi del ruolo occupazionale e di integrazione socio-culturale in contesti di recessione macro-economica.

La tavola rotonda, coordinata da Evelina Marchesini, Responsabile Casa&Case e Mondo Immobiliare del Sole 24 Ore, ha visto la partecipazione – con il  Presidente Oriana – del Direttore Generale dell’Ance Federico Merola e del Presidente Nazionale di  Assoimmobiliare Gualtiero Tamburini.

Il quadro emerso ha fatto da presupposto per il lancio di una proposta del Presidente Oriana: “Chiederemo al Governo di varare al più presto un Piano Casa 3, che sfrutti la leva fiscale. Una simile iniziativa può avere un effetto immediato sul mercato privato, rimettendolo in moto e aiutandolo a reintegrare la parte persa in questi anni di crisi”.

Ai seguenti link gli atti del convegno:

Intervento di Federico Filippo Oriana

 http://www.aspesi-associazione.it/public/files/RELAZIONE_ORIANA.pdf

 

Interventi di Giuseppe Boari e Carlo Ricciardi

http://www.aspesi-associazione.it/public/files/Atti_Convegno.pdf

 

Intervento di Federico Merola

http://www.aspesi-associazione.it/public/files/Intervento_Merola.pdf
 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades