FinanzaeDiritto sui social network
21 Maggio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Greenvision ambiente: valore della produzione e marginalità in crescita al 31 dicembre 2011

13 Aprile 2012 - Autore: Redazione


Bolzano, 12 aprile 2012

 

Il Consiglio di Amministrazione di Greenvision ambiente, attiva nella realizzazione e gestione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (waste to energy, farm to energy e parchi fotovoltaici) e nella realizzazione di impianti per il trattamento dei rifiuti, delle acque e dei fanghi di depurazione, ha approvato in data odierna il progetto di bilancio d’esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2011.

 

Risultati economici consolidati al 31 dicembre 2011

Al fine di agevolare il confronto e l’apprezzamento dell’andamento dell’attività, i risultati consolidati al 31 dicembre 2011 sono di seguito confrontati con i risultati conseguiti al 31 dicembre 2010 a parità di perimetro di consolidamento; si precisa, infatti, che nel corso del 2010 sono uscite dal perimetro di consolidamento le società Kefi SpA, Bio-Energy Srl, Enervision Srl, Euchora Srl, Dianimpianti Srl1 (assieme “KEB”) mentre Italdreni Srl e Studio Alfa Srl hanno apportato il proprio contributo solo nei primi nove mesi dell’esercizio.

Si informa inoltre che in data 28 ottobre 2011, la controllata Ladurner Ambiente SpA ha acquisito l’intero capitale sociale di Ladurner Acque Srl, Ladurner Impianti Srl e Ladurner Srl, acquistando le minorities del 10,4% del capitale sociale di Ladurner Acque Srl, di Ladurner Impianti Srl e di Ladurner Srl (congiuntamente le “Società”). Successivamente in data 31 dicembre 2011 le società sono state oggetto dell’operazione di fusione per incorporazione delle società controllate Ladurner Acque Srl e Ladurner Impianti Srl in Ladurner

Srl3. In data 23 novembre 2011 la controllata Greenvision ambiente Investment SpA, acquistando la partecipazione di minoranza pari all’8,77%, ha acquisito l’intero capitale sociale di Greenvision ambiente Photo Solar Srl.

 

Valore della produzione

Il Valore della produzione ammonta a Euro 89,4 milioni, in incremento del 2,6% rispetto a Euro 87,2 milioni conseguiti nel 2010.

Il Gruppo Greenvision ambiente opera nel settore industriale connesso alle infrastrutture che rispondono a bisogni legati allo smaltimento e alla valorizzazione energetica dei rifiuti sia come General Contractor che come Concessionario. Le condizioni di mercato, con riferimento soprattutto al settore delle Pubbliche Amministrazioni, hanno indotto il Gruppo a rivedere il proprio modello di business puntando sempre più alla gestione delle opere di cui il Gruppo stesso si fa promotore. Detto settore, ad oggi, sta attraversando un periodo di forte sviluppo, nonostante il perdurare di condizioni di difficoltà di accesso al credito che rappresentano un elemento di criticità per le imprese operanti nei settori industriali caratterizzati da forti

investimenti in capitale fisso.

Ebitda

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è pari a Euro 4,2 milioni, con un significativo incremento rispetto alla perdita di Euro 4,9 milioni conseguita nel 2010.

Ebit

Il Risultato Operativo (EBIT) è pari a Euro 1,8 milioni, con un incremento di Euro 24,5 milioni rispetto alla perdita di Euro 22,7 milioni del 2010.

Si è provveduto alla revisione del valore di avviamento relativo alla partecipata Ladurner Ambiente SpA, il quale ha confermato il valore iscritto a bilancio per Euro 13,7 milioni. Si ricorda inoltre che nel 2010 tale voce è stata influenzata per Euro 6,8 milioni dall’uscita dal perimetro di consolidamento delle società Kefi SpA, Bio-Energy Srl, Enervision Srl, Euchora Srl e Dianimpianti Srl.

Risultato netto

Il Risultato netto di Gruppo è pari a Euro 2,5 milioni, con un incremento di Euro 16,7 milioni rispetto alla perdita netta di Euro 14,2 milioni del 2010.

Il risultato è stato influenzato dall’utile derivante da attività operative cedute (IFRS5), operazione configurabile come ottimizzazione dell’attività EPC attraverso la vendita sul mercato di asset non strategici dopo la messa in esercizio, secondo il modello B.O.T. (Build, Operate and Transfer). In data 27 luglio 2011, la controllata Ladurner Ambiente SpA ha ceduto una quota significativa della propria partecipazione in Ecoprogetto Venezia Srl a Veritas SpA, la multi utility controllata dal Comune di Venezia. La cessione ha riguardato il 20% del capitale detenuto da Ladurner nella Ecoprogetto Venezia Srl, per un prezzo pari a Euro 11,0 milioni, corrisposto per Euro 5 milioni alla sottoscrizione del contratto e per la restante parte, pari a Euro 6 milioni, alla data dell’8 febbraio 2012, generando una plusvalenza di Euro 2,3 milioni5.

Va altresì notato che il conto economico riportato in allegato include l’effetto positivo di proventi non ricorrenti derivanti dall’acquisto, da parte della controllata Greenvision ambiente Investment SpA, delle quote del capitale di Greenvision ambiente Photo-Solar Srl detenute da Itochu Corporation e Itochu Europe Plc, rappresentanti complessivamente il 39% del capitale sociale della società.

In particolare la transazione con il Gruppo Itochu ha determinato l’acquisto per Euro 1,80 del 39% delle quote della Greenvision ambiente Photo Solar Srl, generando un badwill pari a circa Euro 945 migliaia; contestualmente, lo stralcio del debito per forniture, pari a circa Euro 4 milioni e in capo sempre alla

Greenvision ambiente Photo Solar Srl, ha generato un provento non ricorrente pari a circa Euro 2,1 milioni: entrambi i succitati importi sono stati contabilizzati integralmente a conto economico per l’esercizio in corso.

Risultati economici consolidati per area di business al 31 dicembre 2011

 

 

La divisione Energia, che comprende l’attività di realizzazione e gestione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (waste to energy, farm to energy e parchi fotovoltaici) e l’attività impiantistica per il trattamento dei rifiuti (Impianti di CDR e Termovalorizzazione), ha generato nel 2011 l’82% del valore della produzione.

Nel settore impianti Farm to Energy segnaliamo il completamento di due impianti per la produzione di  energia elettrica da fonti rinnovabili siti nel comune di Poggio Rusco (MN) e di San Daniele (CR) e l’avvio dei lavori di un ulteriore impianto sito nel comune di Cavarzere (VE).

Nell’ambito delle attività di gestione e manutenzione degli impianti è di rilievo la sottoscrizione del contratto relativo all’impianto di produzione di combustibile da rifiuti, sito presso il Polo Integrato di Fusina (VE). Tale rapporto è disciplinato da un contratto valido fino al 2023 per un valore complessivo pari a circa Euro 100 mln.

Nel settore fotovoltaico si pone l’attenzione sull’acquisizione della commessa che ha previsto la realizzazione di un progetto per la realizzazione di due impianti fotovoltaici su serra nel Comune di Cassano allo Ionio, aventi una potenza di circa 13 MWp sviluppato secondo il modello B.O.T. (Build, Operate and Transfer).

 

 

La divisione Servizi Ambientali, che comprende le attività di costruzione e gestione di impianti di trattamento delle acque e dei fanghi, le attività di bonifiche dei siti contaminati, i servizi ambientali di analisi di laboratorio, di monitoraggio e certificazione ambientale e l’attività di produzione di impianti di irrigazione e drenaggio per il settore agricolo ha generato nel 2011 il 18% del valore della produzione.

Si segnala, nel settore del trattamento delle acque l’impianto di valorizzazione energetica, attraverso la progettazione, la realizzazione e la gestione per la durata di 12 anni di un impianto per il trattamento dei fanghi di risulta da processi di depurazione (Trentino Alto Adige).

Si segnala, inoltre, l’avvio dell’attività dell’impianto di proprietà della controllata Rem-tec Srl, finalizzato al trattamento e al recupero di una serie di rifiuti speciali tra cui i terreni provenienti da siti sottoposti a bonifica e i materiali da demolizione.

Risultati patrimoniali e finanziari consolidati al 31 dicembre 2011

La Posizione Finanziaria Netta, pari a Euro 79,6 milioni, evidenzia un miglioramento rispetto al 30 settembre 2011 (Euro 82,7 milioni). Con riferimento alla composizione si precisa che:

- Euro 30,4 milioni, pari a circa il 38,21% dell’indebitamento finanziario netto, sono riferibili a finanziamenti

per investimenti in strutture impiantistiche in conto proprio non ancora a reddito;

- Euro 2,9 milioni sono riferibili a finanziamenti per investimenti in strutture impiantistiche in conto proprio a reddito (impianto di trattamento di rifiuti pericolosi e non, autorizzato per 250.000 ton/anno);

- Euro 6,6 milioni sono riferibili a un finanziamento a lungo termine relativo ad un immobile non strumentale all’esercizio di attività operative, attualmente concesso in locazione.

Infine, si segnala che nell’ambito dei crediti commerciali vantati dal Gruppo per Euro 58,9 milioni, è presente una posizione creditoria complessiva verso Pubbliche Amministrazioni pari a circa il 58% del succitato importo che corrisponde a circa l’81% del debito residuo, pari a circa Euro 42,6 milioni.

La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2010 era pari a Euro 76 milioni.

Il Patrimonio Netto è pari a Euro 23,9 milioni, rispetto a Euro 22,8 milioni al 31 dicembre 2010.

Risultati Greenvision ambiente SpA

Nel 2011 la Capogruppo ha registrato un Valore della produzione pari a Euro 0,4 milioni, in linea con il risultato al 31 dicembre 2010 (Euro 0,4 milioni). Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è negativo per Euro 1,5 milioni, in miglioramento rispetto alla perdita di Euro 3,4 milioni del 2010; il Risultato Operativo (EBIT) è negativo per Euro 1,6 milioni, in miglioramento rispetto alla perdita di Euro 15,5 milioni del 2010. Il Risultato netto è in pareggio, rispetto alla perdita netta di Euro 6,3 milioni del 2010.

Fatti di rilievo successivi alla chiusura dell’esercizio

n data 8 febbraio 2012 la società Ladurner Ambiente SpA ha incassato, da parte di Veritas SpA l’importo pari a Euro 6 milioni quale rata a saldo derivante dalla cessione del 20% della partecipazione detenuta nella società Ecoprogetto Venezia Srl, generando un cash-in sul lato finanziario.

Prevedibile evoluzione dell’attività per l’esercizio in corso Nel settore Waste to Energy la società ha in corso la realizzazione di tre impianti, in conto proprio, di produzione di energia elettrica di fonti rinnovabili, la cui messa in esercizio, e quindi a reddito, è prevista a partire dal prossimo esercizio. Il portafoglio ordini della società, con particolare riferimento al settore della

gestione di impianti, e il buon posizionamento delle società operative nei mercati di riferimento portano a prevedere un incremento del volume di affari del Gruppo nel prossimo quinquennio, con un miglioramento della marginalità. Dal punto di vista finanziario, il Gruppo si e mantenuto in equilibrio finanziario nel corso del 2011 e prevede di migliorare tale equilibrio proprio in virtù delle dismissioni di asset non strategici, secondo il modello di business “Build, operate and Transfer”, che garantiranno il reperimento delle fonti di finanziamento per dare corso all’ulteriore sviluppo di tali iniziative.

Azioni proprie

Al 31 dicembre 2011 la Società detiene n. 367.860 azioni proprie (pari al 6,279% del capitale sociale) per un valore nominale di 0,40 Euro per azione. Nell’esercizio 2011 non sono state poste in essere operazioni di vendita.

 

Altre delibere del Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione ha altresì approvato la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari per l'esercizio 2011 e la Relazione sulla remunerazione degli Amministratori e dei Dirigenti con responsabilità strategiche prevista dall’art. 123-ter del D. Lgs. 58/98, che sarà sottoposta ad approvazione dell’Assemblea.

Il Consiglio ha infine convocato l’Assemblea Ordinaria degli Azionisti presso gli uffici della Società in Bolzano (BZ), Via Innsbruck 33, in prima convocazione per il giorno 18 maggio 2012, alle ore 10.00 e, occorrendo, in seconda convocazione per il giorno 21 maggio 2012, stessi luogo e ora.

La convocanda Assemblea sarà chiamata altresì a procedere alla nomina di un amministratore che resterà in carica sino alla data di scadenza dell’attuale Consiglio di Amministrazione, ossia fino all’approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2012.

La documentazione relativa alle materie all’ordine del giorno sarà messa a disposizione del pubblico, nei termini previsti dalla normativa vigente, presso la Sede Legale della Società e presso Borsa Italiana SpA, nonché sul sito internet www.greenvisionambiente.it (sezione Investor Relations).

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento













Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades