bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
22 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Professionisti in pensione: obbligo contribuzione

12 Febbraio 2010 - Autore: Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

 

www.studiochiari.com

 

Professionisti in pensione: obbligo di contribuzione

 

            I professionisti ultra 65enni in pensione, se scelgono di continuare a praticare la professione, dovranno continuare a versare i contributi in misura ridotta alle Casse di appartenenza e non all’INPS, anche se hanno optato per interrompere i versamenti. Questo l’accordo definito tra gli enti di previdenza privata e il ministero del lavoro.

 

            Nonostante l’accordo sia, ad oggi, solo formale è ragionevole ritenere che si andrà in questa direzione, anche in considerazione della precedente decisione dell’INPS di annullare l'iscrizione d'ufficio dei medici pensionati che ancora esercitano e di sospendere in via temporanea l'accertamento contributivo (messaggio INPS n. 2087 del 21 gennaio 2010, accordo INPS - ENPAM).

 

            La problematica nasce a seguito dell’ “operazione Poseidone”, avviata dall’INPS,  in base alla quale erano stati recapitati avvisi bonari ai professionisti over 65 in attività per mancata contribuzione alla gestione separata, nonostante questi avessero optato per non versare più contributi. Le motivazioni dell’INPS risalgono alla riforma Dini del 1995 secondo la quale va rispettato il principio di contribuzione ovunque vi sia reddito.

 

            Sulla base dell’accordo raggiunto, le singole Casse di appartenenza comunicheranno le modalità di versamento degli ultra 65enni ai quali spetteranno aliquote ridotte, presumibilmente di 1/3 secondo le modalità in vigore per l’INPS.

 

            L’INPS, a sua volta, annullerà gli avvisi bonari recapitati ai professionisti per mancata contribuzione alla gestione separata.

 

            Come anticipato in premessa, pertanto, coloro che hanno ricevuto o dovessero ricevere avvisi bonari da parte dell’INPS in merito alla questione non devono preoccuparsi, poiché questi saranno annullati per gli anni precedenti al 2010.

 

 




            

Altri articoli scritti da Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento






cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting