cfsrating
FinanzaeDiritto sui social network
20 Settembre 2017  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




PEC - nuovi abblighi e adempimenti

10 Giugno 2013 - Autore: Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista
  www.studiochiari.com   Imprese individuali Obbligo di comunicazione al Registro delle imprese dell’indirizzo PEC entro il 30.6.2013 - Istituzione dell’elenco pubblico INI-PEC   INDICE   1 - Premessa 2 - Obbligo della PEC per le società 2.1 - Società costituite dal 29.11.2008 2.2 - Società già costituite al 29.11.2008 2.3 -...

Contenuto non visibile


Per leggere l'intero articolo devi essere un utente registrato.
Clicca qui per registrarti gratis adesso. oppure compila il form qui sotto per loggarti

Login









            

Altri articoli scritti da Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

Ultimi commenti degli utenti

Entro fine mese le imprese individuali dovranno comunicare il proprio indirizzo Pec al Registro imprese. Interessate sono circa 3 milioni di aziende. Ad oggi sono in regola solo il 13,5%. Chi dal 1?luglio si far? trovare sprovvisto non potr? iscrivere gli atti nei registri delle Camere di commercio e non potr? farlo fino a quando non si munir? di Pec o comunque per un periodo di 45 giorni, scaduti i quali la domanda si intender? non presentata. La posta elettronica certificata ? uno strumento che sta prendendo sempre pi? piede nel nostro Paese. Lo dimostra il fatto che sono attivi 5 milioni di indirizzi Pec che fanno circolare circa 91 milioni di messaggi l'anno. A rendere ancora pi? agevole l'utilizzo della Pec sar? l'Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata delle imprese e dei professionisti (Ini-Pec) che debutter? a met? mese. Le imprese individuali prive di Pec, moltissime al Sud, devono rivolgersi, per l'acquisto, a un gestore autorizzato, poi sono tenute a comunicare la Pec al registro imprese.

10 Giugno 2013 ore 12:28:49 - Luciano Chiari

Il Ministero dello Sviluppo economico, con nota n. 53687, si ? espresso in merito alla possibilit? di comunicare un solo indirizzo PEC per pi? soggetti. In sintesi:. Mentre per le societ? (pareri del Ministero dello Sviluppo economico n. 217140 e n. 217149 del 2011) ? possibile comunicare la casella PEC di un intermediario (per esempio quella dello studio professionale che assiste l?impresa negli adempimenti burocratici), tale modalit? ? esclusa per le ditte individuali. La nota detta le indicazioni operative per l?iscrizione nel registro delle imprese dell?indirizzo di posta elettronica certificata delle imprese individuali e, in calce, afferma: ?Resta fermo che, nel vigente quadro normativo, che ricollega l?obbligo di cui in parola, alla iscrizione dell?indirizzo PEC nell?INI-PEC, e quindi regola le modalit? dei rapporti tra impresa e Amministrazione, ? necessario che l?indirizzo PEC sia ricondotto esclusivamente ed unicamente all?imprenditore stesso, senza possibilit? di domiciliazione presso soggetti terzi?. La nota, ripetiamo, al momento ? riferita solo alle ditte individuali, per cui si raccomanda, a scopo precauzionale, di seguire l?indicazione ministeriale al fine di evitare futuri controlli agli indirizzi non direttamente riconducibili all?imprenditore, che il Ministero o una successiva normativa potrebbero disporre. Non ? invece chiaro il comportamento da adottare nel caso di depositi gi? effettuati di PEC non univoche: si suppone che, per ora, il sistema camerale stia avviando delle iniziative volte ad evitare che il medesimo indirizzo PEC venga iscritto per pi? imprese individuali e che in un secondo momento vengano attivati dei controlli sui depositi gi? effettuati.

12 Giugno 2013 ore 11:36:22 - Luciano Chiari



cfsrating


Powered by Share Trading
Everlasting