cloud.infinox 2018
FinanzaeDiritto sui social network
19 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




INPS - gestione separata - nuove aliquote contributive

8 Gennaio 2009 - Autore: Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista


 

www.studiochiari.com
 
Aumento dell’aliquota contributiva per gli iscritti alla Gestione separata INPS non assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie, né pensionati
 
 
INDICE
 
 
Premessa
2 Lavoratori obbligati all’iscrizione alla Gestione separata
Aliquote contributive previdenziali
3.1  Soggetti iscritti solo alla Gestione separata e non pensionati
3.2 Soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale o pensionati
4 Aliquota contributiva assistenziale
4.1  Soggetti iscritti solo alla Gestione separata e non pensionati
4.2 Soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale o pensionati
Aliquote contributive applicabili nel 2009
Compensi corrisposti a lavoratori a progetto e collaboratori coordinati e continuativi -
      Applicazione del “principio di cassa allargato”
7 Ripartizione dell’onere contributivo
7.1  Lavoratori a progetto e collaboratori coordinati e continuativi
7.2  Associati in partecipazione
7.3  Venditori a domicilio e lavoratori autonomi occasionali
7.4  Liberi professionisti
 
 
premessa
Anche nel 2009, per effetto di quanto stabilito dalla L. 24.12.2007 n. 247, l’aliquota contributiva previdenziale dovuta per gli iscritti alla Gestione separata INPS ex L. 8.8.95 n. 335, non assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie, né pensionati, aumenta di un punto percentuale.
Rispetto al 2008, invece, resta invariata l’aliquota contributiva previdenziale dovuta per i rimanenti iscritti alla predetta Gestione.
 
La presente informativa intende quindi riepilogare le aliquote contributive previste per l’anno 2009 nei confronti dei soggetti iscritti presso la suddetta Gestione separata INPS.
2 lavoratori obbligati all’iscrizione alla gestione separata
Si ricorda che sono tenute all’iscrizione alla Gestione separata INPS ex L. 335/95, in particolare, le seguenti tipologie di lavoratori:
·       collaboratori a progetto e collaboratori coordinati e continuativi;
·       professionisti senza Cassa di previdenza di categoria;
·       associati in partecipazione che apportano solo lavoro;
·       venditori a domicilio e lavoratori autonomi occasionali (ferma la franchigia di 5.000,00 euro annui non assoggettabili a contribuzione).
 
Ai fini degli oneri contributivi dovuti, i suddetti soggetti vengono distinti tra:
·       soggetti iscritti alla Gestione separata INPS che non risultino iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, né pensionati;
·       soggetti iscritti anche ad altre forme previdenziali obbligatorie o pensionati (diretti, indiretti o di reversibilità).
3 aliquote contributive previdenziali
3.1 Soggetti iscritti solo alla Gestione separata e non pensionati
In relazione ai soggetti iscritti solo alla Gestione separata INPS e non pensionati, la L. 247/2007 ha previsto un graduale aumento dell’aliquota contributiva previdenziale (di finanziamento e di computo), fissandone l’importo in misura pari al:
·       24% per l’anno 2008;
·       25% per l’anno 2009;
·       26% per l’anno 2010.
3.2 Soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale o pensionati
Con riguardo ai soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale obbligatoria o pensionati, la citata legge ha stabilito che, con effetto dall’1.1.2008, l’aliquota contributiva previdenziale (di finanziamento e di computo) è pari al 17%.
4 aliquota contributiva assistenziale
4.1 Soggetti iscritti solo alla Gestione separata e non pensionati
Con riferimento alla categoria dei soggetti iscritti solo alla Gestione separata INPS e non pensionati, occorre inoltre tenere presente che:
·       resta fermo l’obbligo di versare un contributo aggiuntivo a fini assistenziali, finalizzato al finanziamento delle prestazioni di malattia, di maternità/paternità e dell’assegno per il nucleo familiare;
·       l’aliquota contributiva assistenziale, già stabilita nella misura dello 0,50%, è stata aumentata allo 0,72%, a decorrere dal 7.11.2007, ad opera del DM 12.7.2007, per effetto delle maggiori tutele previste in caso di maternità.
 
 Per tutti gli approfondimenti tematici sulla Gestione separata inps

Per approfondimenti e per scaricare gratis le nostre guide e newsletter di settore registratevi qui

 

4.2 Soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale o pensionati
Per i soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale obbligatoria o titolari di pensione, il contributo assistenziale dello 0,72% continua a non essere dovuto.
5 aliquote contributive applicabili nel 2009
Alla luce di quanto sopra, le aliquote contributive applicabili nel 2009 per gli iscritti alla Gestione separata INPS ex L. 335/95 risultano stabilite nelle misure riepilogate nella seguente tabella.
 
 
 
NON ISCRITTI AD UN’ALTRA GESTIONE PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA NÈ PENSIONATI
ISCRITTI AD UN’ALTRA GESTIONE PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA
O PENSIONATI
25% fino al massimale che verrà stabilito per il 2009
17% fino al massimale che verrà stabilito per il 2009
Contributo assistenziale
0,72%
NO
Contribuzione totale
25,72% fino al massimale che verrà stabilito per il 2009
17% fino al massimale che verrà stabilito per il 2009
6 compensi corrisposti a lavoratori a progetto e collaboratori coordinati e continuativi  Applicazione del “principio di cassa allargato”
Va evidenziato che le precedente aliquota contributiva del 24,72% rimane applicabile in relazione ai compensi:
·       corrisposti a lavoratori a progetto e a collaboratori coordinati e continuativi, non iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria né pensionati;
·       relativi al 2008, se corrisposti fino al 12.1.2009 (compreso).
7 Ripartizione dell’onere contributivo
Anche le aliquote applicabili nel 2009 seguono le vigenti regole di ripartizione dell’onere contributivo, come di seguito riepilogato.
7.1 Lavoratori a progetto e collaboratori coordinati e continuativi
Nei confronti dei lavoratori a progetto e dei collaboratori coordinati e continuativi, i contributi dovuti sono ripartiti:
·       per 1/3, a carico del lavoratore;
·       per 2/3, a carico del committente.
7.2 Associati in partecipazione
Nei confronti degli associati in partecipazione che apportano solo lavoro, l’onere contributivo è ripartito:
·       per il 55%, a carico dell’associante in partecipazione;
·       per il restante 45%, a carico dell’associato.
7.3 Venditori a domicilio e lavoratori autonomi occasionali
Nei confronti dei venditori a domicilio e dei lavoratori autonomi occasionali, i contributi dovuti sono ripartiti:
·       per 1/3, a carico del lavoratore;
·       per 2/3, a carico del committente.
7.4 Liberi professionisti
Per i liberi professionisti è confermata la facoltà di rivalsa nella misura del 4% dei compensi lordi.
 

Per tutti gli approfondimenti tematici sulla Gestione separata inps

Per approfondimenti e per scaricare gratis le nostre guide e newsletter di settore registratevi qui

 

 




            

Altri articoli scritti da Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

Ultimi commenti degli utenti

se non vengo retribuita in un contratto a progetto posso avere lo stato di disoccupata per lavorare in altro grazie

20 Luglio 2009 ore 07:36:53 - coluccio carmela

Ho aperto P. Iva quest'anno (2009). Non ho capito se dovr pagare il 25,72% (escluso il diritto di rivalsa del 4%) sul LORDO degli importi fatturati o sui guadagni effettivi? Grazie

19 Novembre 2009 ore 10:38:21 - Sergio Sarnicola

HO 73 ANNI, MI SONO CANCELLATO NEL 2000,MI HANNO NOTIFICATO IL IL PAGAMENTO CON ISCRIZIONE DI UFFICIO.IO NON DOVEVO PI

12 Gennaio 2010 ore 17:30:03 - GIORGIO CASONATO

quali sono le risposte date alle domande di coluccio carmela del 20luglio 2009 e di sergio sarnicola del 19 novembre 2009? grazie

15 Maggio 2010 ore 19:31:21 - elena d'amico

Salve, sono un avvocato, ho 42 anni, sono iscritto all'albo dal 1999 e alla Cassa di previdenza avvocati dal 2002, allo stato - e la situazione perdura dal 2007 ad oggi, non riesco a raggiungere i minimi Irper o iva richiesti e molto probabilmente la cassa non conteggier tali ultimi anni ai fini pensionistici, pertanto sto valutando l'ipotesi di cancellarmi dalla cassa, aprire una gestione previdenziale separata presso l'Inps rimanere iscritto all'Albo dell'Ordine degli avvocati e possibilmente mantenere la partita iva. possibile ? grazie GIuseppe la mia mail giuseppemongiello@tiscali.it

12 Novembre 2010 ore 13:09:57 - giuseppe mongiello

quali sono le risposte date alle domande di coluccio

22 Aprile 2011 ore 17:33:38 - gisueppe mongeillo






cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting