ExperienceTheDifference
FinanzaeDiritto sui social network
15 Novembre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Italia, inflazione ferma all'1% a maggio

15 Giugno 2018 - Autore: Redazione


Il tasso dei prezzi al consumo in Italia è salito all'1% a maggio. L’indice risulta in linea con il dato precedente e al di sotto della stima preliminare dell'1,1%. Eppure, è stato il più alto tasso di inflazione dall'ottobre del 2017. Di anno in anno, l'inflazione è aumentata per: cibo e bevande non alcoliche (1,9% dall'1,2% in aprile), per lo più alimenti non trasformati (2,4% rispetto allo 0,7%); trasporto (2,6% rispetto allo 0,4%), con il rimbalzo del costo dei servizi legati al trasporto (1,7% rispetto a -0,7%).

La marcata ripresa dell’inflazione si deve prevalentemente ai prezzi dei Beni alimentari non lavorati, la cui crescita tendenziale passa da +0,7% di aprile a +2,4% e dei Beni energetici non regolamentati (da +2,7% a +5,3%). A questi fattori si aggiunge l’inversione di tendenza della dinamica dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da -0,7% a +1,7%); contribuiscono poi, seppur in misura minore, i prezzi dei Tabacchi (da +2,8% a +3,4%) e quelli dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +1,0% a +1,3%). Afferma Istat nel suo ultimo report.

L’inflazione accelera sia per i beni (da +0,7% di aprile a +1,0%) sia per i servizi (da +0,3% a +0,9%); il differenziale inflazionistico tra servizi e beni rimane negativo, ma più contenuto rispetto da aprile (da -0,4% a -0,1%).

Passando ai dati storici, negli ultimi 5 anni il valore massimo annuale dell’inflazione in Italia dell’1,9% è stato raggiunto a maggio dell’anno scorso, invece il minimo di -0,6% risale a febbraio del 2015. 

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento




Tag

finanza 





cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting