Pagina 1 di 1

Liquidazione di quote in una SPA ( non quotata in borsa )

Inviato: mer 2 mag 2012, 17:35
da Aldo12
Forse questo è il posto giusto per inoltrare la mia "richiesta"che è la seguente.

Posseggo il 10% delle azione di una SPA che ha capitale sociale di 7.500.000 euro e che fattura sui 30-35.000.000 di euro con un guadagno pari a circa il 5-8 % dei ricavi e con un capitale immobiliare pari a 30.000.000 di euro .
Se richiedo agli altri soci di essere liquidato non trovando acquirenti per il mio pacchetto azionario quanto potrò ricevere in contropartita? Non è una spa quotata in borsa e penso pertanto che l'intervento dei periti diventi quasi obbligatorio.

Dopo la perizia eventuale i soci sono obbligati a liquidarmi se non trovo acquirenti per le mie azioni?

Re: Liquidazione di quote in una SPA ( non quotata in borsa )

Inviato: ven 4 mag 2012, 13:52
da Aldo12
Qualche esperto legale che mi possa indicare quali siano le "procedure" per farsi liquidare le azioni con tanto di valutazione del valore? Se i soci si rifiutano di pagare la somma, anche desunta da una eventuale perizia, quali sono le strade legali da percorrere ? C'è un modo coercitivo per farsi liquidare il "giusto" ? Non stiamo parlando di azioni quotate in borsa il cui valore dipende ovviamente dal valore del "mercato"...

Re: Liquidazione di quote in una SPA ( non quotata in borsa )

Inviato: ven 18 mag 2012, 12:16
da dott.stefano
La legge prevede le ipotesi in cui è possibile esercitare il recesso dalla S.p.A. all'art. 2437 c.c.. Oltre a questo deve vedere cosa stabilisce lo statuto in tema di recesso.

Una volta esercitato il recesso il socio uscente ha diritto alla liquidazione della partecipazione che in linea di massima è il patrimonio netto per la percentuale di possesso. (ma il calcolo non è mai agevole e richiede competenze tecniche)

Nel caso di controversia sull'ammontare della liquidazione occorre l'intervento di un giudice che decide.