directa
FinanzaeDiritto sui social network
20 Aprile 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Piano Industriale Generali, ai prezzi attuali il titolo dovrebbe rendere fra il 5 ed il 7%

23 Novembre 2018 - Autore: Redazione


Promessa di crescita degli utili ad un tasso fra il 15% ed il 20%, dividendi pari al 55-65% degli utili e cancellazione a regime dei rendimenti garantiti. Sono questi alcuni degli obiettivi lanciati da Generali nel corso della presentazione del Piano Industriale 2018 - 2021.
In base alla rielaborazione degli analisti di Le Fonti Tv sui dati presentati dal Gruppo Assicurativo, il titolo dovrebbe garantire grosso modo fra il 5,50% ed il 7,50% all’anno nei prossimi 3 anni. Questo rendimento è calcolato sulla base dell’ipotesi di scuola che il prezzo rimanga stabilmente sui livelli attuali a 14,22 euro. 
Ma come fa Generali a garantire un tasso di crescita degli utili a doppia cifra? Nel dettaglio i ricavi lieviteranno, per esempio, per effetto di un aumento della produttività degli agenti asiatici del 50%. 
Più in generale il management vuole far diventare Generali il “Life time partner” per i clienti, ossia un soggetto in grado di soddisfare i bisogni della clientela sia lato assicurazioni sulla vita che Asset Management, in un'unica piattaforma digitale.
Dal lato dei costi Interessante analizzare il deciso taglio su due capitoli: il primo è relativo alla riduzione della spesa annua per interessi lordi tra 70-140 milioni di euro e poi i risparmi connessi alla riduzione di 2 miliardi di euro del debito. Sempre nella stessa ottica si è deciso di intervenire sui premi assicurativi garantiti che nei prossimi 3 anni che verranno cancellati. 
Di seguito una tabella riassuntiva che riepiloga le principali stime di Le Fonti se verranno rispettati i target di crescita rilasciati da Generali.

Image and video hosting by TinyPic

 Nella tabella fra l’altro è pubblicato il confronto tra il rendimento del dividendo del titolo Generali e l’attuale rendimento del titolo di stato a tre anni. La differenza tra i due vede nettamente prevalere il titolo azionario in ogni proiezione. 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento













Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades