cloud.infinox 2018
FinanzaeDiritto sui social network
16 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Il decalogo su come trovare lavoro grazie a Facebook e Linkedin stilato da Hays

16 Gennaio 2013 - Autore: Redazione


 Da quando i social network sono diventati parte integrante della vita di tutti i giorni, poter contare su una web reputation solida e ben documentata sta diventando uno dei plus più utili per chi è a caccia di un nuovo lavoro: sempre più spesso, infatti, i responsabili della selezione affiancano, ad un attento esame del CV, anche uno screening di ciò che trapela dai profili virtuali del candidato. E se è vero che l’imperativo dell’online è “condividere”, è anche vero che bisogna prestare attenzione a che cosa si pubblica, al livello di privacy impostato e a quali amicizie e quali collegamenti è bene includere all’interno del proprio network. Hays, gruppo leader a livello globale nella selezione di middle e top management, ha elaborato un decalogo di regole da seguire per gestire al meglio i profili social su Facebook e LinkedIn, evitando così di commettere passi falsi “virtuali”.

 

5 CONSIGLI DA SEGUIRE NELLA GESTIONE DEL PROPRIO PROFILO FACEBOOK

 

 

 

 

1)      Aggiungere contatti lavorativi – È importante solo se si vuole usare Facebook come un network professionale: in tal caso va prestata la massima attenzione alle informazioni che si vogliono pubblicare e al tipo di interazione concessa agli altri utenti.

2)      Fare attenzione alla privacy – È essenziale scegliere impostazioni di privacy adeguate, evitando di lasciare il profilo completamente aperto anche a chi non fa parte della nostra lista di amici.

3)      Qualità e non quantità - Un post, un commento o semplicemente un’immagine che riveli un punto di vista originale e arguto possono essere dei modi per essere notati, sviluppando così nuovi contatti che trascendano la sfera del virtuale. Va privilegiata la qualità dei post alla quantità degli interventi.

4)      Raccogliere informazioni sulle aziende – Su Facebook si possono ricercare informazioni su un’azienda da cui si è stati contattati: serve per documentarsi, evitando di arrivare impreparati ad un eventuale colloquio.

5)      Scegliere gruppi che riflettano i propri interessi – Vale la pena di diventare fan di pagine o profili riguardanti il proprio ambito lavorativo, dimostrando di essere realmente appassionati al proprio lavoro.

 

 

 

 

5 CONSIGLI DA SEGUIRE NELLA GESTIONE DEL PROPRIO PROFILO LINKEDIN

 

 

 

 

1)      Evidenziare le esperienze più importanti – È importante evidenziare al meglio i propri successi lavorativi, cercando di minimizzare le eventuali pecche nel proprio excursus.

2)      Curare i contenuti – Quando si crea un profilo LinkedIn, non va semplicemente copia-incollato il proprio CV: i social pretendono un linguaggio proprio differente da quello “cartaceo”.

3)      Mantenere aggiornato il profilo – Il profilo LinkedIn è un riflesso della propria professionalità: è fondamentale quindi mantenerlo il più aggiornato possibile.

4)      Creare collegamenti – Connettersi con altri professionisti aiuta a mostrare la propria esperienza e le proprie passioni. Dove possibile, si devono raccogliere referenze per il proprio lavoro, che aiuteranno chi visita il profilo di un utente a comprenderne meglio mansioni e risultati conseguiti.

5)      Aderire a gruppi professionali permette agli utenti di rimanere aggiornati sulle ultime novità relative al proprio settore lavorativo.

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting