bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
20 Novembre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Intervista a Diana Saraceni sul tema del Private Equity in Italia - settembre 2006

1 Gennaio 2007 - Autore: Redazione


(a cura della Redazione di Rivista Family Office)

Ing. Diana Saraceni, general partner di 360° Capital Partners

Potreste presentarci i servizi finanziari più innovativi della vostra struttura rivolti alle imprese?

Ciò che rende innovativo il nostro lavoro non risiede principalmente nella tipologia di servizi finanziari che offriamo, ma dal target di riferimento dei nostri investimenti che sono progetti imprenditoriali altamente innovativi.

Con Basilea 2 si parla da diverso tempo di un rapporto tra istituzioni finanziarie e imprese fondato sulla trasparenza della comunicazione. Dal vostro osservatorio privilegiato quali segnali di cambiamento notate in tal senso?

Non ci aspettiamo nessun tipo di impatto di Basilea 2 sul Venture Capital: le start-up che finanziamo sono in uno stato finanziario embrionale e di solito non hanno comunque accesso al credito tradizionale.

In che settore operano le imprese da voi “finanziate” e quali dimensioni di azienda privilegiate?

Tipicamente le aziende a cui ci rivolgiamo sono giovani e di dimensioni piccole-medio/piccole; per dare dei riferimenti gli investimenti che realizziamo vedono coinvolte imprese che hanno da 4 a circa 50 dipendenti ma con prospettive di crescita molto significative.

I settori verso cui porremo particolare attenzione e che hanno la potenzialità di forte crescita sono per esempio quello energetico, dei servizi finanziari, dello sviluppo di nuovi prodotti, del software e delle telecomunicazioni.

In questo momento qual è il settore di mercato con il più alto potenziale di sviluppo del valore?

Ce ne sono diversi. Basti pensare al settore energetico, non solo grazie allo sviluppo di fonti rinnovabili ma anche ad esempio grazie allo sviluppo di nuove tecnologie per il miglioramento dei processi di produzione attuali, tecnologie in grado di ridurre le emissioni inquinanti e, magari, contemporaneamente rendere la produzione anche più efficiente.

(continua)
articolo estratto dalla rivista Family Office, anno III (2006), numero 3
http://www.finanzaediritto.it/prodotti/family-office-n3-2006la-riforma-del-sistema-pensionistico-55.html




            

Per essere sempre aggiornati su interviste e articoli di Saraceni, Diana iscriviti alla nostra newsletter


Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting