Borse in Europa chiudono negative, Dax e Ibex le peggiori

stampa | chiudi

8 Febbraio 2019  Scritto da: Redazione


Borse in Europa chiudono negative, Dax e Ibex le peggiori

 

Le Borse europee nella seconda fase della seduta chiudono tutte al ribasso. Le perdite sul Dax superano il punto percentuale per gli altri indici, invece, sono tutti sotto questo valore (sono tutti sotto al 1%). Le piazze finanziarie hanno sofferto alcuni dati macroeconomici negativi provenienti nei giorni scorsi dalla Germania, la debolezza di Société Générale e la partenza debole di Wall Street.

 

Indici

Questo il quadro generale degli indici europei

 

L’indice Ftse Mib si è riportato all’interno del canale laterale iniziato nel mese di ottobre dopo la falsa rottura avuta nei giorni scorsi, il bordo più vicino ai prezzi è quello superiore posto a 19.700. Il benchmark, nelle sedute scorse, pur lasciandosi alle spalle il livello indicato non ha mai generato un trend al rialzo.

Grafico:

https://www.tradingview.com/x/nRpzEhoy/

 

L’indice Dax di Berlino ha rotto la soglia psicologica di 11.000, ai minimi dal 18 gennaio, diventando ora resistenza.

 

L’indice Ibex di Madrid è ancora all’interno di un canale laterale. Il trading range, sempre dalla metà di ottobre, questa volta è delimitato dai due livelli 9.300 in alto e 8.600 in basso. Nelle ultime sedute i corsi sono stati respinti dal bordo superiore di questo rettangolo.

 

Quanto alla Francia, l’indice Cac ha abbandonato lo spike a (v) rialzista di medio periodo, il supporto di riferimento è a 4.900

 

Nel link seguente tutti i  livelli statistici ad elevata probabilità.

 

Mercato valutario e pips

Il Dollaro prende forza verso euro e sterline, si indebolisce verso il franco svizzero:

 

 

L’Euro è debole nei confronti del franco svizzero e stabile nei confronti della sterlina inglese.

 

 

Materie prime

Il petrolio ha rotto nei giorni scorsi la resistenza a 55 dollari senza però riuscire ad accelerare al rialzo. Il Wti, nel momento in cui si scrive, quota a 52,67 dollari, a +0,15%  +0,08 figura. L’oro nero ha disegnato una figura di inversione rialzista, la linea del collo (neckline) è a quota 55 dollari. La conformazione verrà confermata con un'accelerazione dei volumi e della volatilità sopra il livello indicato.

L’oro, nel momento in cui si scrive, scambia a 1.315 +0,41% +5,34 figura. Il gold ha rotto nei giorni scorsi la resistenza psicologica a 1.300 dollari ed è partito un veloce movimento al rialzo per poi ritracciare grazie a prese di profitto. Il metallo giallo nel momento in cui si scrive sembra ripartire al rialzo.

Il rame ha rotto al rialzo la fase di lateralità. Il range era compreso tra supporto di 2,60 e la resistenza a 2,80. L’oro rosso quota, nel momento in cui si scrive, -0,70%  a 2,8003 -0,0212 figura, sopra al bordo superiore del canale laterale indicato.

Tassi di interesse e basis point

I rendimenti europei dei bond decennali nel corso della giornata sono tutti scesi ad eccezione dell’Italia:  

 

 

Grafico

https://www.tradingview.com/x/WCu4RiSf/

 

Approfondimento

Negli articoli precedenti si evince che quando le quotazioni del Dax e Ftse Mib sono contrastate, difficilmente generano oscillazioni superiore al 1%.