Dollaro Australiano: previsto un significativo rialzo. La RBA continua a puntare sulla forza economica del Paese.

admin
Site Admin
Messaggi: 27
Iscritto il: lun 10 apr 2017, 9:30

Dollaro Australiano: previsto un significativo rialzo. La RBA continua a puntare sulla forza economica del Paese.

Messaggioda admin » mer 2 ago 2017, 15:30

Dopo aver registrato l’1,52 a fine maggio, si prevede per l’AUD un ulteriore miglioramento nei confronti dell’euro per la prossima seconda metà dell’anno. Se da un lato la RBA (Reserve Bank of Australia) potrebbe attuare una restrizione sui tassi, di contro, la BCE tenterà di mantenere fermo il costo del denaro.

Il 2017 è iniziato con un rallentamento dell’economia australiana che ha visto la crescita del PIL arrestarsi a 0,3% t/t dopo il +1,1% del quarto trimestre del 2016. La debole crescita è attribuita anche alla dinamica dei consumi non relativi al settore estrattivo; ad incidere sarà senz’altro stato anche il Ciclone Debby, compromettendo significativamente la rete di trasporto e quindi di esportazione del carbone. Non è un caso se dal lato della domanda interna la spesa per i consumi sembra si concentri non tanto su un aumento del reddito quanto su un calo di risparmi.

La Banca Centrale (RBA) ha preso atto del rallentamento del ciclo a inizio anno ma ponendosi fiduciosa, prevede che nei prossimi mesi possa esserci una graduale ripresa, anche a fronte dell’aumento dell’occupazione registrato tra febbraio e maggio e che vede il tasso di disoccupazione scendere al 5,5%. Di contro, le assunzioni sono state poche e settoriale, non determinando un corrispondente aumento dei salari.

Sul versante della politica monetaria i tassi sono ancora fermi. La RBA ha osservato che il tasso d’inflazione è sceso per effetto dell’indebolimento dei prezzi del greggio e dalla mancata crescita delle retribuzioni. Incertezza circa le misure macroprudenziali introdotte dall’ARPA (Autorità Australiana per la Regolamentazione Prudenziale) con lo scopo di limitare l’esposizione finanziaria di famiglie e imprese; la scelta della RBA dunque potrebbe essere quella di attendere la ripresa di salari ed inflazione prima di procedere con la restrizione monetaria.
Nelle ultime settimane, il dollaro australiano ha ridotto il deprezzamento verso l’euro, lasciando i livelli minimi segnati a 1,52 nel mese di maggio. La scelta della Banca Centrale (RBA) di mantenere fermi i tassi d’interesse, porterà senz’altro ad un recupero del ciclo economico. Inoltre, si è registrato, sempre nel mese di maggio, un rialzo dei rendimenti governativi emessi in bond australiani di circa 20pb lungo l’intera curva delle scadenze, pertanto il settore dei governativi si muove in linea con i Treasury USA.



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti