FinanzaeDiritto sui social network
22 Agosto 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Autotrasporto merci per c/ terzi: obbligo della "scheda di trasporto". Le novità per la scheda di straporto 2011 e 2012

13 Luglio 2009 - Autore: Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista


 

www.studiochiari.com
 
Autotrasporto di merci per conto terzi
Obbligo della “scheda di trasporto”
 
 
 
 
 
 
 
 
INDICE
 
1 Premessa
2 Entrata in vigore
3 Ambito di applicazione
4 Contenuto della scheda di trasporto
5 Documenti equipollenti alla scheda di trasporto
6 Sanzioni
 
***********
 
1 premessa
L’art. 7-bis del DLgs. 21.11.2005 n. 286, inserito dall’art. 3 del DLgs. 22.12.2008 n. 214, ha istituito l’obbligo della “scheda di trasporto”, al fine di:
-          favorire le verifiche sul corretto esercizio dell’attività di autotrasporto di merci per conto di terzi;
-          conseguire maggiori livelli di sicurezza stradale.
 
Con il DM 30.6.2009, pubblicato sulla G.U. 4.7.2009 n. 153, sono state emanate le disposizioni attuative della suddetta “scheda di trasporto”.
2 entrata in vigore
Il DM 30.6.2009 entra in vigore il 19.7.2009 (15° giorno successivo alla pubblicazione sulla G.U.).
3 Ambito di applicazione
Sono obbligati alla compilazione della scheda di trasporto:
-          il committente, cioè “l’impresa o la persona giuridica pubblica che stipula o nel nome della quale è stipulato il contratto di trasporto con il vettore”;
-          il soggetto delegato dal committente.
 
La scheda di trasporto deve essere:
-          consegnata al vettore, cioè all’impresa di autotrasporto di cose per conto di terzi;
-          conservata a bordo del veicolo adibito al trasporto di merci per conto di terzi;
-          esibita in sede di controllo stradale.
 
L’obbligo di compilazione della scheda di trasporto non si applica ai trasporti di collettame che avvengono mediante un unico veicolo, di partite di peso inferiore a 50 quintali, commissionate da diversi mittenti, purché accompagnati da idonea documentazione comprovante la tipologia del trasporto effettuato.
4 Contenuto della scheda di trasporto
La scheda di trasporto deve contenere le seguenti indicazioni:
-          dati dell’autotrasportatore per conto di terzi: denominazione, sede, partita IVA e numero di iscrizione all’albo degli autotrasportatori;
-          dati del committente il trasporto: denominazione, sede e partita IVA;
-          dati del caricatore: denominazione, sede e partita IVA;
-          dati del proprietario della merce: denominazione, sede e partita IVA;
-          dati della merce trasportata: tipologia, quantità/peso, luogo di carico e luogo di scarico;
-          eventuale dichiarazione che non è possibile indicare il nominativo del proprietario della merce, fornendo adeguata motivazione di questa circostanza;
-          osservazioni varie, da compilare a cura del vettore o suo conducente qualora si verifichino variazioni rispetto alle indicazioni originarie (es. variazioni luogo di scarico, variazioni tipologia o quantità della merce);
-          eventuali istruzioni fornite al vettore dal committente o da uno dei soggetti della filiera del trasporto;
-          luogo e data di compilazione;
-          generalità di chi sottoscrive la scheda in nome e per conto del committente;
-          firma.
5 Documenti equipollenti alla scheda di trasporto
Sono considerati equipollenti alla scheda di trasporto:
-          la copia del contratto scritto di trasporto, previsto dall’art. 6 del DLgs. 21.11.2005 n. 286;
-          il documento di trasporto (DDT), previsto dal DPR 14.8.96 n. 472;
-          i documenti di accompagnamento dei prodotti assoggettati ad accisa, di cui al DLgs. 26.10.95 n. 504;
-          la lettera di vettura internazionale CMR;
-          i documenti doganali;
-          il documento di cabotaggio, di cui al DM 3.4.2009;
-          ogni altro documento che deve obbligatoriamente accompagnare il trasporto stradale delle merci, ai sensi della normativa comunitaria, degli accordi o delle convenzioni internazionali o di altra norma nazionale vigente o emanata successivamente al DM 30.6.2009 in esame.
 
I suddetti documenti equipollenti devono però essere integrati con gli elementi previsti per la scheda di trasporto.
6 Sanzioni
Ai sensi dell’art. 7-bis del DLgs. 286/2005:
-          il committente o chiunque non compila la scheda di trasporto, o la altera, o la compila in modo incompleto o non veritiero, è punito con la sanzione amministrativa da 600,00 a 1.800,00 euro;
-          se, durante l’effettuazione del trasporto, la scheda di trasporto o la documentazione equipol-lente non risulta a bordo del veicolo, si applica la sanzione amministrativa da 40,00 a 120,00 euro.
 
Inoltre, viene stabilito che, all’atto dell’accertamento della violazione, è sempre disposto il fermo amministrativo del veicolo, che verrà restituito al conducente, proprietario o legittimo detentore, ovvero a persona delegata dal proprietario, solo dopo che sia stata esibita:
-          la scheda di trasporto;
-          oppure la copia del contratto di trasporto redatto in forma scritta, o altra documentazione equivalente.
 
La scheda di trasporto o il contratto in forma scritta o altra documentazione equivalente deve essere esibita entro il termine di 15 giorni successivi all’accertamento della violazione.
In caso di mancata esibizione, l’ufficio dal quale dipende l’organo accertatore provvede all’appli­cazione della suddetta sanzione da 600,00 a 1.800,00 euro, con decorrenza dei termini per la notificazione dal giorno successivo a quello stabilito per la presentazione dei suddetti documenti.
 

Per tutti gli approfondimenti tematici su scheda di trasporto 2011 e scheda di trasporto 2012

Per approfondimenti e per scaricare gratis le nostre guide e newsletter di settore registratevi qui




            

Altri articoli scritti da Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

Ultimi commenti degli utenti

Non capisco una cosa di quando si parla di generalit di chi compila la scheda trasporto per conto del committente. Nell'estratto si parla delle generalit di chi sottoscrive la scheda in nome e per conto del committente. Nel caso di societ di servizi che lavorano per terzi per un dipendente che firma. In questo caso deve essere compilato a nome proprio o a nome della societ di servizi e il dipendente appone solo una sigla?

15 Luglio 2009 ore 19:13:48 - Massimiliano Buttaro

Nella circolare non specificato se i trasporti di alimentari (groupage) rientrano nella categoria collettame ed esite quindi l'obbligo della compilazione della scheda di trasporto? avete notizie pi precise in merito?

16 Luglio 2009 ore 09:52:40 - Ida Nardini

Siamo un'azienda di intermediazione di rottami ferrosi. Per quanto riguarda la scheda di trasporto, che responsabilit abbiamo nella nostra posizione di cessionario? Specifico che i nostri fornitori consegnano ai nostri clienti a mezzo vettore direttamente dal loro magazzino. grazie

16 Luglio 2009 ore 12:57:37 - Graziella Ippolito

Quale magnifico esempio di semplificazione burocratica!! Il prossimo passo comporter la necessit di allegare gli esami del sangue, il certificato di matrimonio e di battesimo e magari copia autenticata del certificato di frequenza all'asilo di tutti i vari soggetti coinvolti, nonch del commercialista che tiene la contabilit del vettore?

16 Luglio 2009 ore 13:17:44 - Paolo Bortolini

l'art. 3 del decreto citato evidenzia quali sono i documenti equipollenti, ma il comma 2 dell'art. 1 nell'evidenziare che tali documenti sostituiscono il modello di scheda evidenzia anche come essi debbano comunque avere il medesimo contenuto. spero che presto esca un chiarimento su ci che ho evidenziato

17 Luglio 2009 ore 13:18:50 - di biase luano

la scheda di trasporto va compilata ogni inizzio di trasporo

21 Luglio 2009 ore 15:10:39 - autotrasporti raspagliesi piero

Non mi chiaro cosa si debba fare in caso di subappalto del servizio di trasporto. E' possibile, come ci hanno consigliato, aggiungere sulla prima scheda di trasporto i dati del secondo vettore, o deve essere emessa una seconda scheda di trasporto dove il primo trasportatore compaia come committente?

22 Luglio 2009 ore 09:13:48 - Marzia Soncini

Ciao a tutti,anche io ho questo tipo di problema. qualcuno puo' aiutarmi. grazie Antonio "Non capisco una cosa di quando si parla di generalit di chi compila la scheda trasporto per conto del committente. Nell'estratto si parla delle generalit di chi sottoscrive la scheda in nome e per conto del committente. Nel caso di societ di servizi che lavorano per terzi per un dipendente che firma. In questo caso deve essere compilato a nome proprio o a nome della societ di servizi e il dipendente appone solo una sigla?"

22 Luglio 2009 ore 15:45:32 - Antonio Castiglia

uno spettro si aggira per l'Italia: la SCHEDA DI TRASPORTO! Come direbbe don Abbondio: CARNEADE, CHI ERA COSTUI? Insomma, dallo scorso luned 5 luglio c' una nuova legge in vigore, in Italia, che riguarda la SCHEDA DI TRASPORTO, ma il bello che non ne sa niente (quasi!) nessuno! Il primo problema il completo scollamento tra chi promulga le leggi e chi deve "obbedirle". Chi "fa" le leggi non ha idea di come si operi nella realt e cos chi deve "subire" le imposizioni dall'alto si trova a non sapere proprio come fare per eseguire gli ordini. Cos lo Stato pu "multare" (le multe vanno da 800 a 1.800 euro per ogni SCHEDA DI TRASPORTO sbagliata o incompleta!) e risanare le sue finanze. E, come se non bastasse, se una SCHEDA non ritenuta valida, il camion pu anche subire un fermo di 15 giorni. In un momento di crisi, ci si aspetterebbe un "aiuto" dal mondo della politica, invece l'unico ufficio che funzioni il classico: U.C.A.S (Ufficio Complicazioni Affari Semplici). Dicevano i latini: IMPOSSIBILIA NEMO TENETUR. Almeno, non obbligateci a fare cose impossibili ...! Dovremmo proporre uno scambio: noi occupiamo le poltrone della politica e mandiamo i politici a lavorare (nel senso di provare loro a gestire le nostre aziende, dovendo sottostare a tutti quei balzelli, cavilli, peduncoli legali che si inventano ogni giorno). La legge adesso c', ma piena di incertezze interpretative. Si stanno facendo incontri, meetings, interrogazioni ... (quindi enormi perdite di tempo) solo per capire cosa mai avranno voluto dire i signori della politica. Il problema basilare semplicissimo: i nostri ministeri (a questa legge ci hanno lavorato in tre, il Ministero dei Trasporti, quello dell'Interno e quello delle Finanze) non hanno ancora capito che il TRASPORTO non solo quello che si fa con i camion. Il TRASPORTO avviene in quattro modalit: su STRADA (ecco i camion), su ROTAIA (ed ecco dunque la ferrovia), per vie d'ACQUA (per tutto quello che si muove con le navi) e per via d'ARIA (ed ecco gli aeroplani). E - altra differenziazione - il trasporto NON solo quello che riguarda merci che si muovono "interno" Italia, ma anche quello che riguarda il settore dell'ESPORTAZIONE e quello dell'IMPORTAZIONE. Poi c' un'alteriore differenziazione: ci sono i carichi "completi" ed i carichi a collettame. Un container che si muove da Milano a Genova un carico "completo"? E se si tratta di un container "groupage", cio caricato con molteplici partite di merce di diversi clienti, come di fa ad identificare il PROPRIETARIO della merce (che, ovviamente, non uno solo ... pur trattandosi di un solo container). E poi chi il caricatore? La legge dice: "l'impresa che cura la sistemazione del carico". Dunque vediamo: se io mando un camioncino a ritirare una piccola partita di merce, la ditta produttrice "appoggia" i cartoni sul bordo del camion e poi l'autista che se li sistema "dentro" al camion. Quindi ... qual l'impresa che cura la sistemazione del carico? E se la merce destinata all'esportazione, venduta a condizioni "franco fabbrica", chi il PROPRIETARIO della merce durante il trasporto dall'indirizzo della ditta produttrice al mio magazzino di consolidamento? Mi sembra di poter dire che l'unica capacit che hanno i nostri politici, quando si tratta di trasporto SU RUOTE, quello di saperci infilare i classici bastoni! http://www.paolofederici.splinder.com/

25 Luglio 2009 ore 16:19:12 - paolo federici

insomma il DDT attuale sostituisce la scheda di trasporto?

29 Luglio 2009 ore 18:05:07 - Vespucci Amerigo

A FINE TRASPORTO E DOPO AVERLA COMPILATA , COSA SI DEVE FARE? LA SI DEVE CONSERVARE ALLEGATA AL FORMULARIO?

31 Luglio 2009 ore 15:11:03 - anna

PER IL TRASPORTO RIFIUTI, VISTO CHE GIA SONO ACCOMPAGNATI DA UN FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI COMPLETO DI TUTTE LE INFORMAZIONI, BISOGNA COMUNQUE FARLA? E SE SI DEVE ESSERE CONSERVATA SOLO DAL TRASPORTATORE O ANCHE DAGLI ALTRI SOGGETTI INDICATI NELLA SCHEDA?

31 Luglio 2009 ore 15:17:43 - CARMINE

salve a tutti...sperando che qualcuno mi risponda...mio zio mi ha chiesto di stampare questa scheda di trasporto...a parte il fatto che io l unica cosa che sono riuscito a trovare da stampare una pagina...tirata su da uno scanner e pubblicata online insieme al testo della legge...e poi una lista di cio che deve avere questo foglio. comunque volevo capire mio zio trasporta ghiaia asfalto , insomma 3/4 delle strade del friuli le ha asfaltate lui,quelle che han ceduto...no;cmq artigiano praticamente lavora per conto terzi..quindi dovrebbe essere colui che gli da gli ordini a dargli questo foglio...ma ovviamente non cosi...mi sapete dare un link..dal quale scaricare?io per ora gli stampo il foglio della legge, ma non so quanto regolare sia la cosa fatemi sapere grazie.

1 Agosto 2009 ore 21:52:55 - diego sala

per quanto riguarda la scheda di trasporto.. dopo la fine del trasporto deve essere comunque conservata per eventuali controlli?

3 Agosto 2009 ore 16:33:21 - Erika

E' vero! che sono sempre le imprese di trasporto ad essere tartassate ogni giorno con nuove leggi alcune anche stupide, come questa della scheda di trasporto, visto che la merce attualmente viaggia con D.D.T. o Bolle di accompagnamento dove sono segnalati gi il committente, il vettore, l'indirizzo di scarico e il propietario della merce. Inoltre sono sempre i trasportatori i pi multati su strada, ma non pensate che questo sia un lavoro facile. In pi ogni giorni si sentono i rincari del gasolio e altre spese che non sto qui ad elencare; e quelli che ci rimettono di pi sono proprio i trasportatori. Grazie

7 Agosto 2009 ore 09:19:05 - Patrizia Anna

PER IL TRASPORTO RIFIUTI, VISTO CHE GIA SONO ACCOMPAGNATI DA UN FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI COMPLETO DI TUTTE LE INFORMAZIONI, BISOGNA COMUNQUE FARLA? E SE SI DEVE ESSERE CONSERVATA SOLO DAL TRASPORTATORE O ANCHE DAGLI ALTRI SOGGETTI INDICATI NELLA SCHEDA?

7 Settembre 2009 ore 17:33:07 - TONY

Quante belle domande... tutte senza risposta of course! Io dico, ma se il DDT equippolente alla scheda di trasporto, non bastava una semplice modifica a questo per vivere tutti pi felici e contenti?

10 Settembre 2009 ore 09:09:38 - Daniela Fusato

VORREI CORTESEMENTE SAPERE SE LA SCHEDA DI TRASPORTO DEVE ESSERE ALLEGATA ALLA FATTURA.

15 Novembre 2009 ore 17:33:56 - ROSALBA TERRONE

NOI ESSENDO UNA AGENZIA DI TRASPORTO COME MI DOVREI COMPORTARE PER LE SCHEDE?

15 Novembre 2009 ore 18:15:35 - TERRONE ROSALBA

SONO DISPERATO LA MIA COMMERCIALISTA NON HA CAPITO NIENTE SULLA SCHEDA DI TRASPORTO PERCHE' DICE SE IO COMPILO IL DDT PER QUALE MOTIVO DEVO METTERE I STESSI DATI SULLA SCHEDA? E POI LA POSSIAMO COMPRARE DA BUFFETTI? AIUTATEMI

12 Febbraio 2010 ore 14:34:12 - ANDREA LORUSSO

perch cos diificile stampare copia di una scheda trasporto?

16 Febbraio 2010 ore 11:50:57 - sabrina marche

VORREI LEGGERE LE RISPOSTE

10 Settembre 2010 ore 15:05:00 - CARLA FERRARO

BUONO

2 Settembre 2011 ore 10:07:14 - ROBERTO ARINGHIERI

ho bisogno di informazion su c/terzi

19 Ottobre 2011 ore 11:19:18 - Cinzia Zanatti












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades