bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
22 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Intervista esclusiva ad Antonella Carnelli de Micheli Camerana, Presidente di Missione Sogni Onlus

19 Aprile 2010 - Autore: Redazione


Antonella Carnelli de Micheli Camerana è nata a Roma, ma vive a Milano da molti anni, ha tre figli e cinque nipoti.
Si è sempre occupata di sociale e alla fine degli anni ’80 ha fondato l’Associazione IDEA – Istituto per la ricerca e la prevenzione della depressione e dell’ansia.
Nel 2003 ha fondato Missione Sogni Onlus, di cui si occupa tutt’ ora.
Oltre al sociale il suo impegno maggiore è rivolto alla cultura. Dal 2003 è stata membro del CDA dell’Associazione Amici Museo Poldi Pezzoli e della Fondazione Milano per la Scala e Vice Presidente del Museo della Scienza e Tecnologia di Milano.
E’ tutt’ ora membro della Commissione Centrale di Beneficienza della Fondazione Cariplo.

 
Oggi incontriamo Antonella Carnelli de Micheli Camerana, Presidente di “Missione Sogni Onlus”. Ci può illustrare in breve la storia del suo comitato? In che modo vi proponete di realizzare i desideri di bambini e ragazzi affetti da gravi malattie o disabili?

Missione Sogni Onlus nasce in Italia nel 2003 con il preciso obiettivo di realizzare i sogni, gratuitamente e su tutto il territorio italiano, di bambini e ragazzi, dai 5 ai 18 anni, affetti da gravi malattie o disabili. Operiamo nella convinzione che un sogno realizzato rappresenti per i bambini malati un momento magico che li fa sentire “unici” e stimola in loro ottimismo, forza di volontà e capacità di reagire alla malattia. I sogni vengono segnalati dalle famiglie, dai medici, dai volontari e dalle Associazioni.
Esaminiamo le richieste, con il supporto di un qualificato Comitato Scientifico, accompagnate da certificato medico e valutiamo la loro fattibilitĂ . I sogni vengono realizzati con amore e assoluta riservatezza, nel rispetto della privacy del bambino e della sua famiglia.
 

Quali sogni vi chiedono di realizzare più spesso? Ne può raccontare uno che le è rimasto particolarmente impresso?

Premesso che i bambini malati e “non” guardano moltissimo la televisione, inevitabilmente la maggior parte dei sogni riguarda la richiesta di poter conoscere attori, cantanti e soprattutto squadre di calcio. Molte sono le richieste di viaggiare, soprattutto visitare Euro Disney e Gardaland e nuotare con i delfini.
Ma il sogno che mi ha più commosso è stato quello della piccola Selene, costretta a vivere attaccata ad un respiratore che lei trasporta in un piccolo carrellino e che desiderava pattinare con la campionessa di pattinaggio artistico Barbara Fusar Poli. L’incontro è avvenuto al palazzo del Ghiaccio di Torino e la campionessa è riuscita a tenere in braccio il respiratore, e così Selene, senza il carrellino, ha potuto pattinare per mano con la sua beniamina.


La “Make-A-Wish Foundation of America” è un’organizzazione molto simile a quella da lei presieduta. Essa ha rappresentato uno spunto per la creazione di “Missione Sogni”?

Confermo che la Make a Wish Foundation ha la nostra stessa mission, ma la mia fonte di ispirazione è stata una straordinaria organizzazione,  DreamTeam, che ha sede presso lo Sloane Kettering Hospital di New York, che con una squadra di 500 volontari realizza circa 25.000 sogni all’anno.
Noi di Missione Sogni siamo solo in tre ma riusciamo a realizzare più di 100 sogni all’anno!
 

...
Continua su Family Office n.2 - 2010
http://www.finanzaediritto.it/familyoffice.php


 




            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Carnelli de Micheli Camerana, Antonella iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento






cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting