FinanzaeDiritto sui social network
28 Marzo 2017  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  area utenti  |  registrati

            




Intervista esclusiva a Pierluigi Celli, Direttore Generale Università Luiss Guido Carli

13 Aprile 2011 - Autore: Redazione


Il 30 Novembre 2009 lei ha scritto una lettera indirizzata a suo figlio Mattia e pubblicata sul quotidiano La Repubblica, nella quale lo esortava, finiti gli studi, ad andare all’estero. Quali sono i motivi più profondi che l’hanno spinta a scriverla? Quale è stata la reazione di suo figlio?     Con quella lettera ho voluto mandare un segnale d’allarme...

Contenuto non visibile


Per leggere l'intero articolo devi essere un utente registrato.
Clicca qui per registrarti gratis adesso. oppure compila il form qui sotto per loggarti

Login









            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Celli, Pierluigi iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Io sono un mediocre: è questa la mia eccellenza. Bisogna fare della propria mediocrità (di ruolo e posizione sociale)un'eccellenza per sfuggire alla logica dell'ambizione individuale e sociale che costringe i giovani a covare rabbia verso la generazione che li ha preceduti e generati. Andare all'estero per sfuggire ad una situazione non è come andarci volontariamente e coscienti per apprendere le tecniche manageriali. All'estero si deve andare per allargare gli orizzonti e guardare l'Italia, con i suoi valori e disvalori, con occhio critico e sereno; una visione che da lontano riconosce i "veri" capisaldi culturali di un popolo libero e aperto, per costituzione antropologica e posizione geografica. Le eccellenze le fanno gli uomini e le donne, in qualsiasi situazione sociale, politica e organizzativa, si trovino.

28 Aprile 2011 ore 13:24:23 - Rosario Frasca







Powered by Share Trading
Everlasting