FinanzaeDiritto sui social network
7 Dicembre 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Asia positiva, tre indici fanno nuovi massimi

22 Febbraio 2019 - Autore: Redazione


Alcune piazze finanziarie in Asia nel corso della seduta hanno registrato nuovi massimi. Giappone ha chiuso negativamente, India sulla parità. Nuovi minimi ad oltre 2 anni nel corso della seduta del decennale giapponese Jgbs.

Tra le materie prime il rame ha generato i nuovi massimi da inizio anno a 2,93, fra gli, invidce nuovi top per Hang Seng, Shanghai Composite e l’Asx australiano.

I rialzi delle piazze delle piazze azionarie sembrano alimentati da aspettative di politiche monetarie delle banche centrali accomodanti più che da un'accelerazione positiva del ciclo economico. I tassi di interesse stanno scendendo, infatti, invece che salire come accade quando il ciclo si rafforza.

Dettaglio

Lo Shanghai Composite cinese ha terminato la seduta a +1,91% a 2.804 +52 punti, il trend rialzista è ancora intatto. L’indice cinese si è mosso nei mesi precedenti all’interno di un ampio trading range partito dal mese di ottobre. I limiti inferiore o superiore di questo canale di oscillazione erano rappresentati dalla resistenza a 2.700 e dal supporto a 2.450 (250), poi è partito un movimento al rialzo con la violazione del bordo superiore. L’indice durante la giornata ha segnato il nuovo top annuale a 2.804 Il target di arrivo è rappresentato da quota 2.900.

  • Grafico dell’indice Shanghai Composite:

https://www.tradingview.com/x/eOCZwvPF/

 

Il Nikkei giapponese ha generato una chiusura negativa -0,18%, a 21.425 -38 punt. La seduta è stata caratterizzata da prese di profitto. Il mercato, dopo il test con il supporto a 19.000 toccato il 27 dicembre 2018, ha generato un mini trend rialzista. I prezzi hanno superato la mini congestione a forma di rettangolo dalla metà di gennaio, di conseguenza se le quotazioni continueranno a salire troveranno come ostacolo la resistenza a 22.000 punti

Grafico dell’indice Nikkei:

https://www.tradingview.com/x/MbOMdToY/



  1. Nel link seguente tutti i  livelli statistici a maggiore probabilità di test per il Nikkei.

 

L’Asx 200 australiano ha segnato un +0,46% a 6.167 +28 punti. Il benchmark dopo aver rotto, nelle sedute passate la resistenza a 5.900 ha generato un veloce movimento rialzista. Il prossimo livello da monitorare è la resistenza a 6.200. L’indice Asx 200 durante la giornata ha segnato il nuovo top annuale a 6.167.

  • Grafico dell’indice Asx 200:

https://www.tradingview.com/x/MDDNIOBm/

Quanto alla Corea del Sud, il Kospi Sud Coreano di Seul ha registrato una performance del +0,08% a 2.230 1,8 punti. Graficamente questo indice ha rotto il range partito dalla fine ottobre 2018. Dopo la rottura del canale laterale è partito un trend rialzista. Nelle ultime sedute dopo una breve correzione si è innescato un nuovo movimento rialzista. Il successivo ostacolo è la resistenza a 2.300. La seduta odierna ha visto prese di profitto.

Grafico Kospi:

https://www.tradingview.com/x/GXxfXRe7/

 

Passando al Nifty 50 Indiano, nel momento in cui si scrive, quota +0,02% a 10.792 +2 punti. L’indice ha dato un falso segnale con il breakout della resistenza a 11.000 punti nei giorni scorsi e ha iniziato un trend a ribasso interrotto il martedì 19 febbraio. Le quotazioni delle ultime sedute sono nuovamente a rialzo.

Mercato Valutario

Il dollaro ha chiuso la sessione asiatica contrastato al cambio con le principali valute:  

  • Il Dollaro vs Yuan Cinese, usd/cny a -0,07% a 6.7206 -47 pips, quota sopra i minimi di periodo a 6,68.

  • Il Dollaro vs Yen Giapponese, usd/jpy a +0,12% a 110,83 +13 pips. Il tasso di cambio negozia sotto la resistenza a 111,40. Una sessione di fatto neutrale.  

  • Il Dollaro vs Rupia indiana, usd/inr a -0,07% a 71,11 -5 pips, scambia sopra il supporto a 69,50.

  • Il Dollaro Australiano vs Dollaro, aud/usd a +0,25% a 0,7111 +18 pips. Il tasso di cambio negozia sotto la resistenza a 0,74.

  • L’ Euro vs Dollaro Americano, eur/usd quasi invariato a +0,06% 1,1341%  +6 pips, leggermente sopra 1,1300.

Materie Prime

Il petrolio ha rotto nei giorni scorsi la resistenza a 55 dollari ed ora rimane sopra tale livello. Il Wti, nel momento in cui si scrive, quota a 57,11 dollari, a +0,49% +0,25 figura. L’oro nero ha disegnato una figura di inversione rialzista, la linea del collo (neckline) era a quota 55 dollari. La conformazione è stata confermata tecnicamente. Il target, attraverso la tecnica delle proiezioni, è a 63.

L’oro, nel momento in cui si scrive, scambia a 1.323 -0,02% -0,17 figura. Nelle ultime sedute ci sono state delle prese di profitto dopo il movimento rialzista degli ultimi giorni.

 

Il rame, si è portato sopra il livello superiore del canale laterale (2,80 - 2,60) che ha accompagnato dall’estate le quotazioni. L’oro rosso quota, nel momento in cui si scrive a 2,93 +1,33% a 0,0385 figura, il livello rappresenta i nuovi massimi da inizio anno.

Tassi di interesse decennali Asia

I tassi di interesse dei decennali asiatici hanno chiuso misti.

  • Il rendimento del decennale nipponico, corrispondente al bond Jgbs a 10 anni viaggia in territorio negativo -0,05%, segnando un -0,1 basis point rispetto al rendimento della seduta precedente: Nel corso della seduta è stato registrato un nuovo minimo a -0,057% a 2 anni.

  • Il rendimento del decennale australiano, Agbs, scambia a 2,11% registrando +4,4 basis point.

  • il rendimento del decennale indiano, Igbs, scambia a 7,46% generando +4,5 basis point.

Grafico del Jgbs:

https://www.tradingview.com/x/yOLKUPQc/

Il grafico evidenzia l’andamento laterale del Jgbs delle ultime sedute.

Newsletters

Hai perso un tema caldo del momento o un approfondimento o un’ analisi?

Vuoi restare aggiornato sui temi economici o gli eventi organizzati da finanzaediritto?

ISCRIVITI alla Newsletters di finanzaediritto.

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento












Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades