Stocks it
FinanzaeDiritto sui social network
11 Dicembre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




BUY OPPORTUNITY DEL 28 FEBBARIO 2010

27 Febbraio 2010 - Autore: Dott. Andrea GiampÓ

BUY OPPORTUNITY del 28 febbraio  2010

 

Super domanda per i bond Enel, vedi a proposito le nostre “Buy Opportunity” del 11 e 12 febbraio. La richiesta è stata superiore ai 14 miliardi contro un’offerta massima di 3 miliardi. Prezzo di acquisto a 99,89 con cedola al 3,5% per il bond fisso, Euribor 6 m +0,73% per il bond variabile. Prezzo superiore a 101,5 fin dal primo giorno di trattazione. Con la richiesta per il nostro portafoglio modello ipotizziamo un’assegnazione dell’1% cadauno sia per il fisso che per il variabile.

 

Prezzi generalmente in linea o in aumento per le “Buy opportunity” aperte, a tale proposito si veda il riepilogo del portafoglio effettuato nella “Buy opportunity” del 06 febbraio.

 

Da segnalare importanti notizie in arrivo dal Comitato di Basilea. Con la partenza di Basilea 3 i titoli ibridi potrebbero non rientrare più nel patrimonio di vigilanza. Questo oltre a stoppare nuove emissioni, potrebbe fare molto bene ai Tier 1 perpetual in circolazione, in attesa di prossimi “Buy-Back”. Ricordiamo in portafoglio l’esistenza del bond perpetual Tier 1 Bfcm.

 

Utilizziamo il 5% della liquidità per l’acquisto di Carmignac Securitè, fondo obbligazionario breve termine, 5 stelle morninstar, 3,5 miliardi di asset, con rendimento cumulato a 3 anni del 17,42%, a 5 anni del 21%,  a 10 anni del 54,42%. Alfa positivo, beta inferiore al mercato, indice di sharpe positivo, deviazione standard di poco superiore al 2% a 3 anni. Nav 1.500,58 eur.

 

 

PUNTI DI FORZA

PUNTI DI DEBOLEZZA

Il brand della società

Fondo a gestione attiva, potenziali maggiori rischi rispetto ad un fondo a benchmark

Il rendimento

Storicamente il team di gestione di Carmignac ha mostrato un  forte know-how nello stock-picking, nel market-timing, nell’asset allocation in comparti azionari e bilanciati, molto meno nei comparti obbligazionari (Vedi pessima performance del fondo Carmignac Global Bond lo scorso anno)

La costante capacità di generare alfa

 

La deviazione standard contenuta

 

La possibilità di andare in duration negativa

 

La capitalizzazione

 

Il rating Morningstar

 

 

Ovviamente se inserire il bond in portafoglio e per quale importo, dipenderà tutto dalla propensione al rischio dell’investitore.

 

 

 

 

Andrea Giampà TM

€uropean Financial Planner TM

 

 




            

Altri articoli scritti da Dott. Andrea GiampÓ

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento








cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting