BILANCIO : IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA DI APPROVAZIONE

10 Luglio 2010 - Autore: THESIS


L'IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA DI BILANCIO SEGUE REGOLE SUE, NEL CASO IN CUI IL BILANCIO VENGA APPROVATO SENZA RILIEVI DA PARTE DEL REVISORE LEGALE DEI CONTI. LE REGOLE CONSISTONO NELL'UNIFICAZIONE DEI TERMINI DI IMPUGNAZIONE E DELLE CAUSE STESSE DI IMPUGNAZIONE, RICADENTI INDIFFERENTEMENTE NELLA SFERA DI COMPETENZA DELL'ARTICOLO 2377 C.C. O IN QUELLA DELL'ARTICOLO 2379 C.C. DUNQUE, I TERMINI VENGONO UNIFICATI, E SONO CALCOLATI FRA LA DATA DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO E QUELLA DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO DELL'ESERCIZIO SUCCESSIVO.IL BILANCIO DELL'ANNO X APPROVATO ALLA DATA DEL 18 APRILE, NON PUO' ESSERE OGGETTO DI IMPUGNAZIONE DOPO CHE E' STATO APPROVATO IL BILANCIO DELL'ESERCIZIO X+1 ALLA DATA DEL 26 APRILE.NELL'ARCO DI TEMPO CHE INTERCORRE FRA IL 18 APRILE DELL'ANNO X ED IL 25 APRILE DELL'ANNO X+1 E' POSSIBILE PROMUOVERE UN'AZIONE DI IMPUGNATIVA SIA PER CAUSE DI ANNULLABILITA', SIA PER QUELLE DI NULLITA', ED I TERMINNI, COME GIA' DETTO, NON SONO I 90 GIORNI STABILITI DALL'ARTICOLO 2377 C.C., NE' I TRE ANNI PREVISTI DALL'ARTICOLO 2379 C.C. A PROPORRE L'IMPUGNATIVA SONO I SOCI E SOLTANTO I SOCI, MA PER UNA QUOTA DI CAPITALE DI ALMENO IL 5% (SOGLIA NON RIDUCIBILE).




            

Altri articoli scritti da THESIS

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento











Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades