xm zero
FinanzaeDiritto sui social network
20 Settembre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Intervista esclusiva a Alessandro Solidoro, Presidente ODCEC, Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano

30 Novembre 2010 - Autore: Redazione


Alessandro Solidoro ha 49 anni ed è titolare dello Studio Solidoro, fondato nel 1994. Ha iniziato la sua professione subito dopo la laurea all’Università Bocconi nel 1984. Vanta una solida e articolata esperienza professionale nell’ambito della gestione della crisi d’impresa e, più in generale, nell’area forensic. È autore di diverse pubblicazioni in materia; è membro del comitato scientifico ed editoriale di diverse riviste tecnico-specialistiche ed è relatore in convegni a livello nazionale. Da luglio 2010 è Presidente dell’ Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano. È stato socio fondatore di ADC Milano e Consigliere della stessa.
Il suo impegno personale lo vede coinvolto nelle attività non solo di società commerciali, ma anche in diverse altre di carattere sociale ed educativo. E' sposato e ha 4 figli.


Lei è appena stato eletto nuovo Presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Milano. In che modo il suo percorso si pone in continuità con quello segnato da Luigi Martino?

Luigi Martino è stato un Presidente con una visione chiara, apprezzato sia all’interno che all’esterno della categoria. Gran parte del progetto intrapreso dal precedente Consiglio, compresa la mia estrazione professionale, è in continuità con la prima parte di questo mandato. Ne è prova il fatto di essere stato eletto all’interno dello stesso bacino d’espressione che aveva designato Luigi Martino ma anche la stessa composizione di questo Consiglio, che è in buona parte coincidente con quello precedente. Le nuove elezioni hanno confermato praticamente tutti i consiglieri del precedente consiglio; la componente dei ragionieri è sostanzialmente identica quindi, se è vero che le persone sono portatrici delle medesime idee, quelle del Consiglio precedente sono le stesse di quello attuale. Si può quindi parlare di una continuità piena e aldilà di quella che può essere la declinazione soggettiva, le idee guida sono le stesse e fungono da garanzia anche per una linea futura. Con un rinnovato entusiasmo e con la concretezza del fare, che si traduce in un forte impegno di servizio nei confronti degli iscritti come del territorio, delle istituzioni e dei cittadini.


Uno degli obiettivi prioritari da lei più volte sottolineato è proprio quello di rafforzare il ruolo che l’Ordine di Milano riveste sul territorio riaffermando le regole e i valori della società civile. In che modo intende perseguirlo? Quale dovrà essere l’atteggiamento dell’Ordine?

Noi siamo un ente pubblico che lavora su un territorio specifico, la provincia di Milano, particolarmente vivo dal punto di vista imprenditoriale e della collettività. Siamo il secondo Ordine d’Italia come dimensione, circa 8.000 iscritti, operiamo in un contesto professionale con un vasto numero di imprese, da quella più piccola a quelle più rilevanti, e siamo quindi portatori di un knowhow non facile da sviluppare. La nostra presenza sul territorio passa attraverso un’attività di formazione di rilievo, lavorando sui nostri iscritti in modo che possano relazionarsi con la società civile in modo corretto, cercando di creare cultura anche sugli aspetti istituzionali, con particolare attenzione alla deontologia professionale. Interagiamo con le istituzioni del territorio, nell’ambito delle nostre competenze, mettendo a disposizione le capacità dei nostri iscritti supportandole nello svolgimento della loro funzione. L’iniziativa più recente ad esempio è stata realizzata al Conservatorio G. Verdi in collaborazione con ASSAMI, per fornire un’assistenza ai giovani musicisti nell’affrontare le tematiche fiscali, diritti d’autore, SIAE, previdenza e contenzioso tributario. A questa ne seguiranno sicuramente altre, individuando nicchie di criticità e di eccellenza, soprattutto locali, e cercando di dare risposte concrete.
 

...
Continua su Family Office n.4 - 2010
http://www.finanzaediritto.it/familyoffice.php




            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Solidoro, Alessandro iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting