cfsrating 2018
FinanzaeDiritto sui social network
26 Marzo 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




FXCM - FED: NIENTE QE. ORA TOCCA ALLA BCE

2 Agosto 2012 - Autore: FXCM - Forex Capital Markets


Niente da fare, la Federal Reserve, come la maggior parte degli analisti (noi compresi) si aspettava, non ha lanciato un nuovo piano di stimoli per l’economia americana, lasciando così i fili della ripresa mondiale in mano, per il momento, alla Banca Centrale Europea. Il terzo round di quantitative easing da 600 miliardi di dollari è stato in qualche modo promesso ai mercati dalla Federal Reserve nel momento in cui le condizioni della ripresa dovessero richiederne l’attuazione, ma oltre a ciò, non è stato comunicato nessun time frame di riferimento e anche a livello di tassi di interesse, l’orizzonte per vederli eccezionalmente bassi è risultato essere ancora il 2014. Un niente di fatto che non ha colto di sorpresa i mercati che hanno reagito nella maniera che ci attendevamo, con acquisti di dollaro americano a fronte di vendite di posizioni su commodities, indici azionari e valute che offrono tassi di interesse nominali superiori rispetto al corridoio previsto per i Fed Funds tra 0 e 0.25%. Gli unici cambiamenti degni di nota nel wording adottato da Bernanke negli statement del braccio operativo della Fed hanno riguardato la descrizione delle condizioni economiche, con il passaggio da “l’economia si sta espandendo ad un tasso moderato” a “l’attività economica ha, in parte, decelerato durante la prima parte dell’anno”, con il mercato immobiliare depresso e un outlook che non lascia ben sperare. Questo può essere identificato come il motivo per cui le aspettative degli analisti per quanto concerne un intervento dell’autorità monetaria il prossimo settembre, al momento hanno raggiunto quasi il 50% di probabilità, ma al di fuori di questo il messaggio lanciato da Bernanke è chiaro: BCE ed Europa, cominciate a fare qualcosa per migliorare la situazione. Messaggi di cui non sentiamo certo la mancanza e che producono effetti come quelli che abbiamo visto sui mercati. Ora è il turno di BoE e di BCE, che si riuniranno oggi. La prima dovrebbe rappresentare un non-event, in quanto il piano di acquisto di asset è già stato incrementato la scorsa riunione, mentre i tassi sicuramente non verranno toccati. Per la seconda invece, il surriscaldamento provocato dai riflettori puntati su di essa è già alle stelle e tutto il mondo sarà pronto ad ascoltare il presidente Draghi, questo pomeriggio alle ore 14:30 (potete seguire con Matteo Paganini, Senior Analyst di FXCM, le reazioni di mercato in diretta collegandovi alla LIVE TRADING ROOM alle 14.25). Speriamo di sentire qualche domanda dai giornalisti riguardanti eventuali piani di QE o richiedenti maggiori informazioni circa le affermazioni per il salvataggio dell’euro (alle quali si è opposta la Germania – con qualche giorno di ritardo – affermando che l’unico mandato dell’istituto centrale è rappresentato dal mantenere la stabilità dei prezzi), le cui risposte potrebbero creare forte volatilità. Anche la questione dello scudo anti-spread sarà importante per capire se, ma soprattutto quando, gli acquisti potrebbero essere messi in campo. Se ci sarà una comunicazione precisa di ciò, la reazione del mercato potrebbe essere positiva, in caso contrario ed in tutti gli altri casi (a meno che venga ribadita la volontà di salvare l’euro con qualsiasi mezzo nonostante il “nein”), gli effetti potrebbero essere negativi per l’euro.

 

EurUsd

La figura che abbiamo seguito per un paio di giorni sul cambio eurodollaro è oramai tramontata e non più utilizzabile. In realtà questo non sembra essere un eccessivo problema, dato che i prezzi sembrano comunque rispettare due livelli molto precisi. Parliamo del supporto che si trova a 1.2220, che pur non essendo più la neckline della figura di testa e spalle, è comunque un bel doppio minimo, e di 1.2330 che in più occasioni sino da settimana scorsa ha bloccato la salita della moneta unica.

 

UsdJpy

La salita del dollaro da ieri sera ha permesso al cambio UsdJpy di andare ad avvicinarsi al livello di resistenza di breve che consideriamo prossima a 78.65. Una rottura rialzista avrebbe probabili implicazioni rialziste per i prezzi e di allontanamento dall’oramai più che noto livello di supporto chiave, prossimo a 78 figura.

 

EurJpy

Il cambio EurJpy si sta muovendo idealmente all’interno di un canale laterale ampio poco meno di una figura (meno di 100 pip per intendersi). Un grafico orario chiarisce perfettamente il particolare momento di incertezza vissuto dal cross che si trova ad essere scambiato fra 95.65 e 96.50. La più classica delle metodologie di breakout appare la più sensata in questo caso.

 

GbpUsd

Come dicevamo già ieri, l’unica major che ha confermato il ribasso con la figura di inversione a testa e spalle è il cable. Il movimento negativo ha già portato ad obiettivi interessanti e quasi al ritracciamento totale del movimento positivo che avevamo potuto osservare giovedì scorso. In giornata pensiamo che 1.5475 possa ritornare utile come supporto fondamentale.

 

UsdChf

Il cambio UsdChf si trova anch’esso in una condizione di stabilità con un tentativo alle spalle, ieri sera, di andare a rompere il livello di resistenza di 0.9815. Il livello è stato superato ma di pochissimi pip, tanto da non farci pensare ad una rottura vera e propria ed a farlo considerare, quindi, come livello di resistenza ancora valido.

 

AudUsd

Il cambio AudUsd ha confermato in due occasioni distinte, fra ieri e questa notte, quanto il livello di 1.0450 sia effettivamente importante. Superato di pochi pip è da considerare ancora supporto giornaliero e linea guida per anticipare un’inversione di tendenza del cambio che, nonostante l’evidente rallentamento rimane ancora positiva. Per anticipare una continuazione a rialzo, invece, ci affidiamo a 1.0540.

 

 

Per tutti coloro che volessero partecipare alle analisi di mercato dal vivo insieme ai nostri analisti è possibile collegarsi alle ore 9:30 per l'APERTURA DEI MERCATI EUROPEI, alle ore 15:30 per l'APERTURA DEI MERCATI AMERICANI o per l'analisi delle price action sulla pubblicazione dei DATI MACROECONOMICI più importanti.

 

Per chi volesse diventare membro del nostro forum di analisi gratuito, è possibile registrarsi qui.

 

 

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.




            

Altri articoli scritti da FXCM - Forex Capital Markets

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento










cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades