bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
22 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Intervista esclusiva ad Antonio Pastore, Presidente Osmi Borsa Immobiliare

29 Ottobre 2010 - Autore: Redazione


Antonio Carlo Giuseppe Pastore si laurea in Ingegneria presso il Politecnico di Milano.
Abilitato alla Professione di Ingegnere, è iscritto all’Ordine degli Ingegneri.
Dal 1985 al 1990 ricopre l’incarico di Assessore nella Giunta Comunale di Bollate con deleghe inerenti a: urbanistica, edilizia pubblica e privata, grandi opere, viabilità, problemi della casa.
Nell’agosto del 1997 è nominato Consigliere nel Consiglio della Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Milano (CCIAA) e riconfermato nell’incarico nel luglio 2002 e nel giugno 2007. Carica tuttora ricoperta.
Nel settembre 2002 è nominato Presidente di OSMI Borsa Immobiliare di Milano, Azienda Speciale della CCIAA di Milano per il Mercato Immobiliare e lo Sviluppo Territoriale. Carica tuttora ricoperta.
Nel novembre 2003 è nominato consigliere nel Consiglio generale di Fondazione Fiera Milano. Carica tuttora ricoperta.
Nel ottobre 2006 è indicato quale consigliere del CdA del Piccolo Teatro di Milano e quindi nominato Vicepresidente. Carica tuttora ricoperta.
Svolge attività professionale di Ingegnere nel settore dell’urbanistica e dello sviluppo immobiliare.


Oggi incontriamo Antonio Pastore, Presidente OSMI Borsa Immobiliare, azienda speciale della Camera di Commercio, nata al fine di rispondere alle esigenze di conoscenza e promozione del mercato immobiliare milanese. Alla luce del nuovo PGT, quali sono, secondo lei, le trasformazioni più rilevanti che influenzeranno il mercato immobiliare milanese da qui alla fine del 2010?

Sicuramente il PGT porterà nuova linfa al mercato immobiliare milanese. Sia per le fattive trasformazioni che, alla luce del PGT, verranno attuate nel nostro territorio, sia perché dovrà definire obiettivi chiari e nuove responsabilità per una nuova immagine di Milano.
Ma uno degli aspetti più interessanti e innovativi riguarda la capacità di deregolamentazione e flessibilità insita nello strumento, che si “regolamenterà” attraverso la contrattazione tra pubblica amministrazione e privato.


La Camera di Commercio, per mezzo di OSMI, ha incrementato la propria esperienza nella organizzazione di eventi riguardanti la promozione del sistema milanese nel settore immobiliare e sviluppo territoriale. A questo proposito è stato ideato il progetto “Milano Metropolitan System 2010”. Di cosa si tratta nello specifico?

Il Milano Metropolitan System è una partnership, coordinata da O.S.M.I.- Borsa Immobiliare, composta da attori pubblici, associazioni di categoria e soggetti privati, attiva nella promozione, in Italia e all’estero, dei principali progetti di trasformazione e delle politiche urbane che caratterizzano il territorio di Milano e Provincia. Il Milano Metropolitan System esplicita la sua funzione promozionale e informativa partecipando, ormai da diversi anni, alle più rilevanti fiere del settore immobiliare nazionali ed internazionali. In Italia è presente a manifestazioni quali Expo Italia Real Estate a Milano e Urbanpromo, evento di marketing territoriale veneziano. In ambito internazionale espone alle fiere MIPIM di Cannes ed Expo Real di Monaco.
La duplice natura pubblico/privata è il punto di forza del Milano Metropolitan System che, seguendo l’esempio di importanti realtà internazionali, definisce un nuovo modo di promuovere lo sviluppo territoriale, tenendo anche in considerazione aspetti di rilevanza primaria come la qualità dell’abitare ed il ruolo sociale che la città è chiamata a svolgere. Questa duplice natura, inoltre, dota il Milano Metropolitan System di strumenti di elevato profilo in grado di concretizzarsi in iniziative, come conferenze e workshop, di indubbio spessore.


In che modo, a suo parere, Expo 2015 potrà apportare benefici al real estate milanese?

Oltre che Expo 2015, il real estate milanese potrà trarre beneficio da due fenomeni importanti che dovrebbero essere propedeutici a nuovi investimenti e sviluppo: da una parte l’Expo 2015 che rappresenta una forte leva di sviluppo, poiché produce infrastrutture e intorno alle infrastrutture in genere nascono le nuove edificazioni e i nuovi interventi. Dall’altra parte, ai sensi della legge 12/2005, l’ amministrazione comunale sta rinnovando lo strumento urbanistico, passando dal vecchio PRG al PGT (Piano di Governo del Territorio). Tale strumento, una volta che sarà vigente a tutti gli effetti, produrrà nuove capacità edificatorie che porteranno nel tempo a nuove realizzazioni, che richiedono l’intervento degli sviluppatori, dei costruttori, dei progettisti e in genere di tutta la filiera che afferisce al settore immobiliare.
 

Continua nella Guida Real Estate 2010  http://www.finanzaediritto.it/prodotti/guida-al-real-estate-2010-309.html




            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Pastore, Antonio iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting