directa
FinanzaeDiritto sui social network
20 Aprile 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




BUY OPPORTUNITY DEL 27 NOVEMBRE 2010

27 Novembre 2010 - Autore: Dott. Andrea GiampÓ


BUY OPPORTUNITY del 27 novembre  2010

 

Monitoriamo insieme le operazioni aperte nelle precedenti edizioni andando ad esprimere un nuovo “rating”:

 

Data

Strumento finanziario

Prezzo di acquisto alla data della “Buy Opportunity”

Bid price al 27 novembre  2010

Rendimento dalla data della “Buy Opportunity”

Note e rating

Peso % per un portafoglio bilanciato

02 febbraio 09

Carmignac Patrimoine

4.285,02

5221,01

21,84%

Volatilità media nuovo giudizio: Buy

14%

22 marzo 09

Carmignac Investissement

5.673,01

8681,75

53,03%

Volatilità alta nuovo giudizio Hold

6%

10 settembre 09

Unipol 2023 lower tier 2

98

99,27

1,27% oltre al rateo interessi

Volatilità alta nuovo giudizio hold

6%

05 dicembre 09

Parvest step 90

1.303,60

1.256,27

-3,63%

Volatilità media nuovo giudizio hold

3%

28 febbraio 10

Carmignac Securitè

1.504,41

1.534,76

2,01%

Volatilità bassa nuovo giudizio buy

8%

10 aprile 10

Baca perpetual

62

55

-11,29% oltre al rateo interessi

Volatilità altissima nuovo giudizio buy

3%

24 aprile 10

Templeton Frontier Market N Eur Hdg

16,05

16

-0,31%

Volatilità altissima nuovo giudizio buy

3%

13 giugno 2010

Templeton Global Bond hdg

17,36

18,26

5,184%

Volatilità media nuovo giudizio: hold

8%

31 luglio 2010

Jb Absolute Return eur

122,99

122,59

-0,32%

Volatilità bassa nuovo giudizio: hold

3%

16 agosto 2010

Vontobel Absolute Return bond

169,50

167,11

-1,41%

Volatilità bassa nuovo giudizio: hold

3%

11 settrembre 2010

Intesa 2017 floater

91,75

91,50

- 0,25oltre al rateo interessi

Volatilità media: nuovo giudizio sell

5%

11 settembre 2010

Telecom 2016 floater

93,30

93,43

+0,13% oltre al rateo interessi

Volatilità media: nuovo giudizio buy

5%

01 ottobre 2010

Groupama perpetual

77

80,36

4,36% oltre al rateo interessi

Volatilità altissima: nuovo giudizio hold

5%

07  ottobre2010

Tnote 2011

100,23

100,10

5,17% oltre al rateo interessi

Cambio eur/usd 1,395 Volatilità altissima nuovo giudizio sell

5%

22 ottobre 2010

Bank Of America 2017 4,625%

98,60

97,64

-0,97% oltre al rateo interessi

 

Volatilità alta: nuovo giudizio buy

5%

11 novembre 2010

Rbs 2015 frn lower tier 2

86,5

84,35

-2,48% oltre al rateo interessi

Volatilità alta: nuovo giudizio buy

5%

16 novembre 2010

Mediobanca 2020 5% lower tier 2

100

100

- oltre al rateo interessi

Volatilità alta: nuovo giudizio buy

5%

20 novembre 2010

Schroeder Emergine Opp

13,79

13,76

-0,21%

 

Volatilità altissima nuovo giudizio buy

3%

20 novembre 2010

Pictet Emerging Local Currency

129,23

129,26

+0,02%

Volatilità alta: nuovo giudizio buy

3%

20 novembre 2010

Invesco Pan European Structure

8,98

8,96

-0,22%

 

Volatilità altissima nuovo giudizio buy

2%

               

 

           

Mese molto difficile per i mercati finanziari, dove abbiamo assistito ad un forte deprezzamento dell’euro causa i problemi del debito dei paesi periferici ed ad un aumento dei tassi con l’Irs a 10 anni eur in crescita di circa lo 0,5% (attualmente circa il 3%). Questo ha generato, oltre allo storno dei mercati obbligazionari che hanno subito anche un aumento degli spread e dei relativi cds (sia per i governativi che per i corporate) , uno storno sui mercati azionari dei paesi periferici europei (La Spagna da inizio anno sfiora circa il -20%). In modo decorrelato si sono comportati gli altri mercati azionari,  in particolare la Germania e gli Stati Uniti (per questi ha notevolmente contribuito l’apprezzamento del cambio). Le tensioni tra le due Coree e gli interventi di raffreddamento da parte della Cina sulla propria economia hanno fatto il resto. Visto alcune opportunità che si sono create sui mercati, abbiamo provveduto a vendere il Tnote in dollari Usa che in un mese e mezzo ha guadagnato oltre il 5% ed il bond floater di Intesa, poco penalizzato. La vendita del dollaro ha come logica il fatto che l’apprezzamento è da ricondurre più a demeriti dell’Europa che ad effettivi meriti degli Usa, tra l’altro gli effetti del QE2 potrebbero nuovamente indebolire la valuta, qualora i cieli in Europa si rasserenassero. Abbiamo provveduto ad aumentare leggermente la componente equity in vista del terzo anno del mandato presidenziale Usa, di solito molto positivo per i mercati azionari: la perdita di consensi di Obama né limiterà comunque il raggio di azione. Con la liquidità ricompreremo fisso nominale bancario subordinato lower tier 2 e bond inflaction linked, che verranno descritti nelle prossime due “Buy Opportunity”.

 

 

Il presente strumento rappresenta un portafoglio virtuale. Ovviamente l’acquisto degli strumenti finanziari indicati ed il relativo  importo non tengono conto della propensione al rischio del singolo investitore e dell’adeguatezza dell’operazione al proprio profilo rischio/rendimento. La nostra newletter ha un puro obiettivo didattico e conoscitivo, chi acquista i vari prodotti finanziari lo fa a suo rischio e pericolo. Ovviamente non viene garantito alcun tipo di rendimento.

 

 

Andrea Giampà TM

uropean Financial Planner TM

 

 




            

Altri articoli scritti da Dott. Andrea GiampÓ

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento













Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades