FOCUS BORSE PRE CONFLITTO

Forum con informazioni e consigli utili su come investire in borsa, quali titoli scegliere, investimenti e gestione del patrimonio aziendale e familiare
brizzo70
Messaggi: 76
Iscritto il: lun 26 ago 2013, 11:00

FOCUS BORSE PRE CONFLITTO

Messaggioda brizzo70 » lun 2 set 2013, 13:42

Le Borse europee provano ad accellerare: Milano +1,3%.

I mercati azionari europei provano ad accelerare ulteriormente dopo la diffusione dei dati sull'industria manifatturiera. Già sostenuto dalla prospettiva di un momentaneo allontanamento dell'attacco in Siria l'indice Ftse Mib segna un progresso superiore all'1% a metà mattina, muovendosi in linea con il resto del Vecchio Continente. Intanto anche Tokyo ha terminato con un deciso rialzo (+1,37% Nikkei). Con l'allentarsi dell'avversione al rischio scende anche con decisione lo spread fra BTp-Bund, ora a quota 248 punti, circa.

Buona situazione europea, bene anche l'Italia

Chiusa Wall Street per la festività del Labor Day, oggi tutta l'attività degli investitori resterà sui mercati europei. Un po' di spinta sui mercati, sotto l'aspetto macroeconomico, è arrivata dopo le ore 10 dalla diffusione degli indici sull'attività manifatturiera dell'Eurozona (Purchasing Managers Index , Pmi) di agosto, che sono saliti a 51,4 punti dai 50,3 del mese precedente raggiungendo i massimi da oltre 2 anni. La dinamica riguarda anche l'Italia, dove gli indici Pmi Markit sono cresciuti a 51,3 punti da 50,4 (massimi da maggio 2011). A sostenere questa espansione è un incremento dei nuovi ordini che, a sua volta, è il risultato in parte di una crescita sostanziale delle esportazioni. Gli stessi indici avevano in precedenza registrato un rialzo superiore alle attese in Cina, portandosi ai massimi da 16 mesi e dando un contributo al miglioramento del tono sui mercati asiatici prima.

Forex

L’euro è stabile contro il dollaro questo lunedì, con la domanda per il biglietto verde supportata dalla possibilità di un attacco militare contro la Siria.
Alla chiusura degli scambi asiatici il cambio EUR/USD ha toccato 1,3222, il massimo della seduta; successivamente il cambio si è attestato a 1,3221, in salita dello 0,01%.
Supporto a 1,3144, minimo del 22 luglio e resistenza a 1,3294, massimo del 2 agosto.
I timori di un possibile intervento militare sono saliti dopo che il Segretario di Stato John Kerry ha dichiarato che gli USA puniranno il Presidente Bashar al-Assad per il “brutale e palese” attacco chimico che ha ucciso circa 1.500 persone a Damasco.
I guadagni del biglietto verde restano tuttavia limitati, dopo i dati di venerdì che hanno mostrato che il sentimento dei consumatori USA è sceso ad agosto, staccandosi dal massimo di sei anni. La lettura finale dell’indice del sentimento dei consumatori è scesa a 82,1 da una lettura finale di 85,1 a luglio.
L’euro è in calo contro la sterlina, con EUR/GBP in calo dello 0,55%, a 0,8479.
Nel corso della giornata saranno rilasciati i dati sull’attività manifatturiera in Spagna e in Italia.
I volumi si prevedono piuttosto ridotti questo lunedì, con i mercati negli USA che resteranno chiusi per il Labor Day.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: MSNbot Media e 14 ospiti