BUY OPPORTUNITY TERZA EDIZIONE

15 Febbraio 2009 - Autore: Dott. Andrea Giampà

BUY OPPORTUNITY del 15 febbraio 2009

 

I prezzi dei corporate bond dopo l’entrata in Chapter 11 di Lehman Brothers hanno subito grosse ripercussioni: in particolar modo tra ottobre e novembre 2008 i rendimenti di tali bond sono arrivati a toccare massimi storici, anche per emittenti con rating AAA. In quel momento il mercato è arrivato quasi ad azzerare il valore dato al rating, visto che la stessa Lehman aveva un rating Investment Grade fino a dopo il default.  I mesi successivi hanno visto un forte recupero dei corporate bond, in particolar modo di quelli a tasso fisso. Nella terza edizione di “Buy opportunity” Vi parlerò di un bond di un’azienda tra le più importanti degli Stati Uniti: la General Electric. General Electric è una multinazionale con sedi che vanno dall’Algeria al Vietnam. Nel 2008 l’azienda ha guadagnato oltre 18 miliardi di dollari senza dar corso a nessun cambiamento nella politica sui dividendi. Uno dei maggiori punti di forza dell’azienda è la diversificazione settoriale che va dall’energia al farmaceutico. Le maggiori preoccupazioni sono venute dal settore finanza, i cui utili nel 2009 saranno messi in forte discussione. Il rating di Standard & Poor’s è AAA con outlook negativo. Tra i bond in circolazione appare particolarmente interessante General Electric Capital European Funding TV 22/02/16 isin XS0245166367: l’obbligazione è irrevocabilmente garantita da General Electric Capital Corporation. Il prezzo di acquisto del bond è di circa 80 con una cedola trimestrale variabile di Euribor 3 mesi + 0,15%: in considerazione del prezzo di acquisto il rendimento è del 3,4% sopra l’Euribor 3 mesi. Il titolo appare eccessivamente penalizzato dalla ricerca di rendimento “sicuro”, come avvenuto per il CCT che però a pari scadenza della Ge offre 1% sopra il Bot a 6 mesi. Ovviamente se inserire il titolo in portafoglio e per quale importo, dipenderà tutto dalla propensione al rischio dell’investitore.

 

PUNTI DI FORZA

PUNTI DI DEBOLEZZA

Rating AAA

L’outlook negativo sul rating

Diversificazione settoriale dell’emittente

La lunghezza dell’emissione

Redditività dell’emittente

Volatilità prima della scadenza

Lo spread del rendimento sull’Euribor 3 mesi

Lo spread denaro lettera per una vendita antecedente alla data di liquidazione

Il rendimento del titolo sarà favorito da un rialzo dei tassi a breve

Il rendimento del titolo sarà ridimensionato da un calo dei tassi a breve

 

La congiuntura economica mondiale

 

 

 

 

 

Andrea Giampà TM

€uropean Financial Planner TM

 

 




            

Altri articoli scritti da Dott. Andrea Giampà

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades