FinanzaeDiritto sui social network
26 Maggio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




GO INTERNET: APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

2 Ottobre 2014 - Autore: Redazione


GO internet S.p.A. comunica che il Consiglio di Amministrazione, riunitosi in data odierna, ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2014.

La Società continua la fase di forte crescita con un aumento del fatturato netto nel I semestre 2014 del 48% rispetto al I semestre del 2013. In particolare, raggiunge un fatturato netto di 1.794 migliaia di euro grazie alla crescita dell’area di business dell’Internet Mobile con tecnologia 4G che nel I semestre di quest’anno ha prodotto il 98% di tali ricavi (rispetto ad una contribuzione dell’89% della prima metà dello scorso anno). Di seguito si riporta la suddivisione dei ricavi di vendita del I semestre 2014 per area di business.

Giuseppe Colaiacovo, Presidente di GO internet S.p.A., ha commentato:
“Una forte crescita del business unitamente all’accelerazione delle attività sul mercato ci hanno consentito di raggiungere ottimi risultati in questo primo semestre. Abbiamo saputo cogliere le opportunità fornite dall’internet mobile 4G a conferma che il nostro modello, oltre a essere sostenibile, è in grado di raggiungere incrementi importanti in un arco temporale relativamente breve. La tecnologia offerta da GO è l’unica in Italia a consentire l’accesso ad internet a banda larga su frequenza 3.5 Ghz, senza fili né installazione e con una tariffa flat”.

L’area di business dell’Internet Mobile con tecnologia 4G ha visto crescere il proprio fatturato nelle regioni Marche ed Emilia Romagna, aree territoriali in cui la Società è titolare dei diritti d’uso delle frequenze in banda 3,5 Ghz e offre a famiglie e imprese servizi di connessione internet e voce.
La clientela attiva è aumentata del 53% rispetto al 30 giugno 2013. Il forte sviluppo e l’elevato tasso di penetrazione di GO internet nel mercato è dovuto in particolare al notevole abbandono da parte degli utenti dell’utilizzo di internet via cavo (doppino telefonico). Infatti, nel giro degli ultimi dodici mesi è stato registrato su base nazionale un calo di 640 mila linee fisse, per un totale di 1,06 milioni negli ultimi due anni (Fonte dati: Osservatorio Trimestrale Telecomunicazioni AGCOM).
 
L’EBITDA pari a 625 migliaia di euro contro 284 migliaia di euro nel primo semestre 2013 registra un incremento sia in termini assoluti rispetto al primo semestre dello scorso esercizio (+120%) sia in termini percentuali rispetto ai ricavi (34% del fatturato nel primo semestre 2014, 21% del fatturato nel primo semestre 2013).
Questo risultato è motivato dal forte sviluppo delle vendite e dal miglioramento dell’incidenza dei costi operativi sul fatturato del primo semestre 2014. Infatti i costi operativi, seppur in aumento in valore assoluto, per via dell’ampliamento dell’infrastruttura di rete con l’istallazione di nuove stazioni radio base (locazioni, trasporto banda internet) e del personale diretto e indiretto, evidenziano un miglioramento percentuale (66% nel 2014 vs. il 79% del 2013).

Si registra inoltre come l’EBIT sia cresciuto in termini assoluti (118 migliaia di euro nel primo semestre 2014, rispetto ai meno 45 migliaia di euro nel primo semestre 2013), nonostante un incremento in valore assoluto degli ammortamenti dovuto a nuovi investimenti per l’ampliamento dell’infrastruttura di rete con l’istallazione di nuove stazioni radio base.


Per ciò che concerne i dati patrimoniali e finanziari, al 30 giugno 2014 il capitale investito netto ammonta a 6.201 migliaia di euro (6.079 migliaia al 31 dicembre 2013) ed è costituito per meno 504 migliaia di euro da capitale circolante netto, per 6.777 migliaia di euro da capitale immobilizzato e per meno 72 migliaia di euro da fondi e trattamento di fine rapporto di lavoro.

L’aumento del volume d’affari della Società, insieme agli investimenti del periodo in infrastruttura di rete con l’istallazione di nuove stazioni radio base, ha generato maggiori esigenze di liquidità, fronteggiate mediante l’utilizzo di parte delle linee di credito a breve termine, nonché attingendo alle disponibilità finanziarie esistenti, oltre al flusso finanziario generato dal capitale circolante netto che evidenzia l’efficiente capacità dell’azienda di incassare crediti e negoziare dilazioni di pagamento da parte dei fornitori. Ciò ha influito sulla Posizione Finanziaria Netta che è passata a 6.111 migliaia di euro al 30 giugno 2014 rispetto ai 5.921 migliaia di euro al 31 dicembre 2013.
 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento













Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades