bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
17 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Pensioni: non bastano più i 40 anni. Già dal prossimo anno pensioni posticipate.

15 Luglio 2011 - Autore: Redazione


Ultime novità sull’età pensionabile nei prossimi anni. 

I 40 anni di lavoro, ormai punto fisso incrollabile, subiscono un’ulteriore aumento. Già con la legge 122 dello scorso anno e l’introduzione della “finestra mobile” era stata aumentata di 1 anno la soglia dell’età pensionabile per i lavoratori dipendenti e di 1 anno e mezzo per gli autonomi. 
 
Con il recente emendamento al decreto sulle pensioni, dal 2014, un lavoratore dipendente potrà ritirarsi dal lavoro pur avendo prestato 40 di servizio, solo un anno e 3 mesi più tardi. 
Si salvano soltanto coloro che matureranno i contributi necessari entro la fine di quest’anno o 5000 lavoratori in mobilità che li matureranno all’inizio del prossimo anno che riusciranno ancora ad essere compresi nella cosiddetta “finestra mobile”.
 
Il legame della pensione alla speranza di vita infatti sarà attivata già dal 2014 e subirà un adeguamento ogni 3 anni. Da questa attuale prospettiva nel 2050 paradossalmente serviranno almeno 70 anni di servizio per portarsi a casa l’agognata pensione.
 

Per approfondimenti e per scaricare gratis le nostre guide e newsletter di settore: www.finanzaediritto.it/registration.php

La redazione
wwww.finanzaediritto.it




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting