directa
FinanzaeDiritto sui social network
19 Marzo 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Pil, il dato conferma recessione tecnica

5 Marzo 2019 - Autore: Redazione


 

 

 

 

Oggi l'Istat ha rivisto al rialzo il dato congiunturale del Pil relativo al quarto trimestre 2018. Il dato, comunicato a fine gennaio, è passato da -0,2% a -0,1%. Tuttavia si tratta comunque del secondo trimestre consecutivo di calo, dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre. L'istituto di statistica conferma la recessione tecnica dell'Italia.

 

La variazione tendenziale del Pil diffusa il 31 gennaio 2019 era pari a +0,1%.

 

Il 2018 lascia un eredità negativa sull'economia del 2019.

 

La variazione acquisita per il 2019 è pari a -0,1%.

 

Rispetto al trimestre precedente, crescono sia i consumi finali nazionali dello 0,1% sia gli investimenti fissi lordi dello 0,3% . Anche le importazioni e le esportazioni sono cresciute, rispettivamente, dello 0,7% e dell’1,3%.

 

La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito positivamente,per +0,1 punti percentuali alla crescita del Pil. Invece. la variazione delle scorte, ha contribuito negativamente sottraendo 0,4 punti percentuali alla variazione del Pil. L’apporto della domanda estera netta è risultato pari a +0,2 punti percentuali.

 

Si registrano andamenti congiunturali negativi per il valore aggiunto dell’agricoltura e dell’industria, diminuiti rispettivamente dell’1,1% e dello 0,5%, mentre il valore aggiunto dei servizi è cresciuto dello 0,1%.

 

Reazione del Mercato
Subito dopo la pubblicazione del pil il nostro indice ha corretto. Una discesa, per la verità, accompagnata anche da altri indici europei. Su base giornaliera tuttavia la perfomance per buona parte della giornata ha continuato ad essere positiva.

 

Serie Storica
La variazione annuale del pil pari a 0 è il dato peggiore da marzo del 2015. Il dato migliore degli ultimi anni risale, invece, a febbraio del 2008 quando il pil toccò +1,8%.
Quanto alle variazioni trimestrali il massimo è stato registrato a febbraio 2008, +0,5%, mentre il minimo è stato toccato ad agosto del 2014 quando toccammo -0,2%.

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento




Tag

istat pil 







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades